"Tagli discriminatori" Una sentenza smonta lo scippo sulle pensioni

La Corte dei conti chiama in causa la Consulta: scure sugli assegni a rischio incostituzionalità

Il taglio sulle pensioni potrebbe riservare sorprese (gradite) a migliaia di pensionati che hanno subito, nell'ultimo anno e non solo, uno «scippo» di Stato. Come abbiamo già ricordato più volte, le cesoie del governo sono state usate su due fronti: il primo è quello per la riduzione degli assegni alti, il secondo invece riguarda il blocco delle rivalutazioni a pieno regime per gli importi che superano i 1.530 euro mensili. Ma adesso i pensionati potrebbero recuperare il maltolto grazie ad una sentenza della Corte dei Conti del Friuli Venezia Giulia che ha accolto il ricorso presentato dal Cida (la Confederazione dei dirigenti).

I magistrati contabili di fatto usano parole chiare per definire i tagli alle pensioni e rimandano la questione alla Consulta che dovrà tenere conto di alcune indicazioni che arrivano da questa ordinanza. La Corte dei Conti ha infatti affermato che questi provvedimenti «non rispettano i tre fondamentali principi posti dalla Corte Costituzionale in tema di previdenza: ragionevolezza, adeguatezza, affidamento». Poi arriva l'affondo che mette in discussione la legittimità del prelievo che ha ridotto gli assegni di migliaia di pensionati. Lo scippo viene definito come una «decurtazione patrimoniale arbitrariamente duratura del trattamento pensionistico, con acquisizione al bilancio statale del relativo gettito». Insomma il taglio per la Corte dei Conti è arbitrario e serve solo a tappare i buchi delle casse dello Stato. L'ordinanza poi bolla come «discriminatorio» il prelievo sugli assegni alti e dunque chiama la Consulta ad esprimere un parere.

Ma ci sono anche novità sulle rivalutazioni «ridotte» che riguardano gli assegni da 1.530 euro in su. Qui i rilievi sono anche più pesanti perché mettono in discussione le «esigenze di contenimento della spesa pubblica e dunque si dubita sulla legittimità costituzionale». Di fatto la strada verso un ribaltamento del fronte e un possibile rimborso di quanto perduto è aperta. E lo sa bene anche l'avvocato Celeste Collovati che con lo studio Dirittissimo sta seguendo i ricorsi di centinaia di pensionati: «Uno dei punti forti dell'ordinanza - spiega a il Giornale - è proprio il fatto che tali provvedimenti legislativi che stabiliscono i tagli e il blocco perequativo, non rispettano minimamente i tre fondamentali principi posti dalla Corte Costituzionale in tema di previdenza: ragionevolezza, adeguatezza, affidamento». Poi il legale spiega in modo chiaro quali sono le criticità che possono dare il via agli eventuali rimborsi: «Questo prelievo, essendo limitato solo ad una ristretta cerchia di soggetti, si palesa dunque del tutto ingiustificato e discriminatorio, impropriamente sostitutivo di un intervento di fiscalità generale nei confronti di tutti i cittadini». Lo scippo sugli assegni dunque ha il sapore di un vero e proprio «prelievo fiscale». La «manina» di Stato ha infatti stabilito per le pensioni d'oro tagli del 15 per cento per la cifra eccedente i 130mila euro e, a scaglioni, fino al 40 per cento per la parte eccedente i 500.000 euro. Il conto è salato anche per gli altri assegni. Infatti per le pensioni superiori a 3 volte il minimo e inferiori a 4 la rivalutazione è del 97%, del 77% per gli importi tra 4 e 5 volte il minimo, del 52% tra 5 volte e 6 volte il minimo, del 47% oltre 6 volte, del 45 oltre 8 volte e solo del 40% oltre 9 volte il minimo.

Adesso la partita si gioca nel campo della Consulta che ancora una volta sarà chiamata ad esprimersi su una «rapina» nata con un provvedimento che fa acqua da tutte le parti.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 22/10/2019 - 08:52

ricordiamocelo ancora una volta, queste pensioni d'oro sono basate sui contributi che ESSI STESSI (e non lo stato) versano durante i 40 anni di lavoro! giustamente alla fine ricevono la pensione in proporzione a quanto versato! il M5S molto furbescamente ha messo insieme cani e porci (dirigenti e onorevoli) per colpire le pensioni d'oro, e in questo modo volevano rastrellare i soldi che servivano per tappare i buchi nei bilanci! :-) ma visto che sono stati dei babbei, hanno capito fischi per fiaschi, e la consulta (comunque sempre di sinistra) ha giustamente stoppato la questione che riguardava una notevole platea di interessati (e importanti elettori)!

bernardo47

Mar, 22/10/2019 - 09:07

Le leggi incostituzionali dei gialloverdi,vengono al pettine, come pure sta per arrivare al pettine la questione vitalizi, che,con la delibera fico,è stata affrontata in maniera sbagliata, mente poteva esserlo in maniera corretta.

EliSerena

Mar, 22/10/2019 - 09:11

Siate chiari per favore. Chi ha iniziato lo scippo come lo chiamate voi e chi lo ha continuato???? Certamente lo ha continuato il governo Conte con il felpino accondiscendente. Questo governo , che voi chiamate delle tasse rivaluta al 100% le pensioni sino a 30 mila euro in base all'inflazione. Ditelo per essere chiari o volete far apparire questo il governo che ammazza i pensionati??? Comunque non illudete i pensionati. La retroattività per 20 anni non esisterà mai.

bernardo47

Mar, 22/10/2019 - 09:31

Mortimemouse....condivido a grandi linee le sue riflessioni, che valgono anche per le pensioni medie e basse, cui e ‘ stata data dai gialloverdi e poi addirittura ritolta la rivalutazione! La Corte costituzionale invece,sulla materia si pronuncerà tra un po’ di tempo. Siamo al momento in presenza di una corte dei Conti regionale, del Friuli, che ha rinviato alla Corte Cost. la legge in questione, per possibile incostituzionalità sui due punti. E per i grillini potrebbe mettersi male anche sui vitalizi e la delibera fico potrebbe essere invalidata, perché incostituzionale. Poteva invece evitare di esserlo se avessero usato parametri diversi,tipo evitare cumuli di vitalizi, imporre contributi di solidarietà a tempo, ecc.ecc.......invece hanno voluto dare retta a boeri,vero padre della delibera fico Casellati e ora vediamo cosa succede.....

Ritratto di Candidoecurioso

Candidoecurioso

Mar, 22/10/2019 - 09:32

La stessa corte dei conti, e tutte le altre corti non hanno mai saputo trovare arzigogoli per fermare le fregature agli esodati, il blocco della scala mobile e della rivalutazione delle pensioni minime, e tutte le fregature sulla schiena dei poveri e dei lavoratori, mentre sono bravissime a cercare motivi "validissimi" per difendere categorie "contigue" se non inclusive di loro stessi. Avranno ragione in punta di diritto, ma è uno scandalo che li squalifica. Chiamare discriminatorio il fatto che uno paghi il 15% in più oltre i 130mila euro (cioè oltre i primi 10mila euro al mese) è semplicemente infame, visto che in italia il 50% sopravvive con un decimo di questo

tiromancino

Mar, 22/10/2019 - 09:37

Rivoglio i mancati adeguamenti per mio padre ,luridi vigliacchi!

salmodiante

Mar, 22/10/2019 - 10:04

le pensioni decurtate sono in gran parte maturate prima del 1993 e quindi assegnate con il sistema retributivo o misto contributivo/retributivo. Dal 1993 è stata fatta la rapina? a danno di chi? chi sono i mandanti?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 22/10/2019 - 10:32

BERNARDO47 in realtà la soluzione c'era già: bastava tagliare le spese che non fanno funzionare bene l'italia, come la riduzione di spese per la manutenzione dei beni di stato non necessari , personale pubblico in eccesso, stipendi di deputati e senatori, ecc... ma siccome i "lor signori" volevano vivere comodamente sulla groppa dei babbei, questi tagli li hanno spostati sul popolo....:-)

bernardo47

Mar, 22/10/2019 - 10:42

candido e curioso(bel nome!), non la sfiora il fatto che, se lo stato ha necessita', tutti i redditi di qualunque natura, debbano eventualmente concorrere e non solo una parte di essi?.....ci rifletta un pochino sopra e sappia dirmi! se decurteranno il suo stipendio e solo il suo e quello della categoria cui lei appartiene, lei cosa ne penserebbe? ci rifletta, ci rifletta. E' ovvio che le persone, attaccate in questo modo discriminatorio e violento.......si difendono e per fortuna per ora solo in punta di diritto! Peggio sarebbe se si difendessero in punta di pugnale o di forcone! Ci rifetta su'.La saluto.

batpas

Mar, 22/10/2019 - 10:50

Altra presaper il lato B. L' Inps non ha i soldi per rimborsare il maltolto perchè ha dovuto tirare fuori una barca di soldoni per i nullafacenti furbetti del reddito di Grillo e Di Maio.

evuggio

Mar, 22/10/2019 - 10:56

veramente la Consulta si era già espressa molto chiaramente sull'incostituzionalità degli scippi sulle pensioni perpetrati perpetrati dai governi a partire da quello Prodi; poi però si è clamorosamente inginocchiata a pinocchio Renzi validando la sua mancetta (limitata al suo bacino di elettori) smentendo clamorosamente se stessa. Chissà che Barcellona possa far riflettere!

batpas

Mar, 22/10/2019 - 10:58

le pensioni sono state falcidiate per dare soldi a parassiti e fannulloni anche per compensarli della mancanza di stipendi pubblici in uso in molte zone italiane.

Giovmar

Mar, 22/10/2019 - 11:07

faccio presente che e' gia stato trattato l'argomento nel 2016 e le varie sezioni dei tribunali amministrativi presenti nei capoluoghi di regione avevano dato parere di incostituzionalita' del provvedimento.Il sottoscritto insieme a migliaia di altri interessati faceva ricorso, tramite uno studio legale presso la Corte Costituzionale che dopo vari mesi si e' espressa in modo sfavorevole. Allora il ricorso e' partito per la corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo, ma anche questa corte dopo alcuni mesi, dando il parere negativo ha affossato di fatto il tutto. P.s. il parere e' stato pubblicato gia' nel 2018.

Ritratto di babbone

babbone

Mar, 22/10/2019 - 12:16

La corte aveva dato parere negativo al prelievo cioè a favore dei pensionati poi il pifferaio a dato la mancetta noi come abbiamo fatto ricorso che aecondo me era abagliato andava denunciato per abuso di potere in quanto con il suo porere non aveve dato seguito ad una sentenza.

adal46

Mar, 22/10/2019 - 12:33

Lo sceriffo di Nottingham prendeva dove ce n'era... questi fanno altrettanto senza saper mettere mano in tasca a coloro che hanno provveduto a svuotare le tasche nel salvadanaio.

Massimo Bernieri

Mar, 22/10/2019 - 12:42

E' anche anticostituzionale pagare la tassa se mediamente uno detiene al trimestre più di 5000,00 € perché la Costituzione dice che lo stato tutela e incentiva il risparmio in tutte le sue forme.Tenere i soldi in banca è un risparmio non una speculazione ma tant'è che nessuno della Consulta ha avuto nulla da ridire.

carpa1

Mar, 22/10/2019 - 13:04

Ma che stanno a dire quelli della corte dei conti! Dovrebbero ormai aver capito che la costituzione, in questa m... di paese, serve solo al pdr e la sua amica sinistra quando non si vuole mandare i cittadini a nuove elezioni che causerebbero la loro morte definitiva. Per tutto il resto abbiamo una costituzione che viene resa carta da cesso e che può impunemente essere stropicciata da qualunque governo (col beneplacito della magistratura rossa), purchè sia rigorosamente di sinistra, come la storia degli ultimi decenni ci insegna..

agosvac

Mar, 22/10/2019 - 13:06

Non mi meraviglia che la Corte dei Conti come pure la Corte di Cassazione e la Consulta, intervenga sulle pensioni. In fondo i più colpiti da certi provvedimenti sono proprio quelli, come loro, che prendono pensioni neanche d'oro ma di platino che vale molto più dell'oro!!!

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 22/10/2019 - 13:07

A me la pensione l'hanno tagliata già due volte. Ed é una pensione relativamente bassa, poco superiore al limite che ne ha determinato il duplice taglio. Ma ho il difetto di non essere un politico.

Ritratto di rebecca

rebecca

Mar, 22/10/2019 - 13:12

la corte dei conti la consulta legifera sulle rivalutazioni farlocche alle pensioni degli italiani. I politici ignoreranno ciò che che verrà stabilito con tale legge il redivivo di rignano alcuni anni fa tracciò la strada da seguire. NON EFFETTUARE ALCUNA RIVALUTAZIONE O RIMBORSO.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 22/10/2019 - 13:27

CARPA1 esattissimo! proprio cosi! e l'unico ad averlo capito e fermato è stato Berlusconi ....

peter46

Mar, 22/10/2019 - 14:28

Candidoecurioso...ottima disamina e condivisibile totalmente...e quel che insinuano le m s non deve farci nè caldo nè freddo.

peter46

Mar, 22/10/2019 - 14:37

carpa1...ottima sxxx mentale...t'è venuta di getto stamane o l'avevi tenuta nel cassetto per postarla alla prima occasione?Certo che quando c'erano al governo i ns amici gli aumenti delle pensioni e la 'perequazione' erano all'ordine del giorno,vero?Come quei 50 euro unatantum messi da Tremonti su carta d'acquisto per i poveri,che non arrivavano,non arrivano e non arriveranno alla fine del 10mo giorno mensile,...VUOTA di liquido.

peter46

Mar, 22/10/2019 - 14:39

E ti pareva che potesse succedere il contrario?"Cane non mangia Cane",ed ecco servito l'assaggio che cassazione confermerà dato che anche da quel lato "cane non mangia cane"....toccali nella tasca e sei f.

Blueray

Mar, 22/10/2019 - 15:25

La Consulta dirà che la Corte dei Conti ed i pensionati hanno ragione e che devono essere risarciti. Il governo dirà che non ci sono soldi e la sentenza della C.d.C. avrà il valore di un foglio di carta igienica. Non è nuovo il caso della Consulta che sentenzia al vento e dello Stato che tira dritto ignorando le decisioni di quella. Avvenne non molti anni fa proprio sugli adeguamenti pensionistici.

Ritratto di Candidoecurioso

Candidoecurioso

Mar, 22/10/2019 - 15:31

@bernardo 47 : Il 1789 e il 2019 si somigliano : Nel 1789, in Francia, su 26,8 milioni di francesi, nobili e clero erano appunto quegli 800 mila dopo la virgola, ovvero meno del 2,8% della popolazione. Proprio come ora in Italia il 2,7% prende oltre i 70mila euro lordi l'anno, ovvero alte dirigenze, grandi professionisti, magistrati e politici (dati istat 2018). Si legga qualche discorso fatto dai nobili in quei giorni sull'ingiustizia della tassazione pretesa a loro carico e sull'inutilità di accanirsi su una percentuale miserrima di contribuenti per risanare le casse di uno stato in bancarotta. Vedrà che ritroverà la maggior parte delle tesi sue e di quelle delle varie corti... NB. Candido... vorrebbe essere quello di Voltaire ...

bernardo47

Mar, 22/10/2019 - 15:39

Bluejays.....allora vi fu la manipolazione renziana! E pensionati,lo hanno,purgato! Poi hanno purgato i grillini! Avanti il prossimo!

bernardo47

Mar, 22/10/2019 - 15:43

Carpa 1 non me ne voglia, ma Lei ragiona proprio come un pesce e pure di acqua dolce...

ghorio

Mar, 22/10/2019 - 15:48

Sì , ma è sperabile che la Consulta non sia al servizio del governo in carica, perché il blocco della rivalutazione è stato ed è scandaloso, oltre che anticostituzionale.

annagl

Mar, 22/10/2019 - 16:52

Vi prego correggere la cifra di pensione lorda oltre la quale scatta la prima aliquota (15%) di questo contributo di solidarietà. Trattasi infatti dell'eccedenza oltre i 100.000 e non oltre i 130.000. Altrimenti si alterano i termini della questione. Vi invito ad una maggiore attenzione. Grazie

ilrompiballe

Mar, 22/10/2019 - 16:54

Il fatto di essere eletti in Parlamento ha fatto ritenere a certi individui (e relativi partiti) di poter fare il bello e il cattivo tempo, quasi fossimo in una monarchia assoluta. Grazie a Dio siamo una democrazia e ci sono delle garanzie costituzionali da rispettare, piaccia o meno a lorsignori.

sparviero51

Mar, 22/10/2019 - 17:28

CHIUDERE SENATO E PARLAMENTINI REGIONALI . SAI QUANTI SOLDI SI RISPARMIANO !!!

bernardo47

Mar, 22/10/2019 - 18:11

sparviero 51 ameno.....; se servono risorse per lo stato, vanno recuperate su tutti i redditi di qualunque natura e non solo e incostituzionalmente sui pensionati che usufruiscono di salario differito!

bernardo47

Mar, 22/10/2019 - 18:15

hanno tagliato le pensioni tagliandole di tre miliardi e mezzo, per erogare la pensione di cittadinanza e il reddito di cittadinanza a sbafo, truffaldino nel 70% dei casi e a carico delle tasse che noi paghiamo......vergogna! serve lavoro non queste porcherie indegne e clientelari cari gialloverdi che le avete congiuntamente approvate! e pure difese, nel parlamento e nel paese!

Ritratto di babbone

babbone

Mar, 22/10/2019 - 18:43

Ci vuole un grande avvocato che abbia il caraggio di denunciare altro che ricorsi a seguito di denuncia con sentenza a favore devono pagare con ricorso ci fanno spendere e basta.

morello

Mar, 22/10/2019 - 19:16

La legge che blocca in tutto o in parte la perequazione delle pensioni da anni è a ragione considerata discriminatoria e truffaldina visto che viola unilateralmente un contratto fra stato e cittadino. Cio' pero' non è stato mai riconosciuto ed i vari governi di sinistra ( e recentemente anche i 5S ) se ne sono sempre serviti per fare cassa ,infatti con la scusa della "redistribuzione della ricchezza" , visto che i ricchi avrebbero contribuito complessivamente molto poco, hanno pensato bene di "REDISTRIBUIRE LA POVERTA' " colpendo pensioni a partire da 1530 € LORDE !Ma ,come ho detto , il vero scopo della regola è : mungere da tutti il piu' possibile a partire dai piu' indifesi ...indifesi anche dal centrodestra che non ne ha mai fatto una vera battaglia ignorando politicamente un principio liberalista e perdendo anche l'opportunità di raccogliere le simpatie di milioni di cittadini

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mar, 22/10/2019 - 19:27

Mandiamo a casa questo Governo che vuole mettere le manette a tutti. I pensionati hanno tutti i diritti e i giovani dovrebbero avere lavoro per fare figli e avere un futuro. Forza Italia e shalòm.

Iacobellig

Mar, 22/10/2019 - 20:33

Di maio, ignorante, prendi nota. Cretino!

Iacobellig

Mar, 22/10/2019 - 20:34

Di maio: solo danni al paese.

bernardo47

Mar, 22/10/2019 - 21:59

rendere il maltolto ai pensionati che sono quelli che hanno fatto grande l'italia!

bernardo47

Mar, 22/10/2019 - 22:32

sparviero 51, trattandosi di organi costituzionali, e' complicatina la sua proposta ......recuperare sui 132 miliardi di evasione fiscale invece, cosa ne pensa? altro che parlamenti e ineludibili organi costituzionali!

Pigi

Mer, 23/10/2019 - 06:55

Le cifre sparate sull'evasione sono aleatorie e incontrollabili. Sono come gli accertamenti per i famigerati "studi di settore", somme inesistenti, che infatti non sono state incassate, ma che hanno costretto migliaia di esercizi a chiudere (e licenziare i poveri dipendenti). Le somme che si possono risparmiare con i tagli alle pensioni e agli stipendi d'oro e d'argento, invece, sono reali.

Ernestinho

Mer, 23/10/2019 - 07:19

Finirà come la sentenze che il caro "renzi" disattese!