Taglio dei parlamentari, c'è l'ok del Senato

Via libera dell'Aula di Palazzo Madama. Di Maio esulta: "È la fine di un'ingordigia politica andata avanti per decenni. Questi soldi saranno restituiti alla comunità"

Il Senato ha dato il terzo ok al ddl costituzionale relativo al taglio dei parlamentari, che dopo aver incassato 180 voti a favore dovrà passare alla Camera per la quarta e ultima lettura per l'approvazione definitiva. Al fianco della maggioranza si è schierato anche il gruppo di Fratelli d'Italia. I 50 no sono arrivati dal Partito democratico e dal restante centrosinistra; alla votazione non ha partecipato Forza Italia. Festa tra i banchi del Movimento 5 Stelle.

In Aula a Palazzo Madama erano presenti anche diversi ministri: il Guardasigilli Alfonso Bonafede, il ministro della Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno, il vicepremier pentastellato Luigi Di Maio, il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro, il vicepremier leghista Matteo Salvini e il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli.

Le reazioni

Di Maio ha espresso la propria soddisfazione rilasciando alcune dichiarazioni ai giornalisti presenti: "È la fine di un'ingordigia politica andata avanti per decenni, un'altra promessa mantenuta che aspetta la votazione, verosimilmente nei primi giorni di settembre. Questo è l'ultimo dei passaggi prima della votazione definitiva alla Camera. Una riforma che per sempre taglierà le poltrone e farà risparmiare circa 500 milioni di euro a legislatura. Con questi soldi possiamo acquistare 2.500 autobus, costruire asili. Soldi che saranno restituiti alla comunità".

Sul proprio profilo Facebook Matteo Salvini ha postato un selfie con pollice in alto in segno di ok e sorriso soddisfatto: "Taglio 345 parlamentari fatto". E poi intervenendo in diretta social ha commentato: "Bene il taglio dei parlamentari, in meno si lavora meglio".

Il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni ha dichiarato: "Se oggi il Senato ha detto sì al taglio dei parlamentari è grazie al sostegno fondamentale di Fratelli d'Italia. La maggioranza da sola non aveva i numeri in Aula: servivano 161 voti, ne ha espressi solo 159. Solamente grazie al voto di parte delle opposizioni il provvedimento è passato, e in particolare grazie al voto favorevole di Fratelli d'Italia. Ora chiediamo al M5S e alla Lega di dimostrare il nostro stesso buon senso e sostenere le proposte che FdI ha formulato sul piano costituzionale: l'elezione diretta del Presidente della Repubblica e l'abolizione dell'istituto ottocentesco dei senatori a vita".

Luca Ciriani, capogruppo di FdI, ha spiegato che la riforma ha avuto il loro appoggio poiché "è quello che abbiamo promesso ai nostri elettori in campagna elettorale e perché appartiene alla nostra storia". E poi ha sottolineato: "Non c’è una nuova maggioranza. La nostra resta un’opposizione di patria, non c’è stata nessun trattativa né scambio per chiedere alcunché".

Commenti

Duka

Gio, 11/07/2019 - 13:39

Questo è positivo ma stiamo a vedere come finirà. Se farà la stessa fine del "reddito di cittadinanza, di "quota 100" della Flat Tax, del "soppressione del vitalizio" ecc.ecc. tutte balle

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 11/07/2019 - 13:42

Dato che i parlamentari costano come i magistrati che, sono addirittura 5000, spero si proceda a tagliate in proporzione anche le toghe.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 11/07/2019 - 13:51

La ridondanza giudiziaria é criminogena. I maschi sono poligami o Lgbt ed usurpano il potere monocratico spettante al capofamiglia perché Dio comanda di onorare il padre. Le spose sono insidiate, non hanno voglia di procreare e a volte si prostituiscono, togliendo alla prole la figura paterna. Dunque urge ripristinare il matrimonio indissolubile per diminuire la criminalitá e risparmiare sui magistrati inutili che saranno un 20/25%.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 11/07/2019 - 14:17

Bene il "voto responsabile" di FdI!Male(come al solito),la posizione dei pusillanimi "forzisti"(che alle prossime elezioni,pagheranno anche per questa "mossa")!

Adespota

Gio, 11/07/2019 - 14:32

Dai risultati delle votazioni in aula si può evincere chi fa o ha fatto finta di fare le riforme utili al Paese e chi invece le fa per davvero. Sinceramente non comprendo nè il significato, né la pertinenza dei precedenti tre commenti.

Ritratto di bimbo

bimbo

Gio, 11/07/2019 - 14:46

Finalmente!!!!!! come le banche più ci sono e più danni fanno.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 11/07/2019 - 14:59

Abbiamo il Parlamento più affollato del Mondo, per cui sono contento dell'iniziativa dei 5Stelle, volta a ridurre il numero dei Parlamentari. Per altro, ciò di cui la Repubblica Italiana ha più bisogno é l'eliminazione delle doppie "Camere", Camera dei Deputati e Senato, quasi un unicum mondiale. Notoriamente si tratta di una duplicazione estremamente dannosa, sia per il protrarsi nel tempo della elaborazione di una legge, sia per il "palleggiamento" della stessa legge, magari con "incoraggiamenti" economici.

TITTI63

Gio, 11/07/2019 - 15:41

È chi non ha dato i voti? Tutti i sinistroidi, pidioti e co.

bernardo47

Gio, 11/07/2019 - 16:28

ho seguito parte del dibattito nel senato! roba da fare accapponare la pelle tanta e' la incompetenza tra i grilloidi.....e non solo!!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Gio, 11/07/2019 - 16:41

Ottima decisione. Adesso riforma per elezioni dirette del PdR e del CSM.

bernardo47

Gio, 11/07/2019 - 16:51

col referendum ci divertiremo un sacco! come con renzi!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 11/07/2019 - 23:45

Chiaramente i parassiti hanno votato conrto. No, non ci posso credere, tutto il PD, ma avevano sempre giurato che...ah, beh, quello lo fanno sempre, il giurare, poi fanno l'esatto opposto.

abocca55

Ven, 12/07/2019 - 08:08

E FI ancora una volta ha dato scandalo: è uscita dall'aula senza dare il suo voto, disgustando sempre di più i Cittadini. Ormai è chiaro che siete un partito di sedentari che vivono, ancora per poco, di privilegi. La pacchia sta per finire. Anna Maria, ti abbiamo sovra-valutata, sei una grande delusione! Parlare contro la riduzione dei parlamentari è una VERGOGNA!