Tajani debutta da "premier": "A disposizione della Patria"

Il giorno dopo il «sì» incontro e pranzo con Berlusconi: «Sono figlio di militare, grande amore per l'Italia»

«S ono a disposizione della mia Patria, poi le decisioni le prenderanno i cittadini con il voto e il Capo dello Stato. Se non sarà così continuerò a fare il presidente del Parlamento europeo altrimenti cercherò di servire nel modo migliore la mia Patria», dice Antonio Tajani, partecipando a una tribuna politica organizzata dal Canova Club. «Sono figlio di militare, la prima cosa che ho imparato a disegnare è il Tricolore e tutto quello che ho fatto, l'ho fatto sempre perché ho un grande amore per la mia Patria. La decisione della corte di Strasburgo sulla candidabilità di Berlusconi non arriverà prima della nascita del nuovo governo. E ieri sera ho risposto in modo positivo alla richiesta di Berlusconi». Rispetto all'essere «presidente italiano di un'istituzione europea, un presidente del Consiglio può dare un contributo maggiore all'Italia. Se si vuole contare di più, è importante avere un premier, chiunque esso sia, che faccia ascoltare l'Italia al Consiglio europeo».

Il primo giorno da candidato premier Tajani lo trascorre a Roma, diviso tra gli uffici della rappresentanza del Parlamento europeo nella Capitale e Palazzo Grazioli. Dopo la sofferta scelta di mettersi in gioco il presidente dell'aula di Strasburgo arriva all'ora di pranzo nella residenza romana di Silvio Berlusconi per quello che tutti subito definiscono il «pranzo dell'incoronazione», un lungo e cordiale incontro alla presenza di tutti i collaboratori che dura oltre cinque ore e nel quale viene anche messo a punto uno studio sui fondi europei con cui dare lavoro al Meridione.

In mattinata era stato lo stesso Berlusconi a tornare sulla scelta. «Alla fine - dice a Mattino 5 - siamo riusciti ad avere da Tajani la sua disponibilità, non è stato facile per lui. Lui ha messo il suo Paese davanti all'Ue. La mia richiesta ha fatto breccia, non entrerà in campagna elettorale oggi ma ha detto che nel caso noi avessimo una maggioranza con Forza Italia primo partito lui è disponibile a presiedere il governo».

Il faccia a faccia che va in scena non è certo un incontro di routine tra due persone che pure si conoscono da 25 anni e hanno condiviso la fondazione e la storia di Forza Italia. Qualcuno lo descrive come l'affettuoso confronto tra padre e figlio, una sorta di passaggio delle consegne, una investitura diversa da quelle del passato, visto lo spessore del personaggio. «Quando ci sarà bisogno mi chiamerai, devi guidare la coalizione e rinnovare il partito», la raccomandazione di Berlusconi. Si ragiona sull'effetto che la candidatura Tajani potrebbe avere sul Meridione, dove M5S ha il suo granaio di voti. E anche sul gradimento del mondo cattolico. Poi, finito il pranzo, la sua prima uscita all'Hotel Parco dei Principi dove, sollecitato a farlo, torna a spiegare la scelta di coscienza effettuata a suo tempo, con la rinuncia a oltre 400mila euro. «Decisi di rinunciare alla buonuscita da commissario europeo perché mi sembrava giusto che un politico condividesse i problemi gravissimi di lavoro che all'epoca vivevano gli italiani e gli europei». Infine un pensiero sul surreale dibattito su fascismo e antifascismo. «Mi sembra superato. Il fascismo non tornerà più. Il comunismo non tornerà più». E un auspicio per i futuri rapporti con l'Europa. «L'Italia per contare di più dev'essere più presente in Europa, deve avere una presenza più ramificata, deve essere presente a tutti i Consigli, scegliere i portafogli giusti: considero capace Mogherini ma è stato sbagliato scegliere la politica estera come portafoglio».

Commenti

Luigi Farinelli

Sab, 03/03/2018 - 10:38

Tajani chiarisca subito lealmente agli Italiani perché l'Ue franco-tedesca ci ha ridotto a pollo da spennare. Cominci dalle parole (2011) dell'ex Pres. della Confindustria tedesca Hans-Olaf Henkel sul suicidio dell'Italia come potenza economica mondiale: "L'Italia era per noi tedeschi un concorrente formidabile e i prodotti made in Italy erano imbattibili. L'Euro ha distrutto la vostra economia..." (esattamente ciò che volevano gli industriali tedeschi). Dica che all'Italia, in avanzo primario dagli anni '90 con la spesa pubblica al netto degli interessi costante fra 2005-15 e con avanzo statale primario (il più alto della Ue e nei paesi avanzati nel 2005-15) è stata imposta una criminale cura "lacrime e sangue" per ridurre le spese, inutile contro il debito per interessi mentre la Germania bara continuamente su tutto e le dobbiamo pure pagare la deficienza delle sue banche prendendo solo schiaffi.

Ritratto di moshe

moshe

Sab, 03/03/2018 - 11:53

PATETICO SERVITORE DELLA UE !!! ci dica in che modo vorrà essere il servitore della patria, finora è stato soltanto un PATETICO SERVITORE DELLA UE a danno del nostro paese !!!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Sab, 03/03/2018 - 12:26

grazie per la disponibilita'..ma a capo del governo italiano è da preferire un antieuropeista!! l'europa ci ha gia' fatto danni irreversibili.

Divoll

Sab, 03/03/2018 - 14:00

Solo votando Salvini si potra' evitare questo premier europeista, o ci ritroveremo di nuovo nella stessa situazione in cui siamo stati negli ultimi 6 anni.

Ritratto di Pilsudski

Pilsudski

Sab, 03/03/2018 - 14:54

Nel prodursi in tali esternazioni, il Don Abbondio candidato premier di FI evidentemente pensa, come il suo predecessore manzoniano, che "la patria è dove si sta bene"; ed in effetti l'Europa, che per lungo tempo gli ha riservato una sinecura pagata centinaia di milioni di euro all'anno, e' la sola patria che e' pronto a servire.

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 03/03/2018 - 14:55

Se fosse intellettualmente onesto, si dimetterebbe da Presidente del Parlamento Europeo. Troppo facile stare in due forni, e tornare all'ovile in caso di insuccesso.

hellas

Sab, 03/03/2018 - 15:04

Luigi Farinelli...complimenti sinceri, il suo è un intervento perfetto, esemplare....sono convinto anche io che il nostro Pase si sia suicidato ( anzi sia " stato suicidato" da Prodi, Ciampi e da tutti colori i quali ci hanno infilato in questo incubo ) ...per questo non sono convinto fino in fondo di votare per un centrodestra diventato europeista tanto quanto la sinistra .... A questo punto sceglierò una forza più nettamente sovranità. Saluti e complimenti per l'intervento.

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 03/03/2018 - 22:42

Ma il Tajani giornalista di Montanelli non prova vergogna ad essere associato oggi a questo quotidiano di proprieta` di un pregiudicato, che porta avanti istanze fasciste e xenofobe, covo prediletto della marmaglia fascista che ancora si aggira in Italia dopo essere stata sdoganata dalle fogne in cui l'aveva relegata la Storia, proprio dal Pregiudicato, per raccattare voti di qualunque tipo e salire al potere? Si rende conto Tajani che Montanelli si sta rivoltando nella tomba per come si e` ridotto il SUO Giornale? Smettetela di dipingere questo mediocre burattino come un qualche eroe di qualcosa. E` solo un mediocre burattino, che Berlusconi spedi` subito in Europa, perche' neanche lui aveva il "quid".