Tasi, sarà stangata record È il regalo delle giunte rosse

L'analisi della Cgia di Mestre: le città più care sono Bologna, Roma e Bari La Tari invece colpisce al Sud, aliquote massime in un capoluogo su due

A pochi giorni dalla scadenza, il 16 ottobre, del versamento della prima rata della Tasi (il tributo sui servizi indivisibili, vero e proprio rebus per i contribuenti italiani), la Cgia di Mestre si prende la briga si spulciare tutte le delibere approvata dai capoluoghi di regione italiani su Tasi, Tari (la nuova tassa sui rifiuti) e addizionale Irpef per stabilire che il non proprio invidiabile primato di assoggettare i propri cittadini alle tasse comunali complessivamente più elevate di tutta la Penisola è detenuto da Bologna, Roma e Bari. La classifica, redatta dall'ufficio studi della Cgia calcolando il prelievo subito da una famiglia tipo di 3 persone, mette in luce divergenze abissali tra città e città. Nel caso di un'abitazione di tipo civile A2, ad esempio, a Bologna la stangata ammonta a 1.610 euro, a Genova a 1.488 euro, a Bari a 1.414 euro e Milano, a 1.379 euro. Meglio forse, potendo, trasferirsi ad Aosta dove si pagano in tutto «solo» 551 euro.

Più in dettaglio l'addizionale Irpef quasi dovunque raggiunge l'aliquota massima dello 0,8%. La Tari, invece, colpisce soprattutto a Sud: considerando sempre un'abitazione di tipo civile A2 abitata da tre persone, a Cagliari si pagheranno 653 euro, a Napoli 522 euro mentre a Firenze 217. Per la Tasi infine, solo Aosta, tra i capoluoghi di regione, ha applicato l'aliquota base dell'1 per mille. Ben nove capoluoghi (su 18) hanno deciso direttamente di applicare il valore massimo consentito per le abitazioni principali (3,3 per mille). Veri e propri salassi per i cittadini che, negli ultimi anni, hanno visto crescere esponenzialmente le imposte comunali nonostante servizi non esattamente impeccabili. Tutta colpa, a giudizio di Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia, «dei pesantissimi tagli ai trasferimenti che lo Stato centrale ha praticato nei confronti degli enti locali». Negli ultimi cinque anni, come segnala la Cgia, a Roma sono arrivati 667 milioni in meno, a Milano 317,7, a Napoli 199,6, Torino 158,9 e a Genova 110,8.

I contribuenti intanto si preparano ad affrontare il rompicapo della Tasi, l'unica imposta sul valore dell'immobile che si paga a livello locale e forse le tasse più odiate per la poca chiarezza sui termini di pagamento. Per la stragrande maggioranza degli italiani mancano, infatti, pochi giorni alla scadenza prevista per legge per il versamento della prima rata della Tasi (50% del dovuto su base annua). Eppure non tutti i dubbi sono stati risolti. Entro giovedì 16 ottobre dovranno pagare l'acconto sulla Tasi tutti coloro che hanno in proprietà o possiedono a qualunque titolo immobili e aree edificabili nei comuni che hanno deliberato le aliquote entro il 10 settembre (in caso di mancato invio delle deliberazioni entro il termine previsto, il versamento della Tasi è effettuato in un'unica soluzione entro il 16 dicembre 2014, data di scadenza anche per la seconda rata dell'imposta, con l'aliquota minima dell'1 per mille). Il provvedimento riguarda tra l'altro Roma, Milano, Verona, Bari, Firenze e Palermo, ma fortunatamente sul web si può trovare l'elenco completo. Il tributo varia da città a città. La base imponibile è la rendita catastale, rivalutata del 5%, a cui si applicano i moltiplicatori a seconda della tipologia immobile. Le aliquote tuttavia sono stabilite a livello locale entro tetto massimo fissato dalla legge. Il risultato? Iniquo. Per Guglielmo Loy, segretario confederale Uil, con la Tasi, prevista dalla Legge di Stabilità 2014, «pagherà un po' di più chi prima era esente o pagava cifre basse e pagheranno molto meno i proprietari di quelle abitazioni con rendite catastali elevate».

Commenti

gio 42

Dom, 12/10/2014 - 18:11

Buonasera, questo è il risultato (in Italia si vedono sempre dopo anni) del pellegrinaggio fatto a Roma qualche anno fa dall'associazione comuni d'Italia, quando c'era un governo comunista, mi sembra di ricordare d'alema. Poi negli anni a seguire tentarono di dare la colpa, delle tasse locali, all'abolizione dell'ICI e al suo promotore. Lo stato diventerà padrone di tutti gli immobili, fregandosene dei sacrifici che hanno fatto gli italiani ad impastare il sabato e la domenica del cemento, regalandoli agli sfaticati dei centri sociali, e a tutti i "poveri" con il telefonino in mano che vengono da tutto il mondo. La Russia del benefattore STALIN in questa materia a fatto scuola. E per chi non lo sapesse questo non è che l'inizio. Saluti

Giorgio5819

Lun, 13/10/2014 - 11:03

Il problema è che ci sono ancora troppi italiani che credono ai parassiti rossi, beata ignoranza, ma questi vanno fermati.