Tav, Toninelli grida al complotto "Numeri patacca dei poteri forti"

Il grillino: «Falsi i dati per dimostrare l'utilità dell'opera» Ma Fassino lo inchioda: «Le cifre sballate sono solo le sue»

Roma Toninelli al contrattacco. Il ministro dei Trasporti alza la voce sulla Tav, dopo le polemiche degli ultimi giorni e le schermaglie tra lui e il professor Pierluigi Coppola sull'analisi costi-benefici dell'Alta velocità, e rievoca l'ombra dei poteri forti, in grado di propalare a mezzo stampa polpette avvelenate per spacciare la Tav come una grande opera necessaria. E invece, per Toninelli, quei numeri virtuosi sulla Torino Lione, circolati negli ultimi giorni sulla stampa e attribuiti, in parte, proprio al contributo di Coppola al dossier sull'Alta velocità (che invece ha bocciato senza mezzi termini la Tav), altro non sarebbero che fake news. Anzi, una «grossolana patacca», per usare il linguaggio a dir poco diretto con cui la nota del ministero guidato da Danilo Toninelli stronca i benefici stimati «tra 400 milioni di euro e 2,4 miliardi» che la realizzazione della Tav comporterebbe, stando alla tabella di cui sopra. Un «falso clamoroso», insiste la nota parlando ancora della «tabella di cui nemmeno Coppola risulta autore», prosegue il Mit, «e che peraltro non è mai pervenuta alla Struttura Tecnica di Missione del Ministero tra la documentazione ufficiale sul dossier».

Quale sia l'origine di quella lettura in chiave ottimistica dell'Alta velocità, insomma, sarebbe un mistero. Ma il ministro, attraverso la nota del dicastero, ne approfitta per attaccare stampa e giornalisti. «Se per una volta i giornali si fossero presi la briga di fare un minimo di verifica ringhia ancora il comunicato firmato dal Mit - si sarebbero resi conto di avere tra le mani un pacco in piena regola». E come si poteva comprenderlo? «Basti considerare che questa nota riporta un costo di ripristino dello stato dei luoghi gonfiato persino rispetto alle stime di Telt», spiega poi la nota del Mit, che si dice pronto a indagare: «Il ministero cercherà di accertare l'origine di questa polpetta avvelenata che ha generato, al di là delle legittime posizioni scientifiche e politiche, un grave inquinamento del dibattito sul Tav, spingendo la grande stampa a strumentalizzare e a propalare una serie di fake news che meriterebbero attenzione da parte dell'Ordine dei giornalisti». La sfuriata innesca però la replica di Piero Fassino, che accusa Toninelli di aver sparato lui fake news sulla Tav, spacciando il progetto come «vecchio di 30 anni» mentre è del 2017, sottostimando i flussi di traffico che invece giustificherebbero l'opera, sminuendo la riduzione dei tempi di percorrenza «che invece si dimezzerebbero» e negando le penali che invece ci sono, come pure non sarebbe vero che sia la Francia che la Ue riterrebbero l'Alta velocità sulla Torino Lione «non interessante». Fino all'ultima «bufala», per Fassino, quella secondo cui «non fare la Tav consentirebbe di spendere 8 miliardi in altre opere, quando il costo della Tav per l'Italia è di 4,7 miliardi».

Commenti
Ritratto di C.Piasenza

C.Piasenza

Dom, 17/02/2019 - 09:35

Questo tizio faceva il liquidatore di danni automobilistici : possiamo pensare che capisca ciò di cui va cianciando ?

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Dom, 17/02/2019 - 09:36

Se, come asserisce toninelli, sono i"poteri forti" che spingono per la realizzazione di questa (tav-corridoio 5) o, perchè no, come potrebbero fare per altre tratte (Tav Roma Pescara,) visto che il loro unico scopo è quello di far soldi, non si domanda del perché gli stessi "poteri forti" molto semplicemente non optano per la Roma-Pescara, lucrando anche sui costi per il ripristino dovuto all'abbandono della Tav torinese? I soldi sono sempre i soldi, indipendentemente da dove arrivano, così pure gli interessi mafiosi si spostano dove ci sono i quattrini che girano, meglio se a vuoto come spesso succede nel meridione d'Italia.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Dom, 17/02/2019 - 09:41

".... di avere per le mani un pacco in piena regola" e si, toninelli, ..... un "pacco", appunto .... più "pacco" di così ....

michele lascaro

Dom, 17/02/2019 - 09:45

Se Isabella di Castiglia si fosse attenuta allo stantio concetto "analisi dei costi-benefici" Colombo non avrebbe mai avuto la possibilità di partire, l'America sarebbe stata scoperta da altri, il mondo latino-americano non avrebbe avuto l'uso prevalente della lingua spagnola, la Spagna non avrebbe avuto il boom economico-militare per centinaia di anni, ecc. ecc. Questo dimostra che Isabella e gli spagnoli, non erano assolutamente...tonti!

EnricoV8

Dom, 17/02/2019 - 09:45

Ma se si parla di "patacca" la numero uno è il ministro Toninelli! Da quando è al governo non ne ha ancora azzeccata una ed ogni volta che parla spara boiate a dimostrazione della propria preparazione!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 17/02/2019 - 09:48

Non eseguire opere pubbliche è semper negativo. Avranno un'utilità nel tempo, e quindi guadagni e/o risparmi, producono lavoro permolte persone, indotto compreso. Ma per certi fancazzisti, abituati a fare i parassiti, sono contrari alla parola sviluppo e lavoro.

Ritratto di pinox

pinox

Dom, 17/02/2019 - 09:48

ma che cosa vuol giudicare questo pseudo ministro che, dopo il blocco per neve dell'autostrada del brennero voleva punire i responsabili ai vertici della gestione, cioè se stesso???....ma solo in italia un ministro che dice una cosa del genere che dimostra la sua massima disinformazione ed incompetenza non viene costretto a dimettersi.....questo al massimo puo' azzardare di decidere al posto di sua moglie come fare la spesa al supermercato ma niente di piu'.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 17/02/2019 - 09:49

Ma scusa Toninelli, ma pagare la cassa integrazione e la disoccupazione, non ci costa di più e senza creare niente? Che dire delle mille strutture mai completate o mai andati in uso? Pensi che non continueranno a costruire cattedrali nel deserto? Almeno questo una volta finito anche se passasse un solo tir al giorno (solo esempio) qualcosa è servito.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 17/02/2019 - 09:51

Allora se è questione di speculazione, non sarebbe più giusto rivedere i costi se sono stati gonfiati?

pier1960

Dom, 17/02/2019 - 10:08

capisco che anni di condizionamenti ci impediscano di ragionare senza pregiudizi....ma ci rendiamo conto che le opere faraoniche sono un boccone ghiotto per i soliti noti, mentre la gente comune percorre viadotti pericolanti, ferrovie a binario unico, manda i figli in aule che crollano? ma queste opere non permettono di lucrare in modo esagerato e senza controllo.... e ancora avete fiducia in quello che scrivono i giornali che nessuno legge ma che stano in piedi grazie ai finanziamenti pubblici?

pier1960

Dom, 17/02/2019 - 10:10

grazie a toninelli abbiamo scoperto che autostrade aveva un rendimento minimo garantito del 10% sul capitale investito, che i pedaggi autostradali che incassa comprendomo già opere quali la bretella di genova che non realizzeranno mai...ma la concessione è stata segretata per anni, c'è voluto un cambio di governo....rendiamoci conto che siamo sempre stati trattati da sudditi, ma forse tanti italiani hanno paura o non hanno convenienza a diventare cittadini!

pier1960

Dom, 17/02/2019 - 10:12

se qualcuno tra toninelli e fassino ha dubbi su chi preferire, allora si merita il ritorno di renzi e della sua cricca

cgf

Dom, 17/02/2019 - 10:37

manine, complotti, poteri forti, scie chimiche, tutto per nascondere la manifesta incapacità. i Komunisti rimangono sempre gli stessi, è colpa loro se ad esempio la metro di Torino... non serve, bastano i bus! Per loro era troppo la cosiddetta autostrada dei laghi, perché fare autostrade era fascista. Avrei mille esempi, eclatante poi quello dei NOTAV e poi li trovi proprio sulle frecce, mica sui regionali.

nonna.mi

Dom, 17/02/2019 - 10:45

Credo, sorridendo non potendo fare altro, che il cognome di questo "strano ministro" diventerà utile per raggruppare insieme epiteti quali: incapace, incongruente,pallonaro,visionario di trafori alpini inesistenti,contrario ad ogni Sì intelligente... Myriam (un saluto cordiale a Leonida 55)

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Dom, 17/02/2019 - 11:10

X pier1960: "....la bretella di Genova che non realizzeranno mai .... ma la concessione ...." mettiti d'accordo con te stesso, guarda che i tuoi amici adesso sono al governo e, guarda caso, chi ha osteggiato fino all'ultimo l'esecuzione della gronda di Genova sono proprio loro ...

HARIES

Dom, 17/02/2019 - 11:13

E' evidente che attorno alla TAV ci sono i mangia franchi a tradimento. Chiamateli come volete, anche poteri forti. Ma è sicuramente il mix di politici corrotti, caste, cordate, lobby, e chi più ne ha più ne metta. E poi c'è tutta quella classe politico-sociale (sindacati e confindustria compresi) che applica la famosa regola del bastian contrario.

Ritratto di ..nonnaBelarda...

..nonnaBelarda...

Dom, 17/02/2019 - 11:21

TROPPO onesto per fare il ministro dei trasporti della repubbliqetta

Villanaccio

Dom, 17/02/2019 - 11:23

Gentile ministro, Dovrebbe gentilmente spiegare ad un povero ed ignorante italiano ( che ha letto la relazione dei cosiddetti "esperti".....) che se si vuole fare una ferrovia per mettere apposta le merci su treno e non nei TIR per ridurre i costi di trasporto e l'inquinamento, come in tutta Europa, nel conto dei "costi" dovrebbero mettere i minori introiti per le accise sulla benzina e quindi RISPARMIANDOLA,..oltre ai minori introiti sui pedaggi in autostrada....( meno traffico meno manutenzione ed inquinamento....Non vorrei, mi scusi essere irrispettoso ma ho la netta sensazione di essere preso in giro. Con ossequi....

Popi46

Dom, 17/02/2019 - 11:38

Povero (di pensiero,non di portafoglio) Toninelli, non sapevi che i “poteri forti” sono da sempre esistiti? E non avevi capito che, per aver ragione, bisogna essere più forti dei poteri forti....? Dillo al tuo referente Davide....

Popi46

Dom, 17/02/2019 - 11:45

@nonna.mi: ah,ah,ah, la chiameranno “toninellata”, riferendosi alla pesca dei tonni....

Gianx

Dom, 17/02/2019 - 12:15

Patacca sei te, comunista da strapazzo! MA chi è che vota questi dei 5stelle...solo un troglodita può farlo.

adal46

Dom, 17/02/2019 - 12:22

Ma, Toninelli, al costo di 8 e passa miliardi che non rientrerebbero ci creda solo lei, forse perchè ha commissionato la perizia con un risultato in tal senso.

Ritratto di pascariello

pascariello

Dom, 17/02/2019 - 12:37

Fassino per una volta la dice giusta ma dov'era quando da sindaco di Torino coccolava Askatasuna e gli altri schifosi centri sociali di Torino, covi e rifugi della parte violenta dei delinquenti NOTAV ? Sarebbe bastato che il Comune, come proprietario, chiedesse lo sgombero all'autorità giudiziaria, non l'ha mai chiesto ! Idem per l'Appendina che, a fronte del deficit sempre più grande (dovuto ai debiti creati dal trio Castellani/Chiamparino/Fassino in decenni di malgoverno), invece di vendere la quote IREN potrebbe chiedere lo sgombero definitivo dei numerosi centri asociali e vendre gli immobili per fare cassa in modo corretto, visto che non fruttano nulla, anzi ai delinquenti gli pagano anche le utenze !!!

Franz Canadese

Dom, 17/02/2019 - 13:37

Piasenza, concordo. Il liguidatore danni automobilistici - dunque nel settore trasporti - dunque esperto in materia. Del resto altri bibitari hanno posizioni piu' impoortanti... Insomms: evviva il realismo 5*. Se Toninelli si dimettesse e si chiudesse in clausura a studiare e riflettere "sul latte versato" sarebbe comunque tardi. A casa questi incompetenti, iniziamo a Maggio...

Franz Canadese

Dom, 17/02/2019 - 13:40

Ma costoro - i 5* - si rendono conto che "sputtanano" l'Italia agli occhi - non esattamente verginali - dei partner occidentali e ci rendono ridicoli?

lavieenrose

Dom, 17/02/2019 - 14:14

ma va l'unica patacca è lui e purtroppo ce la cucchiamo noi.

Ritratto di Ovidio Gentiloni

Ovidio Gentiloni

Dom, 17/02/2019 - 14:38

Quando ti senti inadeguato, quando ti sembra di esserti rimbambito, quando credi che tutti siano sul pezzo e tu no...basta guardare Giggino e Toninelli e ti senti subito un genio. Se due così possono diventare ministri, tu hai aperte le porte della divinità. Siamo proprio nei guai...

LinoScazard

Dom, 17/02/2019 - 16:12

Haries, genio della lampada! Pensi che ai "poteri forti" interessi fare un'opera piuttosto che un'altra? Se si abbandonasse la Torino-Lione, si fionderebbero tutti a prendere i soldi di una Napoli-Bari oppure del hyperloop Palermo-Catania, non credi?