Terra-1 chiama Terra-2 Siete davvero come noi?

Dieci domande per saperne di più su Kepler 452b, il pianeta «abitabile» appena scoperto: quel mondo potrebbe ospitare microrganismi o esseri mai visti

Ma che cosa significa davvero la scoperta di Kepler 452b, la Terra-bis scovata dagli scienziati della Nasa? Ecco dieci domande da uomo della strada e dieci risposte compilate grazie alla collaborazione di Isabella Pagano, ricercatrice di astrofisica dell'Osservatorio di Catania e coordinatrice nazionale per l'Italia del progetto Plato dell'Esa.

1. Davvero Kepler 452b è un'altra Terra?

È un paragone forzato, ma rende bene l'idea. La certezza è che il telescopio Kepler ha «fotografato» un pianeta caratterizzato da dimensioni molto simili a quelle terrestri. Per poter parlare di una Terra bis è però necessario conoscere la massa del corpo e poi risalire alla sua consistenza, che può essere rocciosa o gassosa. In questo momento non esistono ancora i mezzi per farlo, per via dell'eccessiva distanza.

2. Cosa distingue Kepler 452b da tutti gli altri pianeti scoperti finora?

Orbita intorno a una stella molto simile al sole e la distanza che lo separa da essa è uguale a quella che ci distanzia dalla nostra. È dunque situato in quella che viene chiamata habitable zone , una zona abitabile, ma non necessariamente abitata. Anche Venere e Marte risiedono in una zona simile ma, per quelle che sono attualmente le nostre conoscenze, non presentano tracce di vita.

3. Quali sono le possibilità che sul pianeta appena scoperto ci sia vita?

La vita è più probabile lì che in altre parti del cosmo, ma non si hanno certezze. Ci sono aspetti che possono indurre all'ottimismo. Il fatto che l'irraggiamento e il calore possano essere simili a quelli terrestri, sono prove a conforto della vita. E in sei miliardi di anni avrebbe avuto tutto il tempo per svilupparsi.

4. Come potremmo immaginarci gli abitanti di Kepler 452b?

Forse sono simili a noi. Se avessimo numeri relativi alla massa e alla gravità potremmo azzardare di più. Così è difficile entrare nei dettagli, anche usando l'immaginazione. Magari hanno dieci occhi o venti gambe. Potrebbe anche essere un mondo abitato esclusivamente da microrganismi o specie che non riusciamo nemmeno a ipotizzare.

5. È immaginabile che nell'universo esista una civiltà superiore alla nostra?

Le statistiche dicono di sì. Solo nella nostra galassia ci sono cento miliardi di stelle e moltissime come il sole. Se consideriamo che praticamente ogni stella ha dei pianeti, le probabilità sono elevatissime. Esiste un calcolo probabilistico che stima la possibilità di 600mila civiltà tecnologiche.

6. Cosa significa 1.440 anni luce di distanza?

Significa che la luce ha lasciato Kepler 452b 1.440 anni fa. Quando da noi stava finendo l'epopea dell'impero romano. Se l'uomo volesse dunque raggiungere Kepler 452b impiegherebbe 1.440 anni viaggiando alla velocità della luce, cosa per ora impossibile, se non in qualche episodio di Star Trek.

7. Come si fa a capire che ha sei miliardi di anni?

Si utilizzano metodi diversi. Si studia per esempio la rotazione di una stella su se stessa. Una stella giovane ruota molto velocemente. È più lenta se è vecchia. Il sole ruota su se stesso in trenta giorni, e infatti è una stella a metà del suo cammino. Alcune giovani impiegano due o tre giorni. Si studiano anche le cosiddette righe del litio, un elemento strettamente connesso ad astri appena formati.

8. Come si svolge la ricerca di nuovi pianeti?

Ci sono vari sistemi. Il più usato analizza il percorso di un pianeta che transita davanti a una stella, determinando un indebolimento della luce dell'astro. Così si è fatto con il telescopio Kepler.

9. Che cosa dobbiamo aspettarci in termini di ricerca di nuovi pianeti?

In questo momento facciamo già molte più cose rispetto al passato. Siamo in grado di verificare la massa di alcuni pianeti, di studiarne la composizione atmosferica e addirittura di predire la colorazione del cielo. È accaduto, per esempio, con GJ3470, un altro esopianeta, molto più vicino di Kepler 452b, a soli 100 anni luce da noi.

10. Quanto c'è ancora da scoprire sull'universo?

In realtà sappiamo poco o niente di materia oscura, energia oscura, teoria delle stringhe, multiversi. L'uomo deve ancora comprendere i meccanismi di formazione dei sistemi planetari, cosa determini la loro evoluzione e le condizioni perché la vita possa svilupparsi.

Commenti

linoalo1

Sab, 25/07/2015 - 11:20

Tanta enfasi per una notizia ben accolta solo dagli esperti in materia!A noi umani,cosa interessa se esiste un Pianeta uguale alla Terra che,per raggiungerlo,occorrerebbero 1.500 anni???Non diventerebbe,certo,una meta da Weekend!!!!

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 25/07/2015 - 11:35

Come fanno a sapere che è come la terra se è a 1400 anni luce, un bel mistero. Anzi mi sa tanto di sxxxxxxxa.

pilandi

Sab, 25/07/2015 - 11:45

avranno un berlusconi che delinque anche li?

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Sab, 25/07/2015 - 11:48

Terra-1 chiama Terra-2 …. Il cliente da lei chiamato è al momento occupato in altra conversazione. Si prega riprovare più tardi. Grazie!

Raoul Pontalti

Sab, 25/07/2015 - 12:43

Come faccio a sapere che stenos è un bananas anche sta a centinaia di km da me? Basta leggere qurello che scrive...

Raoul Pontalti

Sab, 25/07/2015 - 13:25

Come faccio a sapere che stenos è un bananas anche se sta a centinaia di km da me? Basta leggere ciò che scrive...

claudio63

Sab, 25/07/2015 - 15:11

in un film di qualche anno fa Jodie Foster riusciva a ' contattare elementi alieni, e scopre che il loro primo contatto fu fatto tramite spurie di trasmissioni televisive delle olimpiadi di Berlino del 1936....immaginiamo fra 1450 anni la loro scoperta dei nostri TG....