Torna la vergogna: Colonia stuprata anche a Carnevale

Giovane violentata da un 17enne afghano, denunciati anche altri casi di molestie sessuali

Noam BenjaminBerlino Doveva essere un'occasione per restituire la città alle donne, per ribadire che Colonia è una città sicura. Al contrario, il Carnevale della quarta città tedesca uno dei più amati e popolari in Germania si è aperto malissimo, con 22 nuove denunce di molestie sessuali e un caso di violenza e percosse. La città è ancora sotto shock per le centinaia di casi di molestie a sfondo sessuale e di borseggi che hanno segnato la notte di Capodanno e le autorità tendono di conseguenza a minimizzare l'accaduto. Secondo il capo della polizia locale, Michael Temme, le 22 nuove denunce non rappresentano necessariamente un aumento dei casi rispetto agli anni precedenti (erano state nove nel 2015 e dieci nel 2014) ma dimostrano la maggiore preparazione e disponibilità delle donne a denunciare le offese subite.Resta il fatto che alle 3 del mattino di venerdì una ragazza di 22 anni sarebbe stata avvicinata da un uomo che le avrebbe dapprima mostrato materiale pornografico dal proprio cellulare e che l'avrebbe quindi colpita con un pugno in faccia. Persi i sensi, al risveglio la giovane si è resa conto di essere stata violentata. Poche ore dopo le forze dell'ordine - riferisce il quotidiano Die Welt - hanno fermato con l'accusa di stupro un profugo 17enne arrivato in Germania dall'Afghanistan.Se la violenza sessuale è avvenuta con il favore delle tenebre, uno dei casi di molestia è accaduto non solo alla luce del sole, ma addirittura davanti a delle telecamere accese. A subire percosse e palpeggiamenti è stata Esmeralda Labye, giornalista del canale belga Rtbf. Giunta come tanti altri reporter a Colonia per raccontare l'annunciato Carnevale della sicurezza e del recuperato controllo del territorio, Labye è stata dapprima spintonata da tre uomini, uno dei quali le ha poi toccato il seno. Non è dato conoscere la nazionalità dei tre sospettati che se la sono poi data a gambe ma secondo alcune fonti stampa i tre «avevano un aspetto europeo». A differenza dunque di quanto accaduto la notte di San Silvestro con un «branco» di giovani immigrati nordafricani sul banco degli imputati le molestie di Carnevale avrebbero anche autori locali. Alla giornalista belga sono state porte le scuse ufficiali della città e la stessa Labye si è detta pronta a tornare al lavoro a Colonia.In ogni caso, gli sforzi delle autorità cittadine per cancellare il ricordo dei disordini di inizio anno si sono dimostrati vani: per garantire la sicurezza delle manifestazioni capaci di attirare oltre 1,5 milioni di visitatori sono state inviati in città 3.200 poliziotti, oltre il doppio a quelli dell'anno precedente, con una spesa aggiuntiva di 350mila euro. Colonia non è l'unica città tedesca a festeggiare il Carnevale, una festività molto sentita nella regione renana. L'emergenza profughi associata ai recenti allarmi per possibili attentati di matrice islamica gli ultimi arresti risalgono a giovedì con tre algerini fermati a Berlino sta però rovinando il clima di festa. Se le sfilate di carri sono in programma a Düsseldorf sono confermate, la città di Fritzlar in Assia ha bandito dai carri ogni riferimento ai profughi. Nella renana Rheinberg, invece, tutte le sfilate sono state annullate per motivi di sicurezza.