La trattativa Pd-M5s continua. Ora pensano solo alle poltrone

I due partiti ostentano ottimismo, ma resta il nodo sul vicepremier. Domani un nuovo incontro. Il valzer dei dicasteri

"In un governo guidato da un premier del M5s, non esiste che ci sia anche un vice del M5s". Il Pd continua a tenere il punto sul governo gialloverde e a fare sfoggio di cautela. "Sul programma, ci sono stati dei passi in avanti", ammette chi sta seguendo la trattativa da vicino. A conferma di ciò, domani mattina dovrebbe esserci un nuovo incontro, alle 8,30, tra i capigruppo dem e quelli pentastellati. Ma di chiusura dell'accordo al Nazareno non vogliono sentire parlare. "Aspettiamo di capire cosa succede davvero dall'altra parte", spiega uno dei "negoziatori" in attesa di notizie dall'assemblea dei pentastellati. E di un incontro tra Di Maio e Zingaretti per mettere il sigillo sull'intesa, pur atteso da tutti, ancora non si parla. La situazione resta in evoluzione e alla fine si dovrebbe trovare un punto di caduta. Di fatto, oggi un passo in avanti sulla premiership di Conte è stato fatto. I dem continuando a pensare che se dovrà esserci un vice è naturale che sia unico e un dem (Orlando o Franceschini, i nomi che circolano). Eppure, tra i democratici si è diffuso un certo ottimismo sul fatto che si sia davvero vicini alla chiusura dell'intesa. "Penso che il dialogo andrà a buon fine", dice Emanuele Fiano.

Il disgelo tra dem e M5s è arrivato quando il segretario Zingaretti ha parlato direttamente con Conte. Ieri notte ci sono stati degli attriti, il presidente del Consiglio ha tenuto il punto sull'intenzione di dire la sua sulla composizione del governo, insistendo sulla necessità di avere due vicepremier 'politicì e un sottosegretario alla presidenza del Consiglio. E di avere voce in capitolo sul programma. Poi, dopo che il vertice del mattino è saltato, i canali si sono riaperti con il riconoscimento del Pd del lavoro di Conte e l'accordo su una legge di bilancio condivisa. Sull'esecutivo ancora si tratta: al Pd dovrebbero andare sette dicasteri. Nella squadra anche Delrio (destinato alle Politiche sociali) ma non è ancora certo se ci saranno i renziani. "O abbiamo delle caselle importanti o non è detto che entriamo", spiegava oggi un fedelissimo del senatore di Scandicci. Insomma l'ex premier non vorrebbe che esponenti di primo piano possano essere spesi per dicasteri non importanti e potrebbe così seguire la politica delle 'mani liberè. Resta quindi ancora da capire quali dem entraranno nel governo. Si fanno i nomi di Franceschini o Orlando come vicepremier, di De Micheli, Morassut, Gentiloni, forse Padoan. La Giustizia potrebbe restare al Movimento 5 stelle ma non sarebbe ancora risolto il nodo sul vicepremier. Di Maio sembrerebbe destinato alla Difesa (o a restare ministro dello Sviluppo) ma per il Pd non può restare vice di Conte. Fonti parlamentari dem riferiscono peraltro che una gran parte dei gruppi parlamentari sono perplessi sul fatto che la trattativa possa bloccarsi sul nodo del vicepremier. E non è un caso che i capigruppo D'Uva e Patuanelli abbiano sottolineato che il capo M5s resta Di Maio. La Lega ancora spera nella resistenza di Di Battista e Paragone e che i parlamentari del Nord facciano saltare l'intesa. Ma diversi 'big' sottolineano che ormai la strada del Carroccio è quella dell'opposizione: "L'accordo - la convinzione degli 'ex lumbard' - ormai lo hanno trovato. E' un Monti bis, altro che Conte bis".

Commenti
Ritratto di Fabious76

Fabious76

Mar, 27/08/2019 - 22:20

La Lega, per tutta la durata del governo, ha tenuto un piede al potere nel governo con i 5S, e l'altro con FI nei comuni e nelle regioni. Chi è più assetato di poltrone e di poltrone? Ma di cosa si sta parlando?

moichiodi

Mar, 27/08/2019 - 22:34

si appunto. ora è tempo che slavini centinaio & co. comprino il diluente per scollarsi le poltrone, altrimenti lo dicano chiaro e tondo che le vogliono portare a casa per ricordo.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 27/08/2019 - 22:35

Il solito fabus 22e20, si sta arrampicando sugli specchi, tanto che il GRAFFIARE delle sue unghie, si sente fino qui in Nicaragua!!!!jajajajajaja

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 27/08/2019 - 22:39

E ancora sempre per il fabus 22e20,le poltrone come le definisci Tu della Lega sono sempre frutto di ELEZIONI VINTE, mentre quelle ora in "trattativa" del PD ,sono frutto di elazioni PERSE!!!! AUGH.

faman

Mar, 27/08/2019 - 22:45

le polrone sono ambite, da destra asinistra, passando per il centro. Facciamocene una ragione, non ha senso accusare "gli altri", ma gli altri chi? Gli altri siamo noi.

Ritratto di venividi

venividi

Mar, 27/08/2019 - 22:58

Ora si parla di poltrone, ma scusate, di cosa parlavano prima? Spono d'accordo con Fabious, sulola sete di poltrone leghiste

ex d.c.

Mar, 27/08/2019 - 23:01

Speriamo ancora che il Governo DC-M5S non decolli. Sarebbe veramente deprimente tornare al lavoro sapendo di essere governati da nemici delle nostre attività

Alfa2020

Mar, 27/08/2019 - 23:15

Cari grillini vi stanno facendo fuori il vostro DI Maio ma non si rendono conto che vi stanno togliendo tutto in EUROPA vogliono andare solo loro del pd ministri dei 5 stelli fuori e il pd dentro ma alla fine cosa vi resta vergogna

franky55

Mar, 27/08/2019 - 23:58

SE DI MAIO torna indietro con la Lega sarà SICURAMENTE PREMIER per tutto il mandato,se va avanti col PD NEPPURE VICE e nessun ministero di peso per i pentastellati ,vediamo la sua lungimiranza!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mer, 28/08/2019 - 00:31

Di Maio vuole la vicepresidenza, Conte non è daccordo e neanche Grillo e Casaleggio. Povero Di Maio, non ha ancora compreso che per lui è finita la .. pacchia? Ha abbracciato Conte dopo l'invettiva contro Salvini e ora è lui si trova a malpartito, mentre Conte in buona sostanza - da perfetto mestatore e incoerente - diventerà p.d.c. di un governo contrario al precedente e capo politico dei 5S, con buona pace di Dibba e altri pretendenti, allineato ai dictat Ue e perfino nelle grazie di Trump! All'avellinese non resta che sperare che il voto dei "certificati" possa dargli ragione. Ma la vedo dura, visto che la chiave dello "scrigno" ce l'ha Casaleggio!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 28/08/2019 - 02:47

La Lega non ha seguito i 5s nell'ipotesi di impeachment a Mattarella che però si é preso la licenza di taroccare la Legge elettorale a urne aperte e spogliate. Se i congiunturalmente avvantaggiati grillini ora mettessero a programma la destituzione del colpevole di tutto questo disordine, vincerebbero le elezioni perché darebbero prova di avere a cuore gli interessi del Paese.

Ritratto di nordest

nordest

Mer, 28/08/2019 - 05:05

Non si dica che il popolo è sovrano ; piuttosto ostaggio e subisce le angherie di gente senza scrupoli ,non mi si venga a dire che è per il bene della nazione; ma è solo un vostro interesse personale.

PRALBOINO

Mer, 28/08/2019 - 06:14

attenti grillini che questi dem sanno solo pugnalare alle spalle tutto l'apparato è ancora di loro esclusiva proprietà consultate la raggi che ne sa qualcosa

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mer, 28/08/2019 - 06:42

X Fabious76: se hai i voti degli italiani e vinci tutte le amministrazioni è giocoforza avere le poltrone. Sei un becero poltronaro quando hai paura delle elezioni perché perdi tutte quelle che tieni attaccate al fondoschiena immeritatamente. Prova a chiedere il parere degli italiani attraverso il voto e poi mi saprai dire.... e forse capirai di che si sta parlando.

Tommaso_ve

Mer, 28/08/2019 - 07:10

@Fabious76 ... una piccola differenza. Il centrodestra le elezioni le vince il Pd le perde.

Ritratto di arcatero

arcatero

Mer, 28/08/2019 - 07:48

MAZINGA tutta notte alle prese le ViceSedie: MAIO: “Non potete umiliarmi, io non posso rinunciare a stare nel Governo come vicepremier” ZINGA: “Parli tu di umiliazione? Io stavo venendo a palazzo Chigi e hai fatto saltare l’incontro con un comunicato?” MAIO: “Io al ruolo di vicepremier non rinuncio” ZINGA: “Conte non è un garante, una figura terza, ma è un leader del Movimento. Se si fa un patto questo significa che c’è un vicepremier dell’altro partito” MAIO: “Allora facciamo tre vicepremier e tu ne prendi due”

hectorre

Mer, 28/08/2019 - 08:21

Fabious76...forse ti sei dimenticato quel che dicevano grillo e soci sul pd...zombie che camminano, renzi soprannominato l’ebetino, su banca etruria e boschi, pd meno elle, ecc ecc...la nostra costituzione permette simili pasticci ma quando si vedono squallidi teatrini solo per tenere le poltrone, il presidente dovrebbe intervenire e mettere la parola fine..se il pd fosse al 35% chiederebbe elezioni mobilitando la piazza, tv, giornali e chissà cos’altro....fortunatamente quando torneremo alle urne subirà l’ennesima batosta, non hanno ancora capito che gli italiani non li vogliono al governo!!!!!...a ruota i 5 stelle che torneranno a percentuali irrilevanti....attendo con pazienza quel giorno.....