Il triste Amarcord di Roma, da città eterna a favela

"Forse è ora di chiederci davvero che cosa stia uccidendo i nostri studenti a Roma"

«Forse è ora di chiederci davvero che cosa stia uccidendo i nostri studenti a Roma». Chissà quanti genitori americani avranno letto questa frase, inquietante conclusione di un reportage del popolare sito di news americano The Daily Beast che ricostruiva la tragica fine di cinque ragazzi in tre anni. Tutti arrivati a Roma dagli Usa per studiare. Tutti morti in circostanze misteriose, tre di loro dopo essere stati derubati, proprio come Zhang Yao, la studentessa cinese il cui corpo è stato identificato ieri. Per la morte di Beau Solomon, una promessa della palla ovale, l'arresto di un punkabbestia, uno degli emarginati che popolano gli angoli bui della caput mundi che fu, si è arenato davanti a un Gip: il sospetto scarcerato, il faldone avviato verso il corposo armadio dei «casi insoluti», proprio come i precedenti. Ognuna di queste storie è finita in prima pagina sui media di tutto il mondo anglosassone, così come la vicenda di Zhang Yao è rimbalzata su giornali e tv cinesi. Perché Roma oggi guarda a se stessa con occhi provinciali, ma la Grande Bellezza che ha ereditato ha ancora un valore globale. E non basta atteggiarsi a Città eterna per meritare eternamente un posto così alto nel ranking della bellezza. Che la città sia brutta, sporca e cattiva ormai da anni ha un costo già riflesso nei dati sui flussi turistici, che nell'ultimo anno hanno visto Roma dietro a Milano. Va respinta la tentazione di scaricare la responsabilità sull'ingenuità di questi ragazzi, che magari, trovandosi lontani da casa si lasciando andare a stravizi, o si fidano della gente sbagliata. È quello che le nostre autorità raccontano ai genitori arrivati in Italia in lacrime, ma è solo una scusa. Una scusa che non può salvarci dal finire marchiati come città a rischio, ultima letale eredità dell'incapacità che governa Roma da anni. La verità è che in questa città gli angoli bui, le favelas senza legge dove si incontrano gli orchi si allargano sempre più. Non solo le sponde del Tevere o certe stazioni di notte, ma pure luoghi della movida sicuri fino a qualche anno fa. Così la Grande Bellezza rischia di diventare un Amarcord.

Commenti

Kupo

Sab, 10/12/2016 - 09:08

Vaglielo a spiegare ai Genitori di questa povera Ragazza, che i migranti sono fratelli della Raggi " Sindaco di Roma "

istituto

Sab, 10/12/2016 - 09:14

La Grande Bellezza è già diventata un Amarcord grazie alla BOLDRINI e a tutti quei simpaticoni del PD e della SINISTRA che stanno creando grazie all'INVASIONE illimitata e favorita da loro stessi, una società multietnica dove le risorse ( principalmente islamiche,rom,africane) sono maggioranza e dettano legge grazie anche all'impunità concessa loro da tutti i giudici di SINISTRAs. E poi non è solo Roma ad essere la Grande ex Bellezza , è tutta l'Italia , sono tutte le città italiane. La scorsa estate ho dovuto difendere con decisione una coppia di turisti anglosassoni seduti ad un tavolino di un bar in piazza Duomo a Milano dalle insistenti e reiterate molestie di un venditore di fiori,scuro di pelle, che PRETENDEVA che i CONIUGI gli compresero i fiori. Ho minacciato l'intervento della polizia e se ne è andato. I coniugi mi hanno ringraziato. Ecco SINISTRI a questo AVETE RIDOTTO L'ITALIA.

Ritratto di giordano

giordano

Sab, 10/12/2016 - 10:37

un bell' articolo.

Cheyenne

Sab, 10/12/2016 - 10:47

CITTA' RIDOTTA A UN VERMINAIO MELMOSO IN POCHI ANNI DAL BUFFONE MARINO E DALLA GRILLINA FRATELLA DEI NEGRI E DEL BIANCOVESTITO. CE NE VOLEVA PEGGIO DI ATTILA E DEI VANDALI

Cheyenne

Sab, 10/12/2016 - 10:49

LA CINA DOVREBBE INVIARE SQUADRE DEI LORO POLIZIOTTI CON CARTA BIANCA . VEDIAMO IN QUANTI GIORNI RIPORTANO VIVIBILE LA CITTA'. IO PENSO CHE UNA SETTIMANA CON DOMENICA DI RIPOSO (COME IL PADRE ETERNO) SIA SUFFICIENTE. FORSE ANCHE CON TRE GIORNI DI RIPOSO

Cheyenne

Sab, 10/12/2016 - 10:49

MALEDETTI KOMUNISTI

Gibulca

Sab, 10/12/2016 - 11:11

Nulla di strano: Roma è in mano ai romani. Ossia a gente la cui parola d'ordine è "ma che m'importa?". Senza contare che l'atteggiamento del romano medio è di fare apparentemente il piacione e il simpatico per poi fare i fatti propri. GLi immigrati illegali ci sono in tutta Italia. Ma a Roma si fermano i fannulloni e i perditempo incoraggiati dal lassismo e dalla totale mancanza di controlli. Nel nord Italia - se non altro - vanno quelli che statisticamente hanno un briciolo di voglia di lavorare. E tutto queto porta a situazioni drammatiche e vergognose come quelle descritte in questo articolo. Ciao ciao Roma

lupo1963

Sab, 10/12/2016 - 11:21

@istituto Tutto giusto.Ricordiamoci pero' che anche i 5s sono ESTREMA SINISTRA

antonio54

Sab, 10/12/2016 - 11:50

Questi nostri politici a stra-maggioranza di sinistra, non ha ancora capito che per rendere bella una città non servono solo i monumenti, è fondamentale aggregare l'ordine e la sicurezza. I cittadini si devono sentire sicuri a casa propria. Chi sbaglia deve sapere che va diritto in galera e ci rimane. Allora si. Ma siccome è gente senza orgoglio, non ha ancora capito che il nostro paese ormai è diventato una fogna...

Gibulca

Sab, 10/12/2016 - 12:23

Questa situazione è lo specchio di Roma e di questa pseudoromanità del cavolo, fatta da gente con ZERO senso civico, ZERO rispetto per il prossimo, ZERO rispetto per le regole e ZERO impegno nel lavoro. E gli immigrati non fanno altro che adeguarsi a questa situazione.

istituto

Sab, 10/12/2016 - 12:50

@ lupo 1963. Hai perfettamente ragione,sono di estrema sinistra.

manfredog

Sab, 10/12/2016 - 16:43

La Grande bassezza, sconsideratezza, trascuratezza, pochezza, insicurezza, lordezza..tristezza..!! mg.

pensaepoiagisci

Sab, 10/12/2016 - 18:41

GRAZIE ALLA SX ED ANCHE ..ORA ED IN FUTURO AI 5S !

giolio

Dom, 11/12/2016 - 11:50

Guardate che il degrado di Roma e incominciato con cicciobello poi veltroni alemanno marino (tutti nomi minuscoli)Adesso credo che la sindaca Raggi gli darà il colpo di grazia visto come aumenta l‘immondizia i topi e la criminalità ,naturalmente ce il Bergoglio che contribuisce in modo abbastanza apertamente con il suo buonismo verso tutto cio che riguarda la criminalità importata