La triste separazione della famiglie coreane

Intere famiglie coreane divise dai confini che separano il Nord dal Sud possono rincontrarsi per un ultimo saluto dopo decenni

Per la prima volta, alcune centinaia di anziani del Nord e del Sud della Corea potranno finalmente incontrarsi dopo decenni di separazione presso la spettacolare Diamond Mountain.

Intere famiglie coreane erano state divise durante il caos della Guerra di Corea del 1950-1953 ed in questa settimana potranno riabbracciarsi e molto probabilmente lo faranno per l'ultima volta.

Una volta considerato un Paese unito, le due Coree furono divise alla fine della Seconda Guerra Mondiale rispettivamente nella socialista Corea del Nord, che poteva vantare il supporto sovietico, e nella Corea del Sud spalleggiata dagli americani. Dopo la fine della Guerra di Corea, il confine più militarizzato al mondo divise formalmente la penisola coreana, separando milioni di persone. In questi giorni, le famiglie coreane non sanno se i loro parenti sono ancora vivi poichè entrambi i governi vietano loro di incontrarsi oltre i rispettivi confini e di scambiare telefonate, lettere oppure e-mail.

Le due Coree hanno permesso occasionalmente in passato ad alcune famiglie che erano state divise di potersi riabbracciare quando le due potenze si trovavano in buoni rapporti. Dal 2000, circa 23500 coreani sono riusciti a vedersi di persona, oppure in video.

La Corea del Sud vorrebbe poter organizzare questi incontri in modo regolare ma la Corea del Nord spesso utilizza tali riunioni come moneta di scambio durante le negoziazioni. Secondo gli esperti, il Nord teme che i suoi cittadini possano rendersi conto dello splendore economico del Sud e che quindi ciò possa indebolire il potere di Pyongyang.

In Sud Corea, più di metà delle 132,600 persone che hanno fatto domanda per potersi rivedere sono morte.

Oltre l' 85% dei sopravvissuti ha almeno 70 anni. Coloro che non hanno avuto la possibilità di poter riabbracciare i propri familiari sono disperati nel riuscire a salutarli un'ultima volta prima di morire. Queste riunioni spesso vedono genitori e figli, fratelli e sorelle riunirsi dopo decine di anni. Alcuni faticano a riconoscere i loro familiari, che hanno visto decenni prima quando erano piccoli o giovani, ed ora hanno il viso modificato da rughe e dal trascorrere inesorabile del tempo. Le famiglie coreane hanno solo tre giorni concessi dai rispettivi Paesi per poter stare insieme prima di separarsi. Quando giunge il momento di salutarsi si ritrovano ad appoggiare le loro mani sui finestrini degli autobus che li riporteranno dalla parte "giusta" del confine, come se con tale gesto volessero toccarli per un'ultima volta. Nessuno di loro potrà avere una seconda occasione di rivedere i propri cari.