Vaccini, la ministra Grillo: "L'obbligo resta per tutti. No ai trucchi sui certificati"

Giulia Grillo ha ribadito la sua posizione in merito ai vaccini: "La coercizione non può essere l'unico strumento"

La polemica sui vaccini non si placa, anzi, dopo l'approvazione del decreto Dignità ne stanno succedendo di ogni. Dal M5s che si spacca, al web che augura al medico Burioni di affogare. Tutti commentano le decisioni che sono state prese dalla Camera, decisioni che rimandano l'obbligatorietà dei vaccini all'anno prossimo. Ma cosa ne pensa il ministro della Salute, Giulia Grillo di questa "guerra"? Intervistata dal Corriere della Sera, il ministro ha ribadito la sua posizione e quella di una parte del suo partito in merito ai vaccini.

"I bimbi non vaccinati - spiega il ministro Grillo - tra i 6 e i 16 anni entravano a scuola anche a legge Lorenzin invariata. L'obbligo rimane per tutti e 10 i vaccini individuati dalla norma. Cambia la sanzione per materne e asili nido perché riteniamo che la coercizione non possa essere l'unico strumento a disposizione di uno Stato per raggiungere le ultime sacche di contrari". Il ministro della Salute, quindi, tenta di giustificare le decisioni prese dal M5s spiegando di voler "raggiungere le soglie del cosidetto effetto gregge è determinante". "Come impedire ai genitori no vax di falsificare le autocertificazioni? - continua - Applicando la legge. La circolare a firma congiunta del Ministero della Salute e del Miur del 5 luglio era e resta un procedimento di semplificazione amministrativa. Chi viola il rapporto di fiducia, viola la legge e come tale va perseguito. Inoltre il mio collega dell’Istruzione e io chiederemo alle Regioni di aumentare i controlli".

E quando le viene chiesto se non ha qualche timore nel mandare al nido suo figlio in mezzo a bimbi non vaccinati, la Grillo prende alla larga il discorso: "In realtà si tratta di un rischio molto contenuto. Nel 2018 solo il 2,8% di bambini della fascia da zero a sei anni non sono stati vaccinati per scelta dei genitori. Nello stesso periodo la percentuale di copertura del morbillo ha raggiunto il 93,8%, contro l’85,2% del 2015".

Insomma, questa è la sua posizione e quella del M5s. Non un passo in avanti e non uno indietro. Giulia Grillo però continua per la sua strada sottolineando che non piacevole "sentirsi dire da un accademico che verrò sbranata al primo morto" di morbillo. "Non puoi illudere la gente che non morirà nessuno" continua il ministro, "dobbiamo essere realisti".

Qundi il M5s è spaccato su questo tema? Nelle ultime ore, infatti, qualche esponente politico ha rivendicato l'obbligatrietà dei vaccini. Di Maio richiamerà all’ordine i parlamentari "ribelli"? "Non è una spaccatura - conclude la Grillo al Corsera - sono sensibilità diverse su un argomento delicato. Siamo un movimento bello grosso".

Intanto sul tema si è espresso anche il premier Giuseppe Conte durante l'incontro con la stampa a Palazzo Chigi prima della pausa estiva: "Mio figlio l'ho fatto vaccinare, ha fatto tutte le vaccinazioni e questa è la linea anche del governo".

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 08/08/2018 - 10:01

Siamo, insomma , all'ossimoro dell'"obbligatorietà flessile". A Bisanzio le discussioni sul sesso degli angeli, considerate retrospettivamente, erano una cosa oltremodo seria.

gabbato

Mer, 08/08/2018 - 12:19

M5S e Lega = Adoratori dei virus.

ANTONIO1956

Mer, 08/08/2018 - 12:31

Ma insomma volete risolvere la questione una volta per tutte? mettete insieme i PRO e i CONTRO e tirate le somme, in ogni caso la Costituzione lascia libera scelta di decidere del proprio corpo de della propria vita. Chi è vaccinato non ha nulla da temere dai non vaccinati a meno che i vaccini siano inefficaci ...ma allora perché farli ??

Ritratto di venividi

venividi

Mer, 08/08/2018 - 14:18

ANTONIO1956, 12:31 Quello che dice sarebbe corretto se non fosse per la presenza di ragazzini immuno-depressi che non possono essere vaccinati e per i quali alcune malattie possono essere molto pericolose. Bisogna pensare anche agli altri, non solo a se stessi

brunicione

Mer, 08/08/2018 - 14:31

D'accordo che, quando qualcuno non sa niente e non vuol lavorare, si butta in politica, però dovrebbe sapere che in democrazia c'è una maggioranza che decide ed una minoranza che deve accettare. ciò premesso, su 40 milioni di Italiani adulti, 39milioni e mezzo, sono d'accordo sulla obbligatorietà e utilità dei vaccini, a tutele della salute soprattutto dei minori. BENE, E' mai possibile che qualche migliaio di fanatici possa bloccare una legge che tutti vogliono ??? Va bene che al governo ci sono i politici ma nessuno di loro è capace di ragionare???

obiettore

Mer, 08/08/2018 - 15:20

Palle. Loro si fanno iniettare soluzione fisiologica.

Ritratto di Muk

Muk

Mer, 08/08/2018 - 15:40

"E quando le viene chiesto se non ha qualche timore nel mandare al nido suo figlio in mezzo a bimbi non vaccinati" Ma che significa? Se mio figlio è vaccinato che timore devo avere? Siamo alle solite, ci manca solo chi crede nell'effetto grecce dell'antitetanica.

Gianni11

Mer, 08/08/2018 - 15:43

L'obbligo e' la piu' grande violazione dei diritti di persone libere mai fatta in Italia. Chi puo' costringermi a prendere medicinali e cure contro la mia volonta'? INACCETTABILE, a prescindere qualsiasi discorso sui vaccini stessi.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 08/08/2018 - 16:07

C'è gente, troppa, che non sa neppure che cosa sia un anticorpo e la su struttura nè come, quando e da quale clone cellulare venga prodotto...ma continua a masturbarsi su wikipedia all'insegna del "basta informarsi". Come se la buona volontà potesse sostituirsi ad anni di esperienza clinica. Buona fortuna "scenziati!".

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mer, 08/08/2018 - 17:31

Salvini ha già posto la parola fine alla diatriba: NO ALL'OBBLIGO! E' la politica a decidere, non i medici.

Ritratto di EstiqaatsiX

EstiqaatsiX

Ven, 10/08/2018 - 12:30

obbligo flessibile!un altro parto geniale della mente di una seguace della setta casaleggio...