Vertice con il Pd: Verdini entra in maggioranza

Oggi l'incontro a Montecitorio: "Vogliamo dare il nostro contributo alla scrittura delle leggi". L'ira della fronda

Macché incontro al Nazareno, «si tratterà di un normale confronto sull'agenda dei prossimi appuntamenti parlamentari», spiega il vicesegretario del Pd Lorenzo Guerini.

L'incontro è in agenda per oggi, a Montecitorio, presenti - con lo stesso Guerini - i capigruppo Pd Ettore Rosato e Luigi Zanda. Dall'altro lato del tavolo, i rappresentanti di Ala: Lucio Barani per i senatori, Francesco Saverio Romano per i deputati e lui, Denis Verdini. Sia il Pd che il capo di Ala derubricano con decisione l'incontro, presentato ieri da vari organi di stampa come un «nuovo Nazareno» per sancire l'ingresso nella maggioranza di governo degli ex berlusconiani. Niente di tutto ciò, spiegano: l'incontro si svolge lontano dalle sedi di partito o di governo, tra delegazioni parlamentari e senza esponenti dell'esecutivo.

Verdini, ieri, era assai irritato per la fuga di notizie sull'incontro «al Nazareno», che aveva subito offerto alla minoranza Pd il destro per esprimere scandalo e vituperio (subito rilanciati dai grillini, che chiedono a Mattarella di verificare la «nuova maggioranza») e dare addosso al premier: «L'incontro con Verdini è una follia inspiegabile», gemeva via twitter Roberto Speranza, aspirante antagonista di Renzi al prossimo congresso. «Da molto tempo - spiegava Davide Zoggia - noi della sinistra Pd lo diciamo: in questo modo si cambiano la natura e gli obiettivi del Partito democratico». Pier Luigi Bersani si univa al coro: «Verdini in maggioranza? Voglio vedere anche questa!», sospirava in Transatlantico, inseguito dai cronisti. Dimentico, evidentemente, che Verdini in maggioranza lo aveva già non solo visto ma anche accolto a braccia aperte proprio lui, da segretario Pd: prima nel governo Monti e poi - dopo aver perso le elezioni del 2013 - in quello di Enrico Letta. Ma, essendoci oggi a Palazzo Chigi l'odiato Renzi, i voti un tempo benvenuti di Verdini si sono rapidamente trasformati in sterco del demonio per Bersani e i suoi. Anche perché, notano i renziani, «col sostegno dei verdiniani in Senato la minoranza Pd non può più esercitare il suo potere di ricatto numerico sulla maggioranza, e ne soffre». E infatti Speranza sottolinea che il governo Renzi dovrebbe tornare a dipendere dalla fronda Pd, e non da Ala: «Di Verdini non abbiamo per nulla bisogno. Anche perché una maggioranza c'è e non sono necessari i voti degli esponenti più discutibili».

Per la fuga di notizie che ha aperto la strada alla nuova polemica, Verdini era irritato con i suoi. Quella turbolenta e loquace compagnia di parlamentari - in costante crescita: giusto ieri è stato annunciato l'ingresso nel gruppo di un nuovo senatore, proveniente dalle file fittiane - che da settimane si lamenta con lui: «Facciamo i portatori di voti per Renzi, e non solo non ce ne viene nulla ma da Palazzo Chigi ci trattano pure come reietti e ci dicono che non siamo determinanti», era il succo delle proteste. L'incontro con il Pd è stato dunque chiesto e ottenuto per dare un contentino politico alle truppe di Ala, e dimostrare che - visto che posti e alleanze elettorali, a parte sporadici casi come Napoli, non sono in discussione - almeno sui provvedimenti parlamentari i verdiniani vengono coinvolti nella discussione preliminare. «Vogliamo dare il nostro contributo alla valutazione dei testi, prima di votarli: giustizia, conflitto di interessi, prescrizione breve - dice un parlamentare di Ala - Non siamo disponibili ad appoggiare tutto a scatola chiusa».

Commenti

un_infiltrato

Ven, 29/04/2016 - 08:39

E' veramente arduo commentare un accadimento di questo genere. E non solo per la figura, obiettivamente, imbarazzante del personaggetto centrale. Qualcuno ha parlato anche di "follia inspiegabile" ma devo dissentire: follia sì, ma spiegablissima, alla luce degli interessi personali che hanno fatto perdere financo la dignità a chi ha proditoriamente messo in piedi un incastro di tale portata. Quello che più indigna, ferisce, offende, è verificare come si siano svolti [fin da... prima dell'inizio] "i fatti" che hanno portato a tanto. Per "concludere" ho letto l'elenco dei partecipanti al tavolo che sta per comporsi: ma osservo che ne manca uno. A capotavola, con un tomo sottobraccio e l'assistenza di un popolare promoter tv a latere. Nel complesso, una scenografia ad effetto emetico.

Felice48

Ven, 29/04/2016 - 08:53

Certa politica più sporca di così non può essere fatta di traditori, indagati e voltagabbana che occupano posti importanti nella cabina di regia della conduzione della nazione.

Gerberto

Ven, 29/04/2016 - 08:57

Come detesto quegli schifosi che, andati in parlamento sfruttando i voti ed il carisma di Silvio, lo hanno vilmente abbandonato per correre dietro alla smania di governo (TUTTO il Nuovo Centro Destra), agli interessi personali (il soggetto in questione) etc. Mi auguro che gli elettori se ne rendano conto e, dopo le prossime elezioni politiche, di costoro non si senta piu' parlare.

Idliketofly

Ven, 29/04/2016 - 08:57

da vomito!!

accanove

Ven, 29/04/2016 - 09:00

è proprio un abella saga, in governo illegale non votato in toto, si regge sulle votazioni antecedenti al 2011, con personaggi che hanno cabiato l'iondirizzo ricevuto dai loro elettori ma nonostante questo ci è negato il sacro e santo diritto sancito dalle costituzioni di votare i propri rappresentanti. La cosa non mi dispiace, i komuisti tenuti con il laccio agli zebedei da gruppi non a loro appartenenti. Stai sereno Frottolo

sbrigati

Ven, 29/04/2016 - 09:10

Il compromesso storico di vecchia memoria ora è realtà. Tutta la vecchia dc alleata con la sinistra.

Gaetano44

Ven, 29/04/2016 - 09:12

Mi sembra che Berlusconi sia stato condannato per il passaggio di 1 (dico uno) senatore dall'opposizione al suo Governo. Seconda cosa, quando finirà il passaggio di profittatori eletti da uno schieramento allo schieramento opposto senza passaggi elettorali???

vittoriomazzucato

Ven, 29/04/2016 - 09:12

Sono sempre Luca. Mi domando che senso ha il votare. Il PD mai vorrà cambiare la legge sul mandato, art.67 della Costituzione, perché Renzi per governare deve ricorrere proprio all'art. 67 altrimenti per lui sarebbe finito tutto. CHE SCHIFO. GRAZIE.

cisbi

Ven, 29/04/2016 - 09:14

Dopo vent'anni di insulti di ogni genere a Berlusconi e compagnia, eccola qua la "brava gente", gli intellettualmente superiori, quelli che "noi siamo la parte buona del paese, i verdini stanno dall'altra parte"... Anche per questo e non solo bisogna sentirsi proprio orgogliosi di fare la figura dei microcefali sottosviluppati dando ancora il voto a questo partito, vedremo alle prossime elezioni il livello culturale di questo Paese: per capire quanta ignoranza c'è in Italia basterà contare i voti del PD...

clz200

Ven, 29/04/2016 - 09:21

Votando Verdini che ideologia, dottrina, principi si votano? quale potrebbe essere il suo motto? gli affari sono affari?

montenotte

Ven, 29/04/2016 - 09:25

TUTTO GIA' AMPIAMENTE SCONTATO. L'INSIGNIFICANTE PENSA AL FUTURO E ALLE POLTRONE. SONO PIU' MARCI DELLE MELE.

semprecontrario

Ven, 29/04/2016 - 09:31

che uomo squallido!!

paolo1944

Ven, 29/04/2016 - 10:09

Povero il mio voto! Questa è una vergogna istituzionale, deve finire. Bisogna ristabilire il vincolo di mandato, questa non è libertà di coscienza, è uno squallido mercato delle vacche. Mi viene da vomitare.

aitanhouse

Ven, 29/04/2016 - 10:20

commentare è inutile, ormai chi dovrebbe sentire è sordo o finge di essere sordo.Viene di nuovo ignorato il dettato costituzionale :le nuove maggioranze dovrebbero presentarsi in parlamento e chiedere la fiducia, ma non conviene al pd e soci per ovvi motivi.Le decisioni passano al popolo:siamo alla vigilia di elezioni; il pd si dibatte fra scandali, corruzioni e contrasti interni , cerca di scaricare veleni sulle opposizioni,continua a promettere paradisi presenti e futuri e spende, spende per comprare consensi come se all'improvviso questo paese fosse diventato ricco.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 29/04/2016 - 10:40

"Vogliamo dare il nostro contributo alla scrittura delle leggi". Pertanto avete l'OBBLIGO di darci qualche CADREGA DI GOVERNO!!Ciaparatt!

antonio54

Ven, 29/04/2016 - 10:41

Ecco cosa conta il voto in Italia. Presi i voti con il Centro Destra, si va al governo con i comunisti. Sostanzialmente, il voto dei cittadini non conta un tubo... e questa ne è la prova... (vedi anche Alfano ed altri).

aitanhouse

Ven, 29/04/2016 - 10:50

per cisbi-- se i voti al pd venissero solo da fasce di ignoranza non bisognerebbe preoccuparsi oltre limiti, sarebbero voti in buona fede e correggibili nel tempo, ma i continui scandali con episodi corruttivi quali la magistratura sta scoprendo giorno dopo giorno legati a personaggi del pd e alle relative clientele elettorali, obbligano alla riflessione.

Rossana Rossi

Ven, 29/04/2016 - 10:59

Il mercato delle vacche continua imperterrito......la maggioranza di questo pseudo-governo cambia continuamente e il bell'addormentato del colle cosa fa? Nulla.......è tutto in chiave pd.........

schiacciarayban

Ven, 29/04/2016 - 11:03

C'è poco da commentare, certa gente è semplicemente vergonosa, senza un minimo di dignità, certi politici fanno letteralmente schifo, dire che hanno la faccia come il cxxo è un eufemismo. E se poi pensiamo che siamo noi a pagare gli stipendi e i vitalizi a questa gentaglia... Cambiare partito dovrebbe essere semplicemente vietato, se uno non condivide più le idee, semplicemente se ne deve andare, e poi alla prossima elezione si presenta con un altro partito. Questa politica fa veramente schifo!

cameo44

Ven, 29/04/2016 - 11:14

Nonostante l'evidente cambio di maggioranza Mattarella tace cè chi parla ancora di democrazia nonostante venga ignorata la volon tà del popolo un governo sostenuto da gente eletta nello schiera mento opposto ma dato che trattasi di esponenti del centro destra passati al centrosinistra non è scandalo ne la magistratura in terviene come ha fatto per un solo senatore passato dal centro si nistra al centro destra e finiamola col fatto che non vi è vinco lo coi partiti ma ci sarà con gli elettori diversamente che senso ha andare a votare se poi fanno come le pare?

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 29/04/2016 - 14:37

Applausi! Viva Verdini!