Voglia di espulsioni, la Svizzera oggi decide

Il Paese vota su temi caldi pure in Italia: famiglia e tunnel del Gottardo

«Ivan S. deve continuare a stuprare! Questo vogliono la sinistra, i buonisti e la consigliera federale Sommaruga». È tra slogan e immagini forti che la Svizzera si appresta a votare sull'espulsione degli stranieri che commettono reati. La criminalità d'importazione è un tema d'attualità anche nella tranquilla Confederazione: oggi il 73% degli incarcerati sono stranieri, che commettono il 57% di tutti i reati penali malgrado rappresentino solo il 24% della popolazione. L'Udc, il partito di destra che rilancia l'iniziativa, sul tema aveva già vinto nel 2010: ora vuole dare un ulteriore giro di vite. Il motivo del ritorno alle urne è la cosiddetta «clausola di rigore» che permette ai giudici di salvare dall'espulsione i condannati se il rimpatrio può causare problemi alla persona interessata. Una norma che di fatto ha attenuato sensibilmente il risultato del sì popolare di sei anni fa. L'Udc, sostenuto dalla Lega dei Ticinesi, rilancia così: lo straniero che sgarra una volta riceve un cartellino giallo. Al secondo giallo scatta il rosso, come nel calcio. Se il reato invece è grave (omicidio o stupro) ecco che si passa all'espulsione.

Con il successo oggi dei «sì», la cacciata sarebbe dunque automatica.Il dibattito è stato senza esclusione di colpi, tra paragoni con la Germania anni '30 da una parte e accuse di buonismo dall'altra. Non ci sono statistiche ufficiali, ma sarebbero da alcune centinaia fino a 10mila gli stranieri che lascerebbero la Svizzera nel caso in cui l'iniziativa venisse accolta. Gli ultimi sondaggi prevedono un risultato combattutissimo: il Consiglio federale è pure sceso in campo con decisione, raccomandando di bocciare una proposta definita ingiusta, perché impone una tariffa unica senza che venga considerata la gravità dei reati contestati.

Ma l'Udc è in totale disaccordo: sostiene che la minaccia della sola prigione non fa desistere molti delinquenti stranieri, che preferiscono le comode carceri all'essere rispediti a casa. Il partito di destra si augura che la minaccia dell'espulsione abbia un effetto dissuasivo sui delinquenti.Ma la Svizzera è al centro dell'attenzione anche per il voto su un altro tema caldo: la ribattezzata «tassa sul matrimonio», iniziativa che vuole abolire gli svantaggi fiscali dei coniugi (ci si esprime in realtà anche sul raddoppio del tunnel autostradale del San Gottardo, argomento centrale per il Ticino e per il Nord Italia, e su una legge contro la speculazione sulle derrate alimentari). Dell'iniziativa contro la discriminazione delle famiglie presentata dal partito a forte impronta cattolica Ppd - fa discutere il testo in votazione, dove si descrive il matrimonio come una «durevole convivenza tra un uomo e una donna» (testo che se approvato entrerebbe nella Costituzione). I contrari sostengono che quella del Ppd è una proposta a carattere totalitario, retrograda e omofoba, che intende imporre un solo tipo di convivenza, in controtendenza con l'evoluzione della società (nel Paese il 73% delle coppie non è sposato). Le associazioni omosessuali temono una forte discriminazione e un iter più complicato per quel che riguarda l'introduzione del riconoscimento del matrimonio tra persone delle stesso sesso. Va detto comunque che in Svizzera, dal 2007, con l'unione domestica registrata, le coppie omosessuali sono parificate a quelle etero (ma sono negate le adozioni). L'esito del voto si annuncia tiratissimo: ma la fortuna della Svizzera è proprio la democrazia diretta. A decidere, anche quest'oggi, sarà il popolo sovrano.

Commenti

Aegnor

Dom, 28/02/2016 - 08:50

Pure da noi decide il popolo sovrano...quello con la tessera del pd

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 28/02/2016 - 08:59

Solo da noi il puro e semplice "istinto di conservazione" viene stigmatizzato come xenofobia.

beowulfagate

Dom, 28/02/2016 - 09:53

La cosa preoccupante è che ci voglia un referendum per una semplice misura di buon senso quale l'espulsione dei delinquenti.Sì,molto preoccupante.

franco-a-trier-D

Dom, 28/02/2016 - 10:00

ESPELLERE ANCHE GLI ITALIANI COSì VEDREMO SE VI FARETE FURBI E VOTERETE ANCORA PD.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 28/02/2016 - 10:02

Perche' da noi risorse criminali non vengon espulse?

arkkan

Dom, 28/02/2016 - 10:30

Solito grande esempio di democrazia diretta, ma gli italiani quando lo impareranno?

edo1969

Dom, 28/02/2016 - 10:39

spero che almeno in svizzera non la spuntino i soliti buonisti alla boldrini

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 28/02/2016 - 10:45

@beowulfagate:....concordo!...Certo,con l'"imprimatur" del referendum,nessuno "in democrazia",avrà più niente da dire....Ora sta a vedere quali numeri usciranno dal referendum,e quanto buon senso,uscirà dalle urne.

Ritratto di do-ut-des

Anonimo (non verificato)

giovanni PERINCIOLO

Dom, 28/02/2016 - 11:09

"L'esito del voto si annuncia tiratissimo: ma la fortuna della Svizzera è proprio la democrazia diretta. A decidere, anche quest'oggi, sarà il popolo sovrano". Proprio come da noi! Nel nostro bel paese la "democrazia" é la bestemmia quotidiana che alberga nelle bocche di tutti i trinariciuti di fede bersaniana o renziana che dir si voglia ma, chiacchiere a parte, le democrazia é stata uccisa e sepolta troppe volte, ultima sepoltura in ordine di tempo la votazione scandalosa con "fiducia" sulla legge dei culatta!

Paolo Berlinghieri

Dom, 28/02/2016 - 11:20

Le solite boiate, qui nel Vaud, come d'altronde nei cantoni Geneve e Neuchatel,fortunatamente la sinistra è avanti di parecchio, siamo tranquilli per il referendum.

luciano32

Dom, 28/02/2016 - 11:44

Come è bello vivere e votare in Svizzera, senza primarie, senza Vendola e senza grillo

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Dom, 28/02/2016 - 11:54

Attendo con pazienza di leggere i risultati. Comunque vada i REFERENDUM, sono segnali di FORTE DEMOCRAZIA e non DITTATURA!

loscappatoinnic...

Dom, 28/02/2016 - 12:15

gli svizzeri pedofili sono sempre un passo più avanti degli altri. Loscappatoinicaragua

Ritratto di sitten

sitten

Dom, 28/02/2016 - 12:51

Che la mummia stramaledetta, prende atto dove veramente c'è la democrazia. Non vedo l'ora di brindare!

edo1969

Dom, 28/02/2016 - 18:45

sitten a che cosa brindi? ho appena letto che hanno vinto quelli che sono contro alle espulsioni: anche gli svizzeri mi deludono, l'europa pecorona e buonista vince mannaggia a loro