Zone rosse, Salvini tira dritto: "Impugnazione? Andare avanti"

Salvini va all'attacco delle toghe dopo lo stop alle "zone rosse" deciso dal Tar della Toscana. Adesso è scontro aperto

Matteo Salvini torna a mettere nel mirino le toghe "politicizzate". Da qualche giorno va avanti lo scontro durissimo tra il Viminale e i magistrati. Dopo la sentenza del Tar che ha calcellato le zone rosse volute dalla Prefettura di Firenze, si è aperto un vero e proprio braccio di ferro tra il Ministero degli Interni e una parte della magistratura. Il ministro Salvini però tira dritto: "Sono sconcertato che qualcuno impugni un’iniziativa che allontana gli spacciatori da alcune zone della città", afferma. Poi rincara la dose e va all'attacco: "Se uno spaccia è lecito allontanarlo da alcuni quartieri. Ci vuole prevenzione ed educazione, ma anche la repressione. Ritengo sia diritto di un prefetto, di un sindaco, di una mamma, non avere lo spacciatore sotto casa", ha detto da Firenze dove è intervenuto a un vertice in Prefettura. Di fatto il piano delle zone rosse era basato proprio sul divieto di ingresso in alcune zone delle città ad alcuni soggetti già colpiti da denunce. Ma la decisione del Tar della Toscana ha di fatto annullato questa strategia sul fronte della sicurezza.

E così Salvini aggiunge: "Come a me interessano i fatti, quindi sicuramente andremo avanti perchè la lotta allo spaccio di droga è una mia priorità. Poi la zona potrà essere rossa, bianca o verde, ma la lotta allo spaccio passa anche attraverso un cambio di normativa con pene più severe per gli spacciatori che oggi purtroppo vengono denunciati e rilasciati dopo qualche ora". Infine avverte una parte della magistratura: "Se qualcuno, indossando la toga, sull'immigrazione ritiene che in Italia ci sia spazio per tutto e per tutti, è chiaro che sarebbe opportuno non ci fossero sentenze sul tema immigrazione da parte di queste persone, però andiamo avanti tranquillamente".

Commenti

poli

Ven, 07/06/2019 - 12:37

mi sembrava molto piu' serio CETTO LAQUALUNQUE!!!!!!!!!!

VittorioMar

Ven, 07/06/2019 - 12:58

..OTTIMO SALVINI e sempre POLITICAMENTE SCORRETTO...il GOVERNO e il PARLAMENTO FANNO LE LEGGI...i MAGISTRATI LE DEVONO APPLICARE non INTERPRETARLE...a loro USO E CONSUMO....!!

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 07/06/2019 - 13:43

poli cetto la qualunque e' piu' serio anche della magistratura italiana

dredd

Ven, 07/06/2019 - 13:53

Credo che tutti siano sconcertati che qualcuno impugni un’iniziativa che allontana gli spacciatori da alcune zone della città. Più che sconcertati schifati

agosvac

Ven, 07/06/2019 - 13:55

Questa non mi sembra sia una lotta, è solo una reazione a determinate posizioni anti italiane di una magistratura che ha dimenticato di essere italiana e "pagata lautamente" dagli italiani! Non vedo come la magistratura possa vincere quando ha contro la maggioranza degli italiani. Il primo Governo che riuscirà a fare la totale riforma della magistratura avrà con sé TUTTI gli italiani, anche quelli che non si riconoscono in quel Governo: ormai i magistrati si sono messi contro tutti: troppi i danni che stanno facendo!!!

Ritratto di babbone

babbone

Ven, 07/06/2019 - 14:39

basta con questi magistrati politicizzati pagati dallo Stato, fuori a lavorare, se capaci, poi ne riparliamo.

moichiodi

Ven, 07/06/2019 - 15:01

Tira avanti. Cosa? Come? Cosa c'entra tira avanti?

zadina

Ven, 07/06/2019 - 17:01

Ottimo ministro Salvini le osservazioni giuste fatte alla magistratura politicizzata che predicano solo i diritti però mai i doveri, certi magistrati dovrebbero saperlo benissimo per primo esiste e si deve fare il DOVERE dopo si chiede il diritto, forse la parola DOVERE è stata cancellata dal vocabolario dai radical sinistroidi.

Macrone

Ven, 07/06/2019 - 17:03

Poli, non è il Ministro che non si spiega, è lei che non ci arriva. D'altronde: non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.

papik40

Ven, 07/06/2019 - 17:56

Ma all'incolumita' dei cittadini italiani questi giudici non ci pensano? Preferiscono violare le leggi che la magistratura e’ chiamata a far rispettare mentre invece “interpretano le leggi” per tutelare gli immigrati irregolari ed emettono le loro sentenze per evidenti personali interessi politici e non di giustizia! Questi giudici ricordano il principio giuridico “Lex sed lex”? Applichino le Leggi oppure si iscrivano o costituiscano un partito politico e facciano politica con il rischio di non essere eletti! Facile fare politica violando le leggi protetti dall’ala benevola della Magistratura che plaude a queste giudici per impossessarsi (condizionare) anche del potere legislativo che, in Italia, e' l’evidente loro scopo !

Valvo Vittorio

Ven, 07/06/2019 - 18:02

Lo sforzo che il ministro Salvini compie per ristabilire un minimo di ordine è da lodare, tuttavia è doveroso rilevare che l'applicazione di una norma è un processo piuttosto complesso benché a inventare il diritto sia stato gli antichi romani. Prima che si applichi una norma, occorre la corretta interpretazione e il magistrato, qualora abbia dei dubbi, si rivolge alla Cassazione oppure alla Corte Costituzionale; dipende dal genere di dubbio. Pertanto la risoluzione può slittare di parecchi anni! Ecco perché i tempi della giustizia sono esageratamente lunghi!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 07/06/2019 - 18:09

SALVINI PRESTO LAscerai il governo e andrai a lavorare veramente non fare passeggiate a nostre spese.

bernardo47

Ven, 07/06/2019 - 18:44

noi tireremo dritto! li bloccheremo tutti sul bagnasciuga perbacco!

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Ven, 07/06/2019 - 18:44

Forza Salvini,l'Italia italiana è sempre con te.

Reip

Ven, 07/06/2019 - 18:48

Bravo Salvini! Continua cosi!

cesare caini

Ven, 07/06/2019 - 19:01

La stazione Centrale di Milano deve diventare un zona rossa !

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Ven, 07/06/2019 - 19:02

X poli: si, ma hai dimenticato di dire ... dei magistrati!

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Ven, 07/06/2019 - 19:05

X Valvo Vittorio: si, occorre interpretare la legge, possibilmente, però, non in modo fantasioso e, soprattutto, scevro da ideologie di sorta o ad usum delfini. Questo in Italia non avviene.