Ponza, in manette sindaco e quattro assessori L'accusa è di abuso d'ufficio e turbativa d'asta

Decapitata la giunta di Ponza. Arrestato il sindaco di Ponza, Pompeo Rosario Porzio, quattro assessori della sua
giunta e due imprenditori dell’isola. Altri venti indagati. Le ipotesi di reato sono associazione a delinquere finalizzata a reati contro la pubblica amministrazione come abuso d'ufficio e turbativa d'asta

Ponza - Associazione per delinquere finalizzata a reati contro la pubblica amministrazione come l’abuso d’ufficio, falsità e turbativa d’asta. Con questa ipotesi di reato contestata questa mattina a Ponza sono stati arrestati il sindaco Pompeo Rosario Porzio e quattro assessori della sua giunta e due imprenditori dell’isola. Sette in tutto le ordinanze di custodia cautelare emesse dal pm Olimpia Monaco ed eseguite dai carabinieri del reparto operativo di Latina. 

Appalti e giri d'affari I pontili e le concessioni, gli ormeggi e le attività commerciali. Gli appalti. Il mare di Ponza nelle mani di un vero e proprio comitato d’affari. Questo il quadro prodotto dall’inchiesta. Secondo quanto riferito dagli inquirenti le gare d’appalto per la gestione della manutenzione per conto del Comune venivano affidate in modo sistematico a tre ditte, attraverso una manipolazione oggettiva degli esponenti della giunta e dei dirigenti comunali compiacenti. L’importo complessivo delle gare contestate (dal 2006 al 2010) ammonta a circa 3 milioni di euro. Già nel recente passato l’autorità giudiziaria si era occupata del gioiello isolano. Nell’indagine del 2009 "Ponza nostra" erano stati coinvolti alcuni amministratori comunali, gestori dei pontili ed anche rappresentanti delle forze dell’ordine. E perfino un familiare di un defunto boss dei Casalesi. Sono venti in tutto gli indagati a piede libero - tra cui alcuni dipendenti comunali - , oltre alle sette persone finite in manette.

Chi è il sindaco Pompeo Rosario Porzio è sindaco di Ponza da oltre otto anni. Eletto per la prima volta il 25 maggio 2003, vincendo con il 61,8%, è stato riconfermato dai cittadini nella tornata elettorale successiva, il 13 aprile 2008, quando con la lista civica "Isola Nostra" ha ottenuto il 45,8% dei voti. Porzio era subentrato nel 2003 a Mario Balzano, il cui mandato era stato interrotto con lo scioglimento del Consiglio comunale, dopo che l’ex sindaco era stato dichiarato decaduto dalla carica per incompatibilità.