Premio Tropea: il programma delle tre serate tra letteratura e attualità

Tra gli ospiti i finalisti Giancarlo De Cataldo, Donatella Di Pietrantonio e Marta Morazzoni, il vincitore 2010 Matteo Signorini, la presidente della giuria Isabella Bossi Fedrigotti, Gian Antonio Stella, il conduttore di «Fahrenheit» Marino Sinibaldi e Aldo Pecora, portavoce del movimento antimafia «Ammazzateci tutti»

Il Premio letterario Tropea annuncia il calendario della manifestazione di tre giorni che, dal 22 al 24 luglio, animerà la cittadina calabrese.
Non si tratterà solo dell'illustrazione della terna delle opere finaliste e della scelta del vincitore della Va edizione, ma anche di una serie di incontri , dibattiti di letteratura e attualità, oltre a momenti di spettacolo.
Per la prima volta i tre incontro serali non si svolgeranno nella piazza centrale di Tropea, ma nel modernissimo porto della località marittima, per accogliere il pubblico sempre più numeroso che segue la manifestazione.
In prima fila ci saranno, naturalmente, i finalisti, Giancarlo De Cataldo con «I Traditori» (Einaudi), Donatella Di Pietrantonio con «Mia madre è un fiume» (Elliot) e Marta Morazzoni con «La nota segreta» (Longanesi).
Il Premio è promosso dall' antica «Accademia degli Affaticati" e il presidente Pasqualino Pandullo, condurrà le tre serate insieme alla collega giornalista Livia Blasi, intervistando personalità di prestigio, autori noti e interessanti esordienti che rappresentano piccoli «casi editoriali».
Ospiti del primo incontro, quello del 22 luglio, sarà il giovane scrittore Mattia Signorini, vincitore dell'edizione 2010 con «La sinfonia del tempo breve» (Salani), insieme alla presidente della giuria Isabella Bossi Fedrigotti, il conduttore della trasmissione di Radio 3 dedicata ai libri «Fahrenheit», Marino Sinibaldi e Aldo Pecora, portavoce del movimento contro tutte le mafie e la 'ndrangheta in particolare «Ammazzateci tutti», nato spontaneamente tra i giovani a Locri negli ultimi mesi del 2005, dopo l'omicidio del vicepresidente del consiglio regionale della Calabria Francesco Fortugno.
Il 23 luglio protagonisti del talk, oltre ai tre candidati, saranno Lino Zani e Marilù Simoneschi, con il libro «Era santo, era uomo. Il volto privato di Papa Wojtyla», edito da Mondadori.
Ha confermato la sua presenza, nella serata conclusiva del 24 luglio, il giornalista del Corriere della Sera Gian Antonio Stella, che discuterà di bellezza e tutela del territorio con l'antropologo Mauro Francesco Minevino, autore di «Statale 18» ( ed. Fandango).
La voce di Marco Falaguasta, noto attore di diverse fiction tra cui "Paura d'amare" su Rai 1, guiderà gli spettatori tra le pagine dei libri in concorso, con la lettura di alcuni brani. Sarà accompagnato al pianoforte dal direttore musicale del premio, Sergio Coniglio.
Nella serata conclusiva sarà il vincitore dell'ultima edizione Signorini a consegnare il riconoscimento al prescelto anche dalla giuria popolare , che comprende tutti i sindaci calabresi .
Dalla vittoria di Roberto Saviano con «Gomorra» nella prima edizione (2007), passando per Gianrico Carofiglio con «Ragionevoli Dubbi» (2008), Carmine Abate con «Gli Anni Veloci»(2009) e Mattia Signorini nel 2010, il premio ha fatto molto strada. E quest'anno vedrà protagoniste le donne, visto che nella terna finalista ce ne sono ben due, Donatella Di Pietrantonio e Marta Morazzoni.