La provocazione per San Valentino

Tra i personaggi passati quest’anno per Identità Golose anche il cinese Alvin Leung, nato a Londra, cresciuto a Toronto, titolare a Hong Kong del ristorante Bo Innovation, ma in precedenza ingegnere acustico. Brillante, una passione per il vino italiano e una moglie che definirla bella è riduttivo, considera la sua cucina estrema perché cerca di sposare le tradizioni cinesi con echi dal mondo intero. Di certo il suo dolce era una provocazione ma tutt’altro che gratuita perché mirata a sensibilizzare l’opinione pubblica del suo Paese nella lotta all’Aids nel giorno di San Valentino, domenica prossima 14 febbraio. Si ritiene che le persone affette da HIV nel pianeta siano circa 33 milioni, tanti contagiati inconsapevolmente, tanti per superficialità e rifiuto del preservativo. E allora ecco che Alvin, ispirandosi al cocktail Sex on the beach, a base vodka, ha creato, immergendo un astuccio portasigari in una gelatina, un preservativo al gusto di fragola, vi ha iniettato una cremina grigia e lo ha adagiato su “sabbia” al cacao. L’immagine era perfetta così come era sincero l’imbarazzo dell’assaggiatore nel mangiarlo in due bocconi. Ma è chiaro che in questo caso conta il messaggio, il mettere in guardia chi si concede un’avventura «tanto figurati se mi succede qualcosa».