Quando il latte sale in cattedra

Se il 2007 è stato l'anno dedicato all'ampliamento della gamma del latte, nel 2008 il «Centro Latte Rapallo» ha incrementato ulteriormente il ventaglio delle proprie offerte, lanciando alcune importanti novità nel segmento dei formaggi e degli yogurt. Il tutto nel quadro di una massiccia campagna pubblicitaria incentrata sul tema della sicurezza alimentare. L'azienda ligure ha deciso di «fare scuola», mettendo a disposizione del proprio pubblico due depliant cartacei contenenti tutte le informazioni sulle tipologie di latte distribuite oggi dal «Centro Latte Rapallo». Il primo pieghevole è una riedizione, aggiornata nei disegni e nei testi, del depliant «Conosci il latte troverai un amico» realizzato da Emanuele Luzzati nel 1991 e rivolto essenzialmente alle famiglie. Il secondo, invece, («Di che latte sei?») ha un carattere più tecnico e fornisce tutte le notizie utili legate alle dieci tipologie di latte prodotte e distribuite dall'azienda di via S. Maria del Campo a Rapallo. I testi, scritti con l'aiuto di un medico dietologo, illustrano le caratteristiche organolettiche della bevanda e indicano il tipo di latte giusto per ogni persona. «Siamo l'unica azienda in Liguria che vanta nella sua gamma oltre dieci tipologie di latte, per rispondere alle diverse esigenze dei consumatori e offrire un prodotto adeguato anche ai soggetti con intolleranze o problemi alimentari. Abbiamo pensato quindi di fornire informazioni precise sulle caratteristiche di ogni tipo di latte», spiega l'amministratore delegato Maurizio Macchiavello.
Se è vero che il 50 per cento delle vendite dei prodotti «Tigullio» riguarda il latte fresco, suddiviso nei gusti alta qualità, intero, parzialmente scremato e magro, anche quest'anno il «Centro Latte Rapallo» ha diversificato la propria offerta, lanciando alcune gustose novità tra i formaggi freschi e gli yogurt. Per i single o per chi non ha troppo tempo da dedicare ai fornelli, ecco la «Ricottina Tigullio» in formato monodose da 100 grammi, preparata solo con latte intero. E da qualche mese è disponibile anche la nuova «Caciottina Tigullio» che si aggiunge ai formaggi classici prodotti dall'azienda: gorgonzola, parmigiano, ricotta, tomino boscaiolo, emmental svizzero, stracchino, mascarpone, formaggio spalmabile, mozzarella e prescinseua.
Altra novità del 2008 è il nuovo yogurt magro cremoso al caffè che si caratterizza per il basso contenuto di grassi (0,1 per cento) e arricchisce la gamma degli yogurt «Tigullio», dopo quelli ai frutti di bosco, alla fragola, bianco, alla mela verde. Oltre ai prodotti lattiero - caseari, il Centro Latte Rapallo ha da tempo introdotto le insalate e la frutta fresca con quattordici qualità diverse e le nuove verdure fresche (spinaci e bietoline) che vengono distribuite in poche ore dalla raccolta e dal confezionamento. Non ha avuto, invece, i riscontri sperati la confezione di verdure pronte in pochi minuti «Sapore al vapore», lanciata l'anno scorso e che ora non rientra più nelle proposte del Centro Latte Rapallo. Il resto della produzione è diviso tra il latte a lunga conservazione (Uht ad alta digeribilità introdotto nel 2007), panna fresca, uova extra fresche a marchio proprio Fiordovo, budini, spremuta di arance rosse.
Negli ultimi anni l'azienda ha lanciato la nuova linea di pasta fresca a marchio «Centro Latte Rapallo», declinata in diverse varietà tra le quali le specialità del territorio: ravioli di borragine, trofie, pansoti genovesi. Sempre nel 2007 l'azienda ligure leader nella produzione e distribuzione di latte, derivati e alimenti freschi con un fatturato superiore ai 26,6 milioni di euro, ha scelto di orientarsi verso una nuova tipologia di latte dalle caratteristiche peculiari: il latte di capra proveniente dai migliori allevamenti sardi, più digeribile rispetto al latte di mucca e con un elevato apporto di calcio. «Lo abbiamo lanciato l'anno scorso e oggi possiamo dire che ha avuto un discreto successo», ricorda il direttore marketing Mario Restano. È all'insegna della migliore tradizione ligure una delle novità previste nel 2009: «Stiamo studiando alcune iniziative affinché venga sempre più conosciuta e apprezzata la prescinseua, la cosiddetta quagliata genovese. Organizzeremo delle serate a tema per illustrare ai più giovani le principali caratteristiche di questo formaggio unico nella nostra provincia».