Quote rosa, Santanchè: "Deve contare il merito"

La deputata di Forza Italia: "Non c'è bisogno di una norma per la parità di genere. Ma serve la parità di comando"

"Finchè i capi e i vertici dei partiti sono uomini, sono loro a scegliere: e a me non interessano donne scelte dagli uomini, ma donne scelte dalle donne". Parola di Daniela Santanchè, che nel giorno della festa delle donne ribadisce il suo no alle quote rosa, tantomeno se inserite nella legge elettorale.

"Care amiche, fermatevi sull'approvazione di quest'emendamento", chiede la deputata di Forza Italia, secondo cui garantire la parità di genere all'interno delle liste non sia sufficiente: "Lo sappiamo tutte, ma dobbiamo avere il coraggio di ammetterlo: nei partiti le liste elettorali vengono decise e predisposte dagli uomini. E la stessa regola vale per le donne che nei governi fanno i ministri: sono sempre scelte da uomini", afferma a Libero e a La Stampa.

Più che di parità di genere quindi, meglio parlare di "parità di comando". "Conta il merito, non il sesso", ribadisce, "La mia battaglia è per avere donne che possa decidere chi candidare".

Commenti

xgerico

Sab, 08/03/2014 - 11:56

"Finchè i capi e i vertici dei partiti sono uomini, sono loro a scegliere: e a me non interessano donne scelte dagli uomini, ma donne scelte dalle donne".................. Giusto, tu saresti la prima...........fuori!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Sab, 08/03/2014 - 11:57

Ma certo che deve contare il merito, se no anche i gay vorrebbero la loro rappresentanza.

Mr Blonde

Sab, 08/03/2014 - 11:57

Sagge parole. Quindi VATTENE

NON RASSEGNATO

Sab, 08/03/2014 - 12:00

Serve la capacità, tutto il resto sono sceneggiate.

fermamarina

Sab, 08/03/2014 - 12:11

Proprio perché devono contare le qualità e le capacità personali, che senso ha ricorrere alle quote rosa? Mi sembra ridicolo, poiché questo toglierebbe "merito", dignità ed autorevolezza alle elette. (ricoprire una carica solo per il "merito" di essere donna...non è un po' umiliante?) Con questa logica si potrebbero richiedere anche le quote gay ecc. ecc,

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 08/03/2014 - 12:25

"Conta il merito, non il sesso"...? Giusto, anche se magari a volte conta il merito NEL sesso...(ci sono le prove).

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Sab, 08/03/2014 - 12:26

Eh già. La Minetti

Ritratto di geode

geode

Sab, 08/03/2014 - 12:26

Quote-rosa, femminismo, pari-opportunità, femminicidio, sono tutti LEMMI che appartengono ad uno oscurantismo culturale che offende la reale parità fisica e morale dell'umanità.

MEFEL68

Sab, 08/03/2014 - 12:26

Abbiamo avuto la Jotti, la Pivetti ed ora la Boldrini quali Presidenti della Camera. La Tarantola è Presidente della Rai e molte sono Ministri. La Bindi è Presidente del PD (sic!). La Marcegaglia è stata un'agguerrita Presidente della Confindustria.I TG sono condotti quasi tutti da donne. Anche nelle trasmissioni sportive queste stanno prendendo il sopravvento. Questo dimostra che la donna, se valida, non ha bisogno di fare carriera solo perchè rientra nel numero.

Ritratto di geode

geode

Sab, 08/03/2014 - 12:27

Quote-rosa, femminismo, pari-opportunità, femminicidio, sono tutti LEMMI che appartengono ad uno oscurantismo culturale che offende la reale parità fisica e morale dell'umanità.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 08/03/2014 - 12:28

Questa deve essere disorientata nel tempo e nello spazio...oltrechè fascista. Sta a parlare di merito? Pericolosissima eversiva. Come la Marina d'oltralpe.

Ritratto di ..beautifulDay

..beautifulDay

Sab, 08/03/2014 - 12:29

TUTTI A CASA DOVETE ANDARE.... MASCHI, FEMMINE E

Gfrank54

Sab, 08/03/2014 - 12:30

trovo avvilente essere eletta perche donna e non perche capace. questo e sessismo.

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Sab, 08/03/2014 - 12:33

Beati coloro che non sanno quello che dicono! Ma non era quella che criticava l'anziano vizioso perchè le donne Le considerava solo in orizzontale? Ma ci faccia il piacere!

Ritratto di Giorgio Prinzi

Giorgio Prinzi

Sab, 08/03/2014 - 12:33

L'onorevole Santanchè non si è imposta come leader grazie a quote rosa, ma per la sua determinazione e coerenza. Le mie amiche in carriera per meriti personali professionali vedono le quote rosa come fumo negli occhi; le "prescelte dagli uomini", di cui parla l'onorevole Santanchè, sono un disastro di genere, danneggiano le donne e la causa della parità di ruoli e di funzioni. Meglio una sola donna valida in posizione di comando, che la metà della compagine a fare da gineceo, peggio se con abbigliamento e portamento molto "femminile".

occhiotv

Sab, 08/03/2014 - 12:36

Ha perfettamente ragione. Ho sempre saputo che l'essere umano ragiona con la tasta, con il cervello e non con il pene o la vagina. Pertanto possono esserci più uomini o più donne capaci di fare le cose per bene. Perciò credo che sia la cosa più stupida obbligare ad occupare posti importanti e responsabili magari a persone incapaci o amiche a danno di persone molto più capaci, solo per fare il 50 e 50 %.

wall333

Sab, 08/03/2014 - 12:37

Proprio questa donna(?)non ha nulla da dire a nessuno.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Sab, 08/03/2014 - 12:37

Cara On. Donna Santaché sono e siete in sintonia con me; il merito maggiore di una donna si ha quando ha messo al mondo almeno due figli per il resto siamo alla stregua degli uomini della Preistoria. Shalom

agosvac

Sab, 08/03/2014 - 12:45

La signora santanchè è un po' contorta nel modo di esprimersi però ha ragione. La parità di genere messa per legge è una corbelleria bella e buona!!! La parità la si deve guadagnare, non può essere imposta. I politici devono essere scelti per le loro capacità non per l'essere uomini o donne. Se in un partito o in un qualsivoglia movimento politico le donne capaci sono più degli uomini allora ben vengano. Se al contrario sono più gli uomini, ben vengano. Non ci si può fermare al 50%, perchè si rischia di mettere persone incapaci( la cosa vale sia per gli uomini che per le donne) in posti chiave.

@ollel63

Sab, 08/03/2014 - 12:50

E' ovvio che non si possano eleggere donne solo perché donne, come pure uomini perché uomini. Deve valere solo la CAPACITA' e il MERITO oltre che, alla base, la CULTURA certificata. Tutto il resto è mistificazione imbroglio inganno... abbiamo pagato fin troppo caro per caterve di incapaci, immeritevoli, incolti.. per non dire di facinorosi spacconi ladri miserabili bugiardi e altro ancora e, non c'è limite al peggio mi fermo qui

GiuliaG

Sab, 08/03/2014 - 13:12

Ha ragione, non siamo mica dei panda. Poi, avanti così, potrebbero proporre le quote i neri, i gay e via discorrendo.

Ritratto di stock47

stock47

Sab, 08/03/2014 - 13:16

Sul discorso del merito sono d'accordo. Le persone, di là del loro genere d'appartenenza, devono essere scelte dagli ELETTORI per il merito. Tuttavia la Santanchè fa un discorso impapocchiato sul "comando", uscendosene fuori che le donne che comandano devono scegliere le donne, praticamente una discriminazione alla rovescia nei confornti del sesso maschile. Mi spiace ma non ci siamo. Al Parlamento e al Governo, così come nelle istituzioni devono giugere solo coloro che ne hanno le capacità e il merito, non importa a quale sesso o genere maschile o femminile appartengano, quello che importa è l'efficienza e l'efficacia della loro azione in accordo con la volontà degli elettori e a loro favore ma senza uscirsene e farli pesare con i loro problemi di genere personali, fossero anche gay. Tutto il resto sono fesserie.

mima64

Sab, 08/03/2014 - 13:18

Sempre a leccare sempre a pecorella. TR.....

Massimo Bocci

Sab, 08/03/2014 - 13:20

Signora Santachè, ma quelle del PD hanno dei meriti??? O meretrici!!! Si ricorda lo hanno ricordato alche i 5 stelle (o stalle) sono brave a fare i Pom........, mi sembrano meriti da non sottovalutare.

jakc67

Sab, 08/03/2014 - 13:20

a me tutto sto rimestare nella richiesta di diritti legalizzati sa tanto di esibizione di debolezza da una parte e pretesa di privilegi dall altra... sarà, ma forse aveva ragione caligola...

luciablini

Sab, 08/03/2014 - 14:30

hahahahahah hahahahahhahah è allora che ci fai da annii là ahhahahahhhhahah ahhahahahahahaah...erano ani che non si sentiva una barzalletta cosi divertente ..ahahahahahahhhhahah

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Sab, 08/03/2014 - 14:37

Ha ragione Santadeche. Lei 7-8 anni fa diceva che il pregiudicato le donne le preferiva orizzontali. Le premiava in base a quanto rimanevano in questa posizione. Questo è il merito .........

anna.53

Sab, 08/03/2014 - 14:49

Il commento di Geode è perfetto, concordo in pieno : "Quote-rosa, femminismo, pari-opportunità, femminicidio, sono tutti LEMMI che appartengono ad uno oscurantismo culturale che offende la reale parità fisica e morale dell'umanità".

Giorgio5819

Sab, 08/03/2014 - 15:05

Una legge sulle quote rosa è il peggior insulto alla dignità delle donne. Le donne vere,le donne intelligenti,preparate, professionali,capaci, non se ne fanno niente di un posto assegnato da una legge, se lo guadagnano con le loro capacità, con l'orgoglio femminile serio, con la fatica e la dedizione alla professione, non per diritti contrattati col bilancino della peggior politica...già,le donne vere non le vetero-femministe incazzose.

ilfatto

Sab, 08/03/2014 - 15:16

@Massimo Bocci..leggendola di nuovo (chiami qualcuno a rifarlo per lei! E poi gli chieda cosa ne pensa delle sue produzioni letterarie) sono sempre più sicuro che lei sta proprio tanto male e mi spiace proprio se si sente offeso da quanto le scrivo, e le ripeto che forse le sembrerò inopportuno e scusi la mia curiosità ma, lei di che patologia soffre? è grave vero? ma non ci sono cure? Poveretto…lei e soprattutto chi la deve controllare, la tengono rinchiuso? È pericoloso o solo a parole? Scusi ancora

nurra94

Sab, 08/03/2014 - 15:17

Questi sono tutti argomenti, da terrazze Romane radical scik, una cosa tipo il 6 politico, di memoria sessantottina. Ma chi si è inventato le quote rosa? E adesso la parità di genere. Io penso, che queste agevolazioni, fatte tra l'altro per legge, sia offensiva per le stesse donne. Una va avanti, perché stabilito dalla legge, una va avanti perché capace, se una è capace, va avanti anche se non c'è una legge. Queste sono tutte le seghe mentali che si fa la sinistra fancazzista. Stesse seghe mentali, per genitore n1 e genitore n2. Questi non lavorano, non fanno un cazzo 24 ore su 24, e pensano a come complicare la vita agli altri, e mi meraviglio che ci sia cosi tanta gente che li segue. Possibile che una buona parte di Italiani, sia cosi rincoglionita?

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 08/03/2014 - 15:22

Come dice Santachè, non ci vuole parità di genere, ne parità di comando!!! BISOGNA SAPER-FARE, NON SCALDARE LA SEDIA e RUBARE ALLA POPOLAZIONE. Poi, che ci sono più donne che più uomini, non importa.

Ritratto di mark 61

mark 61

Sab, 08/03/2014 - 15:24

e il tuo quale sarebbe ??? abbi la cortesia di spiegarcelo GRAZIE

Anonimo (non verificato)

Ettore41

Sab, 08/03/2014 - 16:07

D'accordo con la Santache': deve contare il merito. Se sono all'altezza anche il 90% perche' no?. Le quote rosa sono solo il risultato di un femminismo becero.

ghorio

Sab, 08/03/2014 - 16:09

D'accordo deve contare il merito ma le donne impegnate nella politica debbono essere coerenti: non votare gli uomini e partecipare alla vita dei partiti, anche se, purtroppo, quelli attuali sono di plastica.

Agev

Sab, 08/03/2014 - 16:51

Se questo è il suo pensiero ... Penso che la signora Boldrini abbia dei seri problemi di identità . Essere donna/femmina è altra cosa . Gaetano

denteavvelenato

Sab, 08/03/2014 - 17:17

A quanto pare, è stufa di fare politica

INGVDI

Sab, 08/03/2014 - 17:40

Bene Santanchè, è il pensiero anche di Ida Magli. L'introduzione della parità di genere sarebbe un'iniziativa idiota che in pratica porrebbe la donna in una condizione di inferiorità mentale. Come succede nello sport che prevede gare maschili e femminili, giustamente in questo caso, data la diversa fisicità.

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Sab, 08/03/2014 - 17:59

Vero. Bisogna premiare il merito e quindi largo spazio ai vari Scilipotti, Razzi e compagnia cantante. VIVA FARSA ITALIA!!!!!!!!

guerrinofe

Sab, 08/03/2014 - 18:03

GIUSTO DEFE CONTARE OL MERITO! MA NON L'ANZIANITA.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Sab, 08/03/2014 - 19:17

mi ricordo l'On. Pivetti che dopo due anni e sei mesi si tolse dallo Scranno di Presidente della Camera e se ne andò convogliando a nozze col suo amore; in fondo colombe si ma furbi come serpenti. Vedete tutti quelli che hanno occupato quel "sacrosanto" posto, se volete Vi faccio l'elenco; Scognamiglio al Senato, Bertinotti alla Camera, Casini e ultimamente Fini; loro la Politica l'hanno confusa coi quattrini e vogliono ancora parlare. Molti criticano Berlusconi ma lui non ha mai preso un soldo da Noi e a Palazzo Ghigi ha ristrutturato lo Studio con i suoi soldi; questo i vari compagnucci lo sanno ma preferiscono parlare sbavando sulle donne di Forza Italia che sono brave più di quelle tanto seriose del PD o di Sel. Guardate la Riforma della Gelmini; qualche ritocco ed è fatta, per non parlare della Carfagna che nonostante gli impegni è diventata anche madre ma sono deluso da quella donna, di cui adesso non ricordo il nome ma era così brava a passare sui carboni ardenti con Damato (tutti spariti). Una cosa è certa l'oro si prova con il fuoco dice la S. Scrittura così come un amico si prova nel momento del bisogno. Shalom

denteavvelenato

Sab, 08/03/2014 - 19:50

A quanto pare, è stufa di fare politica

emremre

Sab, 08/03/2014 - 20:33

infatti la Minetti era nel consiglo regionale del pdl perche' meritava hahahahaha

Ritratto di EdyLampadina

EdyLampadina

Sab, 08/03/2014 - 20:41

@ agosvac: Sono perfettamente d'accordo!

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 08/03/2014 - 21:11

@ Adriano Romaldi scrive:"...il merito maggiore di una donna si ha quando ha messo al mondo almeno due figli ", allora il premio massimo va assegnato ai conigli.

cgf

Sab, 08/03/2014 - 21:12

già... se ti capita un'oculista mancata come Kashetu Kyenge, detta Cécile per gli amici.. ma che meriti aveva per divenire ministro?

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 08/03/2014 - 21:14

La Santanché dovrebbe sapere che da uomini sono nominati ministri non solo le donne, ma anche gli altri uomini.

Ritratto di salvogiornale

salvogiornale

Sab, 08/03/2014 - 22:01

In passato, udivo la Mussolini dire aspramente: “per gli uomini che stuprano o violentano le donne, occorre attivare la castrazione del ‘coso’ “. A sostenere ciò, anche altre Donne e soprattutto “femministe aberrate”. Io, condivido pienamente, anzi vado oltre: occorre istituire “il taglio” netto del ‘coso’ però ad una condizione: che analogamente, per le donne che usano violenza verbale con aggressività ingiuriosa e distruttiva sull’essere uomini, venga attivato “il taglio” netto della lingua. La mia curiosità è tanta: capire e sapere se ci saranno più uomini senza il ‘coso’ oppure: più donne senza lingua. Da ciò, anche lo Stato potrebbe ricavarne tanti soldini per risanare il debito pubblico, attraverso l’istituzione d’una lotteria premio nazionale laddove sono certo che molti scommettitori, punterebbero fior di soldini per conoscere ad ogni fine anno, i nuovi risultati che si registreranno. Probabilmente, una reciproca minor aggressività, ridurrebbe radicalmente quel che di anno in anno, sembra proliferare a motivo dell’unilateralità e non di pari opportunità. Le persone perbene (in tutti i sensi), che per fortuna reggono ancora il Paese, emergono sempre a prescindere dal sesso, dal colore o dalle quote.

gamma

Sab, 08/03/2014 - 22:32

Che solenne stupidaggine questa delle quote rosa. A parte che giustamente anche i gay e poi i trasgender potrebbero chiederla. Deve contare il merito, l'onestà, la fedeltà al mandato ricevuto dagli elettori e non il genere. Per me potrebbe andare anche bene se in Parlamento fossero tutte donne qualora se lo meritassero per le loro capacita. Invece al solito vogliono combinare pastrocchi ideologici che non interessano più nessuno.

buri

Sab, 08/03/2014 - 22:39

ha ragione la Santanché, quello che conta sono le capacità ed il merito non se si è maschio o femmina,

Magicoilgiornale

Sab, 08/03/2014 - 23:34

Merito? Non vi pare che nel vocabolario italiano questa parola non ESISTE?!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 09/03/2014 - 00:41

Ha ragione la Santanchè. La storia delle quote rosa è un'altro aborto prodotto dalle menti bacate dei sostenitori del "politicamente corretto". Un'altra fesseria trinariciuta da aggiungere all'imbroglio della "par condicio". Un volgare trucco per amplificare in modo truffaldino la voce DI PARTITELLI DI SINISTRA DESTINATI A SCOMPARIRE DALLA SCENA POLITICA.

Chrom

Dom, 09/03/2014 - 07:36

Un più giusto emendamento presentato dalle onorevoli donne dovrebbe essere quello che impedisce una qualsiasi quota di genere, in ogni ambito. Se nel frattempo avessero maturato davvero le "palle", ovviamente... Brava, Daniela. Tu si che le hai, congenite e molto, molto femminili. Al direttore Sallusti, infatti, va tutta la mia affettuosa invidia.

Ritratto di pipporm

pipporm

Lun, 10/03/2014 - 12:11

E la Santanchè che meriti avrebbe?

citano39

Lun, 10/03/2014 - 22:39

Ecco una donna intelligente che non ha bisogno di una legge sulle quote rosa per essere eletta.