Regalo di Natale ai grifoncini

Un regalo rossoblù sotto l'albero dei grifoncini. Grande sorpresa e grande emozione, venerdì prima della partita Genoa Bari. Alla presenza di Cristian Stellini cinque scuole liguri hanno ricevuto un premio di cinquecento euro dalla società del Grifone. Ad essere premiati sono stati i bambini e i ragazzi che hanno partecipato lo scorso anno al concorso «I grandi fanno la storia, gli altri la studiano». A ritirare la busta contenente la lettera che corrisponde alla somma, la professoressa Paola Pini della scuola media «Maria Ausiliatrice», i bimbetti Gabriele Leone e Jerry Conforme della elementare «G. Da Passano», l'insegnante Patrizia Calabrese della «De Scalzi», e i ragazzi della media inferiore «Lucarno D'Azeglio», e degli istituti superiori «Giorgi-Montale», «Antola» di Rapallo e «Gastaldi».
Una piccola cerimonia, nei locali sottostanti la tribuna d'onore, accompagnati da scatti fotografici di rito con il giocatore. E fiumi di autografi. Ancora increduli, non tutti sanno bene come vorrebbero investire questa somma. «Sicuramente in materiale didattico - dicono le insegnanti - che a scuola non ce n'è mai abbastanza. Nessuno ce lo fornisce - polemizzano - e questi soldini potrebbero sicuramente venirci utili». I bambini avanzano invece l'ipotesi di poter avere un campetto in sintetico in uno dei cortili della scuola «Da Passano». Ma non si sa se la somma possa essere sufficiente a soddisfare questo loro desiderio. I ragazzi delle scuole superiori, invece, opterebbero per del materiale tecnologico, sempre insufficiente a coprire il fabbisogno dell'utenza scolastica delle loro classi. Ad ogni scuola, poi è stata consegnata una targa in ardesia da parte dell'«Associazione Club Genoani», e ad ogni alunno, una bellissima collanina con il ciondolo in ardesia e il grifone serigrafato.
Accompagnati poi da una decina di Babbi Natale, i bimbetti sono andati nella gabbia per seguire la partita insieme agli altri grifoncini. Tutti hanno ricevuto dai simpatici Santa Claus i palloncini rossi e blu per la coreografia iniziale. Una vera e propria festa, finita con un bellissimo «Buon Natale», cantato secondo gli slogan da stadio, rivolto a tutti i tifosi presenti.