Come riempire la casa di fiori anche senza avere spazi verdi

Decorazioni e complementi per donare all’arredamento l’aspetto della natura

La casa fiorita. Sembra un paradosso ma in realtà oggi è possibile realizzarsi tutto un arredamento dove il motivo del fiore compare in mille sue espressioni e si applica a componenti e accessori. Una volta il fiore faceva parte delle decorazioni da parete, con carte, tessuti e dipinti, era patrimonio dell'arte vetraria dell'antica Murano, si rivestiva d'oro negli orologi posti sulle consolle e così via. Poi cadde in lungo silenzio, e nell'epoca moderna, sfuggito alla rigorosa creatività razionalista, riprese un certo vigore nel dopoguerra, forse simbolo di una felicità ritrovata, forse esaltato dalla pubblicità che esordiva sui mezzi di comunicazione.
Così oggi il panorama che i designer offrono, avendo quale protagonista il fiore, è molto vasto, e noi vi proponiamo queste idee per la vostra casa in un periodo ancora di vacanze, perché in fondo la casa destinata ad ospitarci nei periodi di riposo ben si presta a queste applicazioni che hanno tra i loro componenti la fantasia, la gioia di vivere, il colore, l'estrosità. Certamente il fiore, come le righe, come le tinte forti, non va usato ed impiegato nelle sue espressioni senza un minimo di misura perché altrimenti diventa stucchevole e perde gran parte della sua suggestione. In ogni modo ricordiamoci che questo tipo di decoro non è assolutamente destinato, come pensano molti, alla cameretta dei ragazzi, ma se usato bene può rendere quasi tutti i nostri ambienti più che gradevoli. Specialmente se impariamo a sceglierne le tonalità: in uno stesso locale il bello sarebbe giocare su uno o due tinte, magari variandone la tonalità e poi studiare bene l'illuminazione, che come sempre nelle normali case è sottovalutata nella sua importanza e che invece è forse la componente decisiva di decorazione, soprattutto quando il fiore è grande protagonista.
(hanno collaborato:
Albino Boffi

e Gabriella Kuruvilla)