Rimini, anziani travolti e uccisi sulle strisce: il nipote è gravissimo

Attraversavano sulle strisce pedonali quando sono stati investiti da un'auto. La nonna è morta sul colpo, il marito poche ore dopo. Il bimbo è in gravi condizioni. Alla guida un 68enne di San Marino

Riimini - Attraversavano la strada sulle strisce pedonali col nipotino di tre anni, quando sono stati investiti. La nonna è morta sul colpo, mentre il nonno è deceduto qualche ora dopo. Grave il piccolo, ricoverato in ospedale.

Morti i nonni
È successo a Rimini, questa mattina, poco prima delle undici. I tre stavano attraversando via Euterpe, poco distante dal centro sportivo Garden, quando un Golf li ha investiti in pieno. La nonna, E.C., di 65 anni, è morta sul colpo. Ma anche per il nonno, G.V., di 74 anni, trasportato d’urgenza all’ospedale di Rimini, non c’è stato niente da fare. È spirato poco dopo le 14.

In gravi condizioni il bambino
Grave il bimbo, anche lui ricoverato in ospedale. Alla guida dell’auto, una Wolkswagen Golf, un 68enne, A.C., di San Marino. Sul posto sono intervenuti immediatamente il 118 e la polizia municipale, che sta esaminando la dinamica dell’incidente.

Strada pericolosa Non c’è rotatoria o semaforo che tenga. Sulla via Euterpe si continua a morire. Poche settimane fa un uomo si è schiantato con la Maserati contro un albero: andava a 150 all’ora e l’auto si è spezzata a metà. Eppure è una normalissima via di scorrimento: collega via della Fiera con viale della Repubblica, una strada a quattro corsie separate da uno spartitraffico che evidentemente mette voglia di correre a chi la percorre. Gli incidenti continui, e spesso anche mortali, avevano spinto il Comune a rallentarla con rotatorie e anche con un semaforo per l’attraversamento pedonale. Niente da fare. All’incidente ha assistito un pattuglia della Guardia di Finanza di Rimini che seguiva l’auto dell’investitore. Secondo gli uomini delle fiamme gialle, il sammarinese non viaggiava ad una velocità particolarmente sostenuta, ma l’impatto è stato comunque mortale perchè evidentemente nè lui nè le vittime si sono rese conto di quello che stava per accadere.