Quel ritocco... da cavalli è una vera medicina

La terapia anti invecchiamento più nuova è quella di Lipogems che rigenera tutti i tessuti ma anche tendini e cartilagini

diMohammed bin Rashid al Maktoum detto «Big Mo» che di mestiere fa l'emiro a Dubai ha due mogli, svariate concubine e 400 cavalli da corsa. Le donne sono perennemente in lotta contro ciccia e rughe per cui conoscono le più efficaci terapie anti invecchiamento. Invece i cavalli soffrono facilmente di tendinite e svariati problemi alle giunture perché correndo si consumano cartilagini e fibre muscolari. Ecco perché nessuno si è stupito quando l'emiro ha acquistato in un colpo solo 400 kit di Lipogems, l'ultima frontiera della medicina rigenerativa applicata da circa un annetto anche alla medicina estetica. «Si tratta di un sistema ormai diffuso in 23 Paesi al mondo per il prelievo, la processazione e l'innesto di cellule mesenchimali derivate dal proprio corpo» spiega Carmen Salvatore medico chirurgo con la doppia specialità in medicina estetica e nucleare oltre che titolare di Novessentia, la medical spa di Ghiffa, sul Lago Maggiore, che fa da accademy e centro pilota per le applicazioni beauty di questo trattamento. «Nel mesenchima hanno origine tutti i tessuti corporei, per cui se inietti queste cellule opportunamente processate crei l'habitat ideale per la rigenerazione tissutale» continua la dottoressa che ha una solida fama internazionale come maga del cosiddetto «Vampire lifting», un altro trattamento (i medici lo chiama PRP, Plasma Ricco di Piastrine) di medicina rigenerativa. Consiste nell'estrazione di una piccola quantità di sangue (da qui l'allusione ai vampiri) per poi centrifugarlo e re-iniettarlo nel viso come un qualsiasi filler. «La grande differenza è che la sostanza iniettata viene dal tuo stesso corpo esattamente come nel Lipogems ma il fattore di crescita è 200 volte più attivo del PRP» conclude Carmen Salvatore aggiungendo che l'effetto dura un paio d'anni se non di più e che non si formano i classici bozzi rivelatori d'interventi estetici antinvecchiamento. Costo dell'operazione: 10 mila euro e il bello è che ti devono prelevare almeno 250 ml di grasso (in genere dalla pancia, ma per chi ha pochi muscoli anche dal lato B) ovvero l'equivalente di un grosso vasetto di crema. L'operazione che viene fatta a mente serena ma in ambiente rigorosamente sterile consiste infatti nell'inserimento sottocutaneo di una canula con cui viene iniettata soluzione fisiologica mista a un anestetico per favorire il prelievo del tessuto grasso in cui si annidano i periciti, ovvero le cellule generalmente attaccate ai vasi sanguigni che in caso di trauma o infiammazione, si staccano dalla propria sede trasformandosi in cellule mesenchimali. Grazie a una speciale tecnica di lavaggio, le cellule vengono separate dal grasso e dalla parte ematica del prelievo. A questo punto non resta che iniettare questa preziosa sostanza nel viso, nelle mani, nel collo, nel décolleté oppure sul cuoio capelluto dove provoca un'immediata ricrescita. Resta da capire cosa centri tutto ciò con i cavalli dell'emiro... «Con Lipogems hai una rigenerazione di tutti i tessuti corporei, tendini e cartilagini in testa» risponde la dottoressa parlando di cura incredibile per il cosiddetto piede diabetico e di formidabili applicazioni in ortopedia tanto che viene già utilizzato al Rizzoli di Bologna, al Pini di Milano e al Negrar di Verona: i migliori ospedali ortopedici italiani. Del resto nel comitato scientifico ci sono personaggi come Arnold Caplan, professore di biologia e medicina rigenerativa in odore di Nobel per le sue ricerche sulle cellule staminali e Camillo Ricordi, il miglior diabetologo del mondo.