Roaming, con le tariffe Uechiamare l'Italia costa meno

Gli sms dall'estero non supereranno i 9 centesimi. Le chiamate internazionali dovranno costare meno di 29. Per la prima volta fisse anche le tariffe per il traffico dati

Da ieri sono entrate in vigore le nuove tariffe per il roaming nell'Unione Europea, grazie alle quali telefonare dall'estero sarà più conveniente. Le tariffe fissate dall'Unione Europea indicano il prezzo massimo Iva esclusa che gli operatori potranno esigere dai clienti.

Una telefonata internazionale non potrà costare più di 29 centesimi al minuto per chi chiama e al massimo 8 per chi riceve. Un sms inviato dall'estero costerà al massimo 9 centesimi, rimane invece gratuita la ricezione. La riduzione relativa ai messaggi, in particolare, segna un dimezzamento delle tariffe applicate fino a giugno.

L'Ue ha fissato anche limite precisi sulle tariffe del traffico dati. Il limite imposto è di 70 centesimi di euro per megabyte scaricato. Gli operatori saranno ancora obbligati a inviare messaggi ai clienti, al raggiungimento dell'80% del limite imposto per il loro credito relativo all'utilizzo dati. A limite raggiunto scatta il blocco dell'erogazione, salvo indicazione diversa da parte del cliente stesso.

Commenti

Leonardo Marche

Lun, 02/07/2012 - 14:04

Bene così, ma la UE si doveva muovere 10 anni fa in questa direzione. Il traffico dati è ancora spaventosamente alto, considerando che un uso medio del PC o del telefonino di collegamento a internet produce dai 50 ai 100 MB al giorno, stiamo parlando di 30-70 euro se utilizzo il PC all'estero. Ma questi soloni che ci fanno dalla mattina alla sera?

diegom

Lun, 02/07/2012 - 16:31

In realtà va aggiunta l'IVA: quindi, se prima si pagavano 42 c per minuto in roaming, adesso se ne pagheranno circa 35 (perché ai 29 menzionati nell'articolo va aggiunto il 19% di IVA). Per le chiamate fatte in zona 1 (UE) si scende quindi di circa 7c al minuto, mentre per gli sms la differenza è decisamente meno sensibile: lo sconto è di 2,5 c. Internet, a poco più di 83 c/MB, resta estremamente caro. Considerando che si tratta di tariffe massime, e che anche con le tariffe precedenti (più alte) nessun operatore si è discostato dai massimi consentiti, io mi sarei piuttosto concentrato sui controlli anti-cartello. E avrei messo un bel divieto di roaming per i Paesi in cui è presente la stessa azienda.

MMARTILA

Lun, 02/07/2012 - 20:13

Il traffico dati in roaming è una truffa bella e buona. Parliamoci chiaro, all'estero il tablet non lo si può utilizzare, una grande scocciatura per chi, come me, ne fa uso per lavoro. Concordo con diegom...si può e si deve fare di più, le grandi compagnie di servizio telefonico presenti sul territorio europeo dovrebbero unificare le tariffe, non spennare gli utenti.