La Roma riparte dalla Coppa Italia

La Roma Calcio Femminile riparte dalla lettera C. Per fortuna, però, non stiamo parlando della serie del campionato: quella brutta consonante il gruppo di Cola e Serafini l’ha lasciata alle spalle da un pezzo e quest’anno, dopo le due recenti promozioni, a campeggiare è la lettera A che, a partire dal 4 ottobre, consentirà alla Roma di affrontare compagini del calibro di Bardolino, Fiammamonza, Milan e Torino. Più semplicemente si tratta del girone che la sorte ha assegnato alle giallorosse per disputare la prima fase della Coppa Italia. Dunque questo pomeriggio alle 15, al «Vittorio Bachelet» di via Vitelia, zona Monteverde (il campo Cinecittà Bettini è impegnato per un altro torneo) le compagne di capitan Gioia Masia daranno il via alle danze del calcio femminile. E a ballare sarà non solo sarà l’ossatura storica («gruppo vincente non si cambia», sentenziano perentori Serafini e Cola) che ha consentito il doppio passaggio in serie A, nomi del calibro di Angel Parejo o Damiana Deiana. Oggi si assisterà, infatti, anche a una sorta di ballo delle debuttanti, quello dei neoacquisti Katia Serra, Giorgia Salesi e Alessandra Barreca (centrocampo), Eleonora Bussu e Luisa Marchio (difesa). Oltre al nuovo estremo difensore, il portiere Chiara Marchitelli a cui spetta il compito di non far rimpiangere le magistrali prestazioni di «Birbie» Pittiglio, per sua scelta finita al Montaquila. E peccato che dall’estero non sia arrivato il trasfer per le altre due matricole, l’attaccante Ilaria Pasqui e Olga Gori (difesa), che per provare emozioni in giallorosso dovranno attendere ancora un po’. Avversario di turno oggi quel Bari che l’anno scorso ha dato non poco del filo da torcere alla Roma che nella giornata di ritorno di campionato rimediò, in terra di Puglia, uno dei pochi pareggi incassati, contro la gragnuola di vittorie. In attesa di rivivere, dopo due anni, le emozioni del derby: a far parte del girone C, infatti, anche le biancocelesti della Lazio.