Faceva sesso nell'auto di servizio Ama, sospeso il capo dei netturbini

Un funzionario dell'Ama di 62 anni è stato beccato dai vigili urbani mentre consumava un rapporto sessuale con una prostituta dell'Est all'interno della sua auto di servizio

A Roma il sospetto che i netturbini battessero la fiacca era nell'aria, ma forse nessuno si sarebbe mai immaginato di cosa sarebbe stato capace uno dei funzionari dell'Ama, la società che gestisce i rifiuti nella Capitale.

Un auto targata Ama è stata, infatti, avvistata lo scorso 28 agosto da una pattuglia della polizia municipale mentre era parcheggiata in una zona sospetta del quartiere Eur. I due vigili dell'unità Pics (Pronto Intervento Centro Storico) si sono avvicinati convinti che il veicolo fosse stato rubato e così hanno beccato il funzionario mezzo nudo che stava "in dolce compagnia" (diciamo) insieme a una prostituta dell'Est Europa. L'uomo di 62 anni, in pratica, aveva preso illecitamente l'auto di servizio, una Fiat Panda bianca, per andare ad abbordare, fuori dal suo orario di lavoro, una prostituta di zona, la quale è stata poi portata via per effettuare la fotosegnalazione. Il funzionario, riporta Leggo, è stato denunciato per appropriazione indebita e la municipalizzata romana lo ha subito sospeso in via cautelativa. L'Ama "si è attivata tempestivamente -si legge in una nota - per la repressione di comportamenti illeciti e lesivi dell'immagine aziendale. Con la sospensione, è anche partito l'iter disciplinare previsto. Il lavoratore, dopo essersi appropriato illecitamente di un mezzo aziendale, è stato fermato e identificato per altri reati ed è ora sottoposto a indagini".