Immigrato scarcerato rapina lo stesso negozio 48 ore dopo

La stramba storia di un ragazzo camerunense che assalta lo stesso esercizio commerciale in meno di due giorni. Arrestato dalla polizia

Due colpi messi a segno in meno di due giorni. Due rapine nello stesso negozio nella zona della stazione Termini. Il camerunense, appena 18 anni, si è presentato lunedì pomeriggio in via Gioberti dallo stesso commerciante che lo aveva denunciato e fatto arrestare poche ore prima con l’intenzione di vendicarsi a suon di schiaffi. Lo rapina di nuovo.

Non era solo. In Questura il malintenzionato aveva stretto amicizia infatti con un altro ragazzo africano, un gambiano di 25 anni, in attesa di essere processato per spaccio di stupefacenti. Scarcerati entrambi dal giudice, hanno fatto irruzione nel negozio armati di coltello, minacciando il titolare. E già, perché il camerunense era tornato in libertà, nonostante la convalida dell’arresto.

Secondo quanto riporta Il Messaggero, il giudice lo aveva condannato a otto mesi. Ma poi era tornato libero. La condanna di otto mesi prevede infatti la sospensione della pena. Stesso discorso per il suo complice. Nonostante i numerosi precedenti che entrambi avevano accumulato per spaccio e resistenza a pubblico ufficiale.

Ecco come sono andate le cose. Mentre il gambiano controllava che nessuno entrasse nell’esercizio commerciale, l’altro si piazzava davanti alla vittima. E non ha risparmiato sarcasmo. Gli avrebbe detto: “Hai visto? Sono già uscito di galera. Adesso mi dai soldi e cellulari, oggi sono tornato con il coltello, domani con la pistola”.

Il commerciante è stato poi aggredito con pugni e calci. Prima di essere accoltellato alle braccia mentre tentava di difendersi. Solo a quel punto i due hanno capito che era il caso di fuggire. Ma sono stati intercettati dagli agenti della squadra investigativa del commissariato Viminale.

Gli stessi che appena due giorni prima avevano arrestato il 18enne per il furto messo a segno nello stesso negozio, ai quali non è passata inosservata la nuova azione criminale.

Commenti

ciccio_ne

Mer, 16/10/2019 - 15:08

liberi subito di recarsi sul posto di lavoro. questa è demokratia!

Ritratto di hardcock

hardcock

Mer, 16/10/2019 - 15:10

Cronaca ordinaria di una normale giornata nella jungla del buonismo perfetto. Mao Li Ce Linyi Shandong China

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 16/10/2019 - 15:12

mi complimento con lui..è uno che porta a termine quello che si prefigge!!!naturalmente la toga,gli farà una severissima ramanzina,prima di rimetterlo in libertà!!

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Mer, 16/10/2019 - 15:17

Bisogna RIMANDARLI TUTTI IN AFRICAAA!

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mer, 16/10/2019 - 15:25

Ora dirò qualcosa di nuovo: è solo Legge della Giungla. Come? Che dite? Scrivo sempre la stessa cosa? Ossia che in Italia vige, da anni incontrastata, la Legge della Giungla? Davvero dico sempre questo? Va bene. Adesso dirò veramente qualcosa di nuovo: è solo 'Law of the Jungle'...

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 16/10/2019 - 15:33

Cronaca di ordinario degrado ambientale,voluta,votata dalla stragrande maggioranza di "italiani",che a Marzo 2018 ha votato al 78%,partiti "accoglienti"!Questi sono i veri responsabili!Dobbiamo chiedere a loro,il "perchè" abbiano insistito in questo "suicidio" etnico-culturale-economico-ambientale!!Per tanti nuovi "VOTI?...Possibile!Ora il titolare di questo negozio,vivrà nel terrore di ritorsioni per tutta la vita!Liberi subito,continueranno a fare quello che hanno sempre fatto!

aldoroma

Mer, 16/10/2019 - 18:26

Le famose risorse della sinistra....

Divoll

Mer, 16/10/2019 - 18:51

Ecco, se esistesse una vera responsabilita' amministrativa e penale del giudice, la reiterazione del reato compiuto da chi sia stato rilasciato a piede libero, vedrebbe ora questo giudice sul banco degli imputati. Invece, rimangono impuniti sia il criminale che il giudice, Chi ci va di mezzo e' sempre il cittadino innocente.