Ostia, coppia accusata di furti scagionata dai tatuaggi

Una coppia di Ostia è finita a processo per sette colpi in gioiellerie del centro Italia. Le videocamere dimostrano che sono innocenti. I veri ladri ancora liberi

Sono stati accusati per sette volte di aver saccheggiato numerose gioiellerie del centro Italia. Ma Matteo Greco e Sharon De Angelis, 30enni romani di Ostia, non hanno mai commesso un colpo.

I due sono stati scambiati per una coppia di ladri (ancora liberi), simili a loro nel fisico ma non nei tatuaggi. Così i giovani fidanzati sono stati sempre assolti "per non aver commesso il fatto".

Come riporta il Corriere, però, mentre a ogni colpo era scattata solo la denuncia, a Civitavecchia Greco e De Angelis sono stati anche arrestati nel 2014. Poi la coppia ha ottenuto l’archiviazione grazie ai tatuaggi "non compatibili" con quelli dei veri ladri.

I due devono però ancora affrontare altri quattro processi. L'avvocato difensore assicura che la coppia sarà scagionata in tutti i casi. Ma come è possibile che due giovani fidanzati innocenti siano finiti sotto inchiesta più volte, solo perché simili ai ladri?

Da giovane Greco aveva commesso qualche piccolo furto, così era stato fotosegnalato. La somiglianza tra il vero ladro e il romano ha messo poi nei guai il giovane e la sua fidanzatina.

A scagionarli ci hanno pensato le immagini delle telecamere di sicurezza che hanno immortalato i tatuaggi dei ladri: scritte e simboli diversi da quelli incisi sulla pelle dei giovani di Ostia. A differenziare le due coppie anche l'altezza e il pancione della De Angelis: la ladra ancora libera infatti non era in dolce attesa quando ha commesso uno dei furti.

Commenti

cgf

Dom, 17/03/2019 - 14:42

solo in Italia puoi essere arrestato in quanto vesti un abito 'compatibile', vale a dire dello stesso colore, poco importa se quel giorno eri via, devi essere tu a dimostrare che loro sbagliano e, come sempre, è dura ammettere i propri errori.