Renato Zero contro la Raggi: "A Roma buche e sporcizie"

Il cantautore se la prende con la sindaca grillina: "I temporali di una volta erano sorridenti, venivano a pulire quello che non puliva la Raggi"

Le condizioni con cui i cittadini di Roma devono fare quotidianamente i conti sono tutt'altro che gradevoli. A fornire una testimonianza (che acquista un peso davvero notevole) è Renato Zero che, nel corso della conferenza stampa all'Auditorium Parco della Musica, ha parlato della problematica della spazzatura: "Quando un essere umano attraversa Roma – che dovrebbe essere la capitale d’Italia, del governo, ospita lo stato della Città del Vaticano – io trovo assurdo che con queste componenti io debba affrontare le buche, il disagio della sporcizia e soprattutto la non capacità di risfoderare l'ottimismo e l'entusiasmo".

Contro la Raggi

In occasione della presentazione del suo nuovo album di inediti ("Zero il folle"), il cantautore ha annunciato che verrà trattato anche il tema ambientale ed ecologico: "È il nostro respiro, il nostro nutrimento". Successivamente è arrivata una critica all'operato del sindaco Virginia Raggi, facendo un parallelo con una storica canzone destinata a rimanere in vita per sempre: "Io ho paura che alle volte guardo il cielo e penso di avere scritto il cielo ma il mio cielo non era quello, era un cielo che si affacciava anche col temporale ma i temporali di una volta erano sorridenti, ti regalavano il sorriso, venivano a pulire quello che non puliva la Raggi".

Segui già la pagina di Roma de ilGiornale.it?

Commenti

HARIES

Mer, 02/10/2019 - 09:18

Caro Zero, adesso che vai verso il declino, non te le devi prendere con la politica giusto per farti pubblicità, attaccando ciò che ora va di moda: la Raggi. Dovevi ribellarti prima, quando eri giovane e forte, cioè criticare quelle passate amministrazioni capitoline tutte di sinistra che hanno combinato i peggiori disastri a Roma. Ma allora non ti conveniva, avresti perso un sacco di punti. Malgrado tutto, le tue canzoni mi sono sempre piaciute, ma please non decadermi con la politica!!!

Papilla47

Mer, 02/10/2019 - 10:21

E' quasi un percorso obbligatorio dei grandi dello spettacolo entrare a gamba tesa al crepuscolo.

investigator13

Mer, 02/10/2019 - 10:37

Roma è diventata un immenso cesso sociale, tra mondizia, degrado e anarchia comportamentale della Raggi.

DRAGONI

Mer, 02/10/2019 - 11:31

ED I TRASPORTI ?ATAC PRATICAMENTE FALLITA ED IN CONTINUO BISOGNO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.AVRANNO ALMENO SMESSO DI STAMPARE IL BIGLIETTI IN MANIERA CLANDESTINA? LA MAGISTRATURA NON HA RESO NOTO ALCUNCHE' AL RIGUARDO SEBBENE AVESSE APERTO IL RELATIVO FASCICOLO CON SINDACO IMPERANTE IN CAMPIDOGLIO :GIANNI ALEMANNO!