Roma, un arsenale di armi e soldi in casa: arrestati padre e figlio

La polizia di Roma ha tratto in arresto un uomo di 54 anni e il figlio di 32 che nascondevano nella loro abitazione un arsenale di armi e soldi: i poliziotti sono riusciti ad arrestarli fingendosi infermieri

Gli agenti della Polizia di Stato di Roma hanno tratto in arresto un uomo di 54 anni e il figlio di 32 a Rocca Priora, comune dei Castelli Romani. Padre e figlio nascondevano un vero e proprio arsenale di armi di vario tipo all'interno della loro abitazione.

I poliziotti hanno tenuto sotto osservazione i due per diverso tempo prima di agire, dal momento che sospettavano che entrambi potessero essere coinvolti in affari illeciti. Durante alcuni appostamenti, infatti, i poliziotti del Nucleo Roma hanno constatato che i due uomini facevano a turno da "vedetta" sul terrazzo di casa per controllare l'eventuale arrivo delle forze dell'ordine. Per questo motivo gli agenti hanno iniziato a monitorare in maniera attenta e costante l'abitazione dei due nei pressi di Roma. Lo scorso venerdì hanno deciso di intervenire, approfittando di un'occasione favorevole: il 32enne infatti ha accusato un lieve malore e il padre ha subito allertato un'ambulanza del 118. A quel punto, gli investigatori, dopo essersi accordati con il personale medico, si sono travestiti da infermieri e sono saliti sull'ambulanza. Grazie a questo incredibile stratagemma i poliziotti sono riusciuti ad entrare nell'abitazione dei due, riuscendo a non destare alcun sospetto.

Un volta dentro si sono trovati di fronte ad un vero e proprio bunker, al cui interno hanno trovato tre pistole: una compendio di rapina, un'altra di origine sconosciuta e una riproduzione di una Beretta. Oltre a queste tre armi sono state rinvenute anche una doppienta avente canne mozze, 338 cartucce per pistola di vario calibro, 22 cartucce per fucile, un arco, 8 frecce, un'accetta, un coltello, un binocolo, una macchina conta soldi e infine 77.500 euro in contanti, 4 collier e un orologio Cartier. Finita la perquisizione tutto il materiale illecito è stato sequestrato e i due uomini, padre e figlio, sono stati arrestati per detenzione e ricettazione di armi clandestina e condotti nel carcere di Velletri.

Segui già la pagina di Roma de ilGiornale.it?