Roma, evade dai domiciliari e col coltello aggredisce i militari

Il responsabile della violenza ai danni dei militari è un romano di 45 anni, scappato dalla misura cautelare

È evaso dagli arresti domiciliari e quando per strada i carabinieri lo hanno fermato per un controllo, li ha aggrediti armato di coltello. La vicenda a Roma, dove il protagonista è un italiano di 45 anni, che era appena svicolato dalla misura cautelare comminatagli al fine luglio per detenzione e spaccio di droga.

Gli uomini dell'Arma lo hanno avvistato nei dintorni del Parco Ricciardi di via Corino, a un tiro di schioppo dalla Basilica San Paolo: il suo fare sospetto, li ha insospettiti. I carabinieri, come riportato dall'Adnkronos, lo hanno dunque avvicinato, chiedendogli i documenti.

È stato a questo punto che il 45enne è scappato a gambe levate, venendo però raggiunto e bloccato pochi secondi dopo. I militari lo hanno disarmato, togliendogli la lama che teneva in mano.

Inoltre, durante il tragitto il malvivente ha danneggiato il finestrino della "gazzella". L'uomo è stato arrestato con l'accusa di evasione, porto di oggetti atti a offendere, danneggiamento e resistenza con lesioni a pubblico ufficiale.