Roma, molesta e aggredisce una donna in strada: fermato bengalese

Non accettando di essere rifiutato dalla sua vittima, lo straniero ha continuato a seguirla fino a raggiungerla di nuovo. La donna è stata colpita con violenza prima di essere salvata da un passante

È finito dietro le sbarre un cittadino straniero accusato di avere aggredito e molestato sessualmente una 35enne nella notte dello scorso primo maggio a Roma, in zona Castro Pretorio.

Secondo quanto riferito dagli inquirenti, che in queste ultime settimane si sono occupati di condurre le indagini, la vittima si era imbattuta nel suo aggressore all'uscita dell'ostello in cui stava soggiornando. Come si vede chiaramente anche dalle immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza, la donna fu subito avvicinata dall'extracomunitario. Questi, dopo averle rivolto qualche apprezzamento osceno, cercò immediatamente di metterle le mani addosso. Il netto rifiuto della 35enne, così come il suo tentativo di prendere le distanze dal molestatore, risultarono purtroppo del tutto inutili. Dopo avere osservato per qualche istante la sua vittima allontanarsi, lo straniero riprese infatti a seguirla, raggiungendola all'altezza di via Vicenza. Qui si verificò la violenza. Deciso ad ottenere ciò che voleva con la forza, il pericoloso soggetto si scagliò contro la studentessa, arrivando a colpirla. A salvare la donna, finita a terra stordita, un passante.

Mentre venivano allertati i soccorsi, lo straniero si allontanò dal posto come se nulla fosse mai accaduto.

Accompagnata al Policlinico “Umberto I” di Roma, alla giovane furono assegnati 10 giorni di prognosi per le ferite riportate.

Ad occuparsi del caso i carabinieri della stazione di Roma Macao. Dopo avere raccolto la denuncia della vittima, insieme ad un'accurata descrizione del soggetto, gli uomini dell'Arma hanno acquisito ed esaminato tutti i filmati delle telecamere presenti nella zona dell'aggressione. Le indagini hanno quindi portato al fermo di un bengalese di 24 anni, incastrato anche dagli abiti indossati al momento della violenza e riconosciuti dagli uomini in divisa.

Lo straniero, che vive proprio in un appartamento di via Vicenza, a poca distanza dal luogo in cui ha approcciato la sua vittima, è risultato avere alle spalle dei precedenti per lo stesso genere di reato. Il 23 aprile dello scorso 2017, infatti, aveva già tentato di abusare di una ragazza. Anche in quel caso, dinanzi al rifiuto ricevuto ed al tentativo da parte della donna di scappare, aveva riversato su di lei tutta la sua rabbia.

Accusato di tentata violenza sessuale e di lesioni personali, il bengalese è finito dietro le sbarre del carcere romano di Regina Coeli, dove si trova a disposizione dell'autorità giudiziaria. Nella giornata di lunedì il gip del tribunale di Roma ha convalidato il fermo ed emesso un provvedimento di costudia cautelare detentiva nei suoi confronti.