Roma, scoperto fortino della droga tra Acilia e Fiumicino: in manette due romani

Due cittadini romani sono stati arrestati dalla polizia di Roma: i due nascondevano circa 22 panetti di hashish all'interno di un fortino situato tra Acilia e Fiumicino

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Esquilino di Roma hanno tratto in arresto due cittadini romani per spaccio di sostanze stupefacenti. Durante una serie di attività di osservazione, volte al contrasto della vendita di droga, i poliziotti hanno notato uno strano e continuo via vai di due giovani che, a bordo di un'automobile, si dirigevano presso uno stabile situato tra Acilia e Fiumicino, dal quale uscivano dopo poco tempo.

Il comportamento dei due ha molto insospettito gli uomini delle forze dell'ordine, che hanno deciso per questo motivo di intervenire. Hanno quindi intercettato il nascondiglio, ovvero una mansarda, di fatto nella disponibilità dei due romani, e si sono recati lì per svolgere un controllo. All'interno dello stabile i poliziotti hanno rinvenuto una busta contenente 12 panetti di hashish, tutti confezionati singolarmente.

Dopo il sequestro della droga gli agenti del Commissariato Roma-Esquilino hanno deciso di effettuare un successivo controllo anche nelle abitazioni dove i due pusher risiedono. Nell'appartamento di uno dei due, un 39enne residente a Fiumicino con precedenti penali specifici alle spalle, sono stati trovati e sequestrati due coltelli a serramanico e un ulteriore quantitativo di droga. Nell'abitazione del complice, un 21enne di Acilia, sono stati invece rinvenuti altri dieci panetti di hashish, riportanti la scritta in rilievo "Top N1" e infine altri 142 grammi della medesima sostanza stupefacente.

Entrambi i pusher sono stati arrestati per spaccio di sostanze stupefacenti. Il 39enne, che aveva già altri reati, è stato condotto direttamente in carcere, mentre il più giovani si trova al momento agli arresti domiciliari in attesa della prossima udienza.

Segui già la pagina di Roma de ilGiornale.it?