Salute di ferro per le mamme che lavorano

da Roma

Salute di ferro per le mamme lavoratrici. Le donne che corrono tra casa e ufficio, per conciliare carriera e figli, sono a sorpresa le più in forma. Le casalinghe a tempo pieno, invece, tendono a ingrassare troppo. E non «brillano» per uno stile di vita sano. Questo il quadro tracciato da uno studio britannico, pubblicato sul Journal of Epidemiology and Community Health.
L'équipe ha seguito 1.200 donne fra i 15 e i 54 anni, prendendo i dati da una mega-ricerca (National Study of Health and Development) condotta dal Medical Research Council, una sorta di cartella clinica continuamente aggiornata dei sudditi di Sua Maestà nati nel 1946. Lo stato di salute delle donne è stato valutato a 26 e 54 anni, attraverso un questionario ripetuto ogni dieci anni, con tutte le informazioni sulla storia lavorativa, lo stato civile, la nascita o no di figli, lo stile di vita, oltre alla misurazione di peso e altezza a cadenza regolare. A 54 anni le donne che avevano combinato lavoro, matrimonio e figli, avevano anche minori probabilità di ammalarsi rispetto alle coetanee non impegnate a conciliare tutti questi ruoli.
Meno buona la salute della casalinghe a tempo pieno, seguite dalle madri single e dalle donne senza figli. In particolare, i chili di troppo affliggevano il 23% delle mamme in carriera, mentre fra le casalinghe le obese raggiungevano il 38%.
Il lavoro, dunque, fa bene alla salute delle donne che hanno anche una famiglia, sottolinea la coordinatrice dell'indagine, Anne McMunn, del Dipartimento di epidemiologia e salute pubblica dell'University College of London. Questo perché, spiega, le donne che trascorrono gran parte del tempo a casa, pur impegnate nelle faccende domestiche, fanno meno esercizio fisico e mangiano di più e peggio. Assaggiano spesso mentre preparano cene e pranzi e non è raro che siano loro a finire gli avanzi dei figli.