Asparagi, sono antiossidanti e aiutano a combattere la cellulite

Ricchi di vitamine e sali minerali, sono considerati i re della tavola di primavera

Gli asparagi hanno molti benefici e proprietà. Questo germoglio verde contiene infatti un elevato contenuto di fibre, sali minerali e vitamine. Oltre a essere antiossidanti ed energetici, aiutano nella lotta alla buccia d’arancia. Ne esistono di due varietà, quelli coltivati e quelli selvatici, questi ultimi sono caratterizzati da un sapore più deciso. Il massimo momento della maturazione viene raggiunto in primavera, stagione di cui sono considerati i re. Possono essere verdi, bianchi, viola o un viola rossastro. L’unica differenza derivante dal colore è il gusto, più o meno intenso.

Gli asparagi sono costituiti in prevalenza da acqua e proprio per questo motivo forniscono poche calorie, solo 24 per cento grammi di prodotto. Risultando quindi un ottimo aiuto nelle diete ipocaloriche. Sono ricchi di fibre, che oltre ad aiutare il transito intestinale favoriscono l’eliminazione delle tossine. L’indice glicemico è basso e risultano per questo motivo indicati per i diabetici. Privi di colesterolo e acidi grassi, sono poveri di sodio. Gli asparagi sono ricchi di vitamine, soprattutto la C. Un etto di asparagi apporta 25mg di vitamina C, equivalente a circa un terzo del fabbisogno di un adulto. Un’altra sostanza caratteristica è l’Asparagina, un amminoacido dall’effetto diuretico.

Questi germogli contengono inoltre sali minerali, quali calcio, fosforo e potassio. Con soli 100 grammi si assume circa il 75% della quantità quotidiana necessaria di acido folico, sostanza molto importante soprattutto per le donne in gravidanza. Ottimi anche per combattere la cellulite, sono infatti molto depurativi e diuretici. Eliminando il ristagno di liquidi nei tessuti si riduce la presenza di cellulite e di quello sgradevole inestetismo cutaneo conosciuto come buccia d’arancia. Devono essere consumati con moderazione da soggetti con problemi renali, cistiti e calcoli, in quanto contengono acido urico che potrebbe aggravare queste patologie. Sarebbe meglio consumare gli asparagi crudi, magari in insalata, in modo da non perdere i loro benefici con la cottura, eventualmente scegliere quella al vapore che ne mantiene tutte le proprietà.