Cherofobia. La paura incontrollabile di poter essere felice

Rifuggire la felicità per il timore che subito dopo possa accadere qualcosa di terrificante

Cherofobia deriva dal greco “chairo” che vuol dire “mi rallegro” e fobia, paura. E’ un termine poco usato e non riconosciuto dalla psichiatria. Infatti, non compare nel Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, il principale manuale per la classificazione delle patologie mentali.

Secondo Healthline invece, diversi esperti medici classificherebbero la cherofobia come un vero e proprio disturbo d’ansia. Il cherofobico non per forza dimostra una tristezza evidente, evita solo situazioni che lo possono rendere felice. Rifugge inviti a feste probabilmente divertenti, evita cambiamenti di vita che potrebbero essere positivi, tutto ciò per il timore infondato che subito dopo possa giungere un periodo estremamente negativo.

Spesso, chi soffre di questo disturbo, è anche convinto che una persona felice debba per forza essere un soggetto negativo, perché dimostrare di essere estremamente contento può essere brutto per se stessi e per i propri cari. Il perseguire la felicità è anche identificato come una totale perdita di tempo.

La psichiatra Carrie Barron ha spiegato questa patologia rimandando alla vita infantile del soggetto, nella quale un momento di felicità potrebbe essere stato seguito da una punizione. Magari un evento traumatico del passato. L’individuo cherofobico è portato a provare un senso di ansia di fronte a ogni possibile cambiamento positivo. Tanto da indurlo a evitarlo, non modificando la propria situazione.

Anche l’introverso potrebbe sviluppare questa patologia, perché portato a isolarsi, a non coinvolgersi in attività ricreative di gruppo, o a evitare luoghi particolarmente affollati e rumorosi. Non essendo considerato un vero disturbo psichiatrico, la cherofobia non ha terapie scientifiche che possano risolvere il problema.

Una respirazione profonda, rilassante, potrebbe aiutare la persona a controllare la propria ansia, così come costringersi a partecipare a eventi positivi, per potersi rendere conto che non vi è alcun pericolo. A volte chi soffre di questo disturbo non desidera affatto guarire, perché vede questo stato come una sorta di protezione dal mondo esterno e dalla sofferenza che esso può generare.