Dai farmaci il top contro il dolore

Molti italiani scelgono l'auto-cura ma serve una terapia ad hoc. Fans efficaci

Manfredi Villani

Mal di testa, mal di schiena, dolori muscolari e articolari. Il 95% degli italiani, secondo un focus realizzato da Doxa per Dompé, ha dovuto confrontarsi con queste patologie negli ultimi sei mesi. Di malattie, infatti, si tratta giacché l'Organizzazione mondiale della sanità ha incluso per la prima volta nella nuova edizione dell'International Classification of Disease il dolore nella classificazione delle patologie. Nella classifica dei disturbi realizzata da Doxa, i più frequenti sono il mal di testa e il mal di schiena, entrambi indicati dal 66% del campione, seguiti dai dolori muscolari e articolari (48 e 43%) e dai dolori mestruali (46% delle donne).

Per quanto riguarda la scelta dei farmaci, gli italiani sembrano dividersi in due gruppi: il primo (55%) ricorre all'auto-cura e il secondo più propenso a rivolgersi a figure di consiglio. Tra coloro che scelgono di curarsi da sé il 31% sa già quale farmaco prendere e si reca in farmacia ad acquistarlo, mentre il 24% sceglie tra i prodotti noti che ha in casa. Tra chi preferisce l'auto-cura, prevalgono le donne (60% rispetto alla media del 55% di tutto il campione) e la fascia di età tra i 45 e i 54 anni.

Tra le terapie farmacologiche più usate vi sono gli analgesici (paracetamolo), che agiscono solo sulla componente dolorosa, e farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans), tra cui ibuprofene e ketoprofene sale di lisina, che hanno un duplice effetto, analgesico e antinfiammatorio. È stato recentemente pubblicato sulla rivista Advance in Therapy una expert consensus redatta da alcuni tra i principali esponenti clinici internazionali in ambito dolore. Gli esperti hanno sottolineato che per poter raggiungere il risultato migliore la scelta dovrebbe essere personalizzata sul tipo di paziente e sulle caratteristiche delle molecole, facendo emergere l'importanza, nel dolore di tipo infiammatorio, del trattamento specifico con farmaci non solo analgesici, bensì antinfiammatori per le loro caratteristiche analgesiche e antiinfiammatorie. In particolare, tra i Fans, le molecole salificate, come il ketoprofene con lisina, hanno dimostrato avere un rapporto favorevole tra efficacia e tollerabilità.

La ricerca Doxa per Dompé ha inoltre rilevato che, nel confronto con i consumi di salute dell'Ue, gli italiani si distinguono per l'attenzione a tisane, rimedi naturali e integratori alimentari. Questi ultimi registrano la più forte differenza rispetto alla media europea: il 62% degli italiani li utilizza abitualmente o occasionalmente a fronte del 42% dell'Ue.