Ecco cinque abitudini alimentari che danneggiano il sorriso

Una specialista in Odontoiatria e Protesi dentaria ha spiegato che diverse abitudini, definite comunemente come "buone", in realtà sono molto dannose per i denti

Alcune abitudini, che comunemente sono considerate "buone" per l'organismo, in realtà sono molto dannose per i denti: bisogna fare attenzione.

Paola Continolo è una specialista in Odontoiatria e Protesi dentaria e ha spiegato che l'80% dei problemi dentali più comuni sono causati da attacchi di acidi. "Lo smalto dei denti è un tessuto altamente mineralizzato ma sensibile all'attacco degli acidi che ne provocano l'erosione. Ogni giorno consumiamo alimenti e bevande che, a nostra insaputa, danneggiano i denti" - ha detto la specialista.

Quelle che potevano sembrare buone abitudini alimentari, in realtà sono pericolossisime: "Alcuni cibi possono mettere alla prova i nostri denti tra cui i succhi di frutta, le bevande gassate, il vino, il limone e l'aceto, a differenza di altri cibi come il latte, il formaggio, la verdura e la carne che non vanno ad influenzare lo stato di benessere dei denti" - continua Paola Continolo.

Il processo di erosione dello smalto dei denti colpisce a tutte le età ed entrambi i sessi. Quello che spaventa gli specialisti è che l'organismo umano non è in grado di rigenerare lo smalto una volta perso: "Purtroppo i pazienti non si rendono conto di questa condizione e delle sue implicazioni estetico-funzionali fino a quando è oramai troppo tardi".
Ecco allora cinque abitudini su cui riflettere.

1- L’acqua e limone al mattino. Il ph del limone è fortemente acido e rischia di danneggiare lo smalto dei denti. Per chi non vuole rinunciare a questa abitudine c'è una soluzione: usare la cannuccia.

2- Lo spuntino di frutta a metà mattina e metà pomeriggio. La frutta è acida e zuccherina, perciò è meglio mangiarla tutta insieme e una volta solo al giorno.

3- Lavare i denti subito dopo il dolce. L'effetto di un alimento acido si manifesta già nei primi tre minuti. Meglio bere un bicchierone d’acqua che aiuterà a riportare il giusto ph all’interno della bocca.

4- Le centrifughe al posto del pasto. La frutta che di solito viene utilizzata nelle centrifughe è spesso acida. Il limone in questo senso è ancora più pericoloso dell’arancia. Sono frutti semiacidi anche frutti apparentemente innocui come le mele, l'uva e i frutti di bosco. Nel caso di estratti meglio scegliere il metodo di spremitura lenta.

5- Eliminare i grassi e il cioccolato. I grassi sono assolutamente dannosi e il cioccolato è da preferire fondente perché è anticarie e antibatterico.