Epatite B: il San Raffaele scopre una molecola straordinaria

Il sistema immunitario non riesce a debellare l'epatite B cronica, ma gli studiosi del San Raffaele hanno scoperto una molecola che può farlo: ecco qual è

L’epatite B, nella sua forma cronica, è una malattia che affligge oltre 250 milioni di persone al mondo ed è tra i primi fattori per il rischio di cancro al fegato. Il sistema immunitario di chi ne viene colpito non riesce a debellare il virus, che continua a riprodursi nelle cellule del fegato. Ora però tutto potrebbe cambiare: al San Raffaele è stata scoperta una molecola che riattiva il sistema immunitario.

La scoperta è stata pubblicata su Nature, firmata da un gruppo di ricercatori dell'Irccs Ospedale San Raffaele di Milano e dell'Università Vita-Salute San Raffaele guidati da Matteo Iannacone, a capo dell'unità di Dinamica delle Risposte Immunitarie, in collaborazione con Luca Guidotti, vicedirettore scientifico dell'Istituto e professore ordinario all'Università Vita-Salute San Raffaele, e Renato Ostuni, group leader del laboratorio di Genomica del sistema immunitario innato

Il virus dell’epatite B si trasmette tramite sangue infetto, per via sessuale o da madre a figlio durante il parto. Dopo il contagio si può verificare o la forma acuta - da cui si guarisce con la terapia adatta - o quella cronica - che solitamente colpisce i bambini contagiati alla nascita.

I ricercatori hanno lavorato su tecnologie di imaging cellulare e genomica e dei topi, trovando che esiste un sottotipo di linfociti T che attacca il virus, ma non lo elimina nella sua forma cronica. Il funzionamento dei linfociti T ha dato alcune informazioni agli studiosi.

La prima - illustra Iannacone - è che la scarsa capacità di reazione dei linfociti al virus dell'epatite B è diversa da quella che si osserva in presenza di altri virus o di cellule tumorali. Anche in alcune di queste patologie la risposta immunitaria è soppressa, ma il meccanismo con cui avviene è diverso”. In altre parole, ci sono farmaci che si usano per stimolare il sistema immunitario ma non funzionano con l’epatite B cronica.

Tuttavia, i ricercatori hanno trovato le molecole che possano riattivare il sistema immunitario. Una di questa è stata sperimentata con successo ed è l'interleukina-2, una molecola-messaggero del sistema immunitario, ma gli studiosi sono fiduciosi e credono che sia solo la prima di una serie.