Nei, quando rivolgersi al dottore

Alcuni consigli per controllare i propri nei e rivolgersi al dermatologo per effettuare esami adeguati, nel caso si sospettasse un melanoma maligno

I nei possono rappresentare un dettaglio estetico, ma c’è molto di più in essi. Esistono infatti situazioni in cui devono essere esaminati da un dermatologo.

Innanzitutto, bisogna fugare il luogo comune che solo lo spuntare di un neo possa rappresentare un potenziale problema di salute. Queste concentrazioni di melanina possono spuntare in casi isolati - o sparire - nel corso dell’intera vita, ma solo in alcuni casi sono pericolosi e possono celare un tumore della pelle. I neonati non presentano quasi mai nei nei primissimi giorni di vita per esempio, ma essi iniziano a comparire successivamente.

Il primo campanello d’allarme può suonare se un neo pregresso cambia forma, colore, si ingrandisce, diventa irregolare, sanguina dopo essere stato grattato perché prude. Inoltre, la dimensione di un neo normale è un centimetro, per i più grandi bisogna fare attenzione - tranne nel caso dei nevi giganti, per i quali però sono consigliabili comunque dei controlli periodici. I nei che nascondono melanomi inoltre possono presentare un colore nero o sfumature rosso-brune, bianche, nere e blu. E la loro superficie si può anche irrigidire.

L’ideale è eseguire una mappatura dei nei - soprattutto per chi ne ha più di un centinaio su tutto il corpo - e quindi tenerli sotto controllo. L’esame più efficace, almeno per le prime volte, è quello dermatoscopico, in cui la concentrazione di melanina viene ingrandita almeno cento volte, ma può rendersi necessaria anche una biopsia.

La cosa fondamentale è richiedere esami approfonditi al proprio dermatologo, se sospettate qualcosa di grave. Secondo una revisione di 104 studi, pubblicata sulla Cochrane Library e condotta da 30 esperti dell'Università di Birmingham e finanziata dal National Institute for Health Research britannico, i nei vengono troppo spesso sottoposti a meri esami visivi, che risultano incompleti o inefficaci.