Ora l'ordine dei mediciriconosce il metodo Di Bella

L'ordine dei medici di Bologna dà il patrocinio al congresso organizzato dalla Fondazione Di Bella in programma sabato, dal titolo "Evidenze scientifiche non valorizzate in oncoterapia". Non solo: fra i relatori anche oncologi e ricercatori di varie università

L’ordine dei medici di Bologna dà il patrocinio al congresso organizzato dalla Fondazione Di Bella. Il convegno, dal titolo “Evidenze scientifiche non valorizzate in oncoterapia” è in programma sabato a Bologna (aula magna dell’università, via Belmeloro 14) dalle 9 alle 18.30. L’ ingresso è libero. È la prima volta che un ordine dei medici riconosce il valore scientifico del metodo Di Bella, non solo patrocinandone il convegno ma favorendo la partecipazione anche fra i non dibelliani. Il presidente dell’ordine dei medici bolognese, Giancarlo Pizza, infatti, illustrerà proprio sabato i risultati di una sperimentazione da lui condotta, in collaborazione con l’università di Firenze, su 360 malati di carcinoma renale metastatico a cui è stato iniettato un vaccino.

Dottor Pizza, il patrocinio al convegno significa che riconoscete il valore della terapia Di Bella?
“Stiamo dando il patrocinio a un convegno che ha basi scientifiche, i cui lavori sono stati sottoposti al vaglio dell’ordine dei medici di Bologna. Ossia, gli argomenti che verranno dibattuti sono stati valutati e approvati da una commissione incaricata. Questo non significa che stiamo dando la patente al metodo Di Bella ma che prendiamo atto che ci sono colleghi che fanno osservazioni e ottengono risultati che si ritiene giusto che vengano proposti alla comunità scientifica”.

Come mai non collimano i risultati della sperimentazione del ’98 con le storie cliniche dei pazienti guariti?
“Non sono in grado di entrare nel merito della sperimentazione del ’98, so che sono state fatte delle critiche ma non le conosco. Tuttavia, prendo atto che ci sono medici che ottengono risultati. Ed io non posso dire a questi colleghi che stanno sostenendo posizioni non vere”.

Il patrocinio bolognese capita a soli due mesi di distanza dalla sanzione che un altro ordine dei medici, quello di Bari, inflisse a un medico, reo di aver prescritto la cura Di Bella. Il presidente barese, Filippo Anelli, responsabile del provvedimento, lo motiva così: “Mi occupai io dell’esposto non perché il collega avesse prescritto i farmaci del metodo Di Bella ma perché aveva approfittato della sua posizione per speculare su un malato (forse su più di uno). Mi arrivò la segnalazione ed io fui obbligato a intervenire. Un ordine professionale non entra nel merito (non guarda se la cura è scientifica o meno) ma controlla se è rispettata la deontologia professionale. Questo vuol dire che un medico, in scienza e coscienza, se ritiene che faccia bene al malato, può anche prescrivere la cura Di Bella”.

Così al convegno di sabato interverranno non solo medici dibelliani ma anche studiosi di varie università, italiane e straniere. Si va dal virologo Giulio Tarro (professore a Philadelphia e presidente della fondazione de Beaumont Bonelli per la ricerca sul cancro e attualmente impegnato in lavori sull’immunoterapia) all’oncologo Paolo Lissoni del san Gerardo di Monza, noto per le sue 600 pubblicazioni sulle proprietà antitumorali della melatonina. Verranno esposti i risultati dell’immunovaccinoterapia sui malati di cancro renale metastatico (ai quali la chemioterapia non ha dato alcun beneficio) condotti dal gruppo congiunto università di Bologna e di Firenze (De Vinci, Capanna, Pizza, Lo Conte e Mazzarotto). La psichiatra Giusy Messina del Policlinico di Milano parlerà della psiconeuroendocrinologia, di come la prognosi del cancro è influenzata dallo stato psicologico e dalla dimensione spirituale del paziente. Infine, Giuseppe Di Bella affronterà il ruolo fondamentale che hanno le molecole anti-proliferative (somatostatina e anti-prolattinici) nel fermare il cancro. E, oltre ai casi di tumore al seno guariti con il metodo Di Bella, illustrerà le regressioni di microcitomi polmonari, leucemie linfatiche croniche, leucemie mieloidi acute, carcinomi del pancreas e fibrosarcomi.

Commenti

Albert1

Gio, 07/06/2012 - 18:31

Notizia splendida e prontamente riportata dall'infaticabile Gioia Locati. Io ho la fortuna di vivere a 6km da Bologna, non posso mancare neanche volendo. Questa è una piazza importante, se inizia a fare breccia qui, poi Milano non vorrà essere da meno e nel giro di qualche anno,se Dio vuole, cancelleremo le schifezze del '98. Grande Di Bella.

felicefranca

Gio, 07/06/2012 - 18:41

Allora sabato, tutti a Bologna!

gibuizza

Gio, 07/06/2012 - 19:24

Finalmente se ne parla! Non so se il metodo Di Bella ottiene risultati e in che quantità ma il parlarne non può che far bene alla scienza.

felicefranca

Gio, 07/06/2012 - 20:05

x Gibuizza.Se il Metodo Di Bella faccia bene alla scienza non lo so. Fa sicuramente molto bene ai malati di cancro. Tantissimi di loro vedono i loro tumori regredire fino a scomparire, altri sono messi in condizione di poterci convivere anche felicemente e coloro invece che o perchè si sono rivolti al Metodo in stadi troppo avanzati e dopo trattamenti chemio e radioterapici devastanti, o perchè magari non rispondenti alla cura, non ce la fanno, riescono a lasciare questo mondo in grazia di Dio senza le atroci sofferenze che in genere sono legate alla morte per tumore. Ma poi, certamente farà bene anche alla Scienza. Tutto sta però nella qualità degli "scienziati". Il passato non fa ben sperare. Tuttavia occorre conservare fiducia e ottimismo. Il Metodo si farà strada. La verità si farà strada. La nostra gratitudine a Gioia Locati, artefice di questo rinnovato interesse per il Metodo Di Bella. Cordialmente

gnurante

Gio, 07/06/2012 - 21:21

Come se adesso organizzare una conferenza su qualcosa significa che questo qualcosa sia vero! si vede che nessuno di voi ha partecipato a conferenze scientifiche.

disalvod

Gio, 07/06/2012 - 21:24

Se Dovesse Essere Accertato E Riconosciuto Il Metodo Di Bella Bisognerebbe Processare Tutti O Tutte Coloro Che Lo Hanno Negato E Combattuto Per Diverse Ragioni Da Accertare Ed Approfondire.se Cosi' Fosse Molte Persone Morte Ricadrebbero Sulle Coscienze Di Coloro Che Burocraticamente Non Hanno Permesso O Hanno Ostacolato Questa Cura Di Bella.

antiquark

Gio, 07/06/2012 - 21:49

FINALMENTE la comunità medica ha capito che la Di Bella guarisce realmente dal tumore, ma che non tutti possono permettersi di pagarsela di tasca propria. Dateci almeno la possibilità di scegliere liberamente se fare il protocollo internazionale o la Di Bella, mia moglie con quest'ultima è quasi guarita e in pochi mesi, con chemio e radio sarebbe già mezza morta. Libetrà di scelta, non chiediamo altro, tra crisi, tasse, Monti, IMU, Iva..... Agenzia delle Entrate è stato un anno disastroso, meno male che le famiglie ci hanno finanziato le cure

Abulafia

Gio, 07/06/2012 - 23:50

x Felicefranca. Leggendo il blog di Gioia Lacati ho letto citare il mio nik associandolo ad altra persona (di cui comunque condivido in larga misura il pensiero) Lo dico per evitare spiacevoli malintesi. Comunque non sono di origini ebraiche, ma mi piacciono i numeri ed i mistici. Ho scoperto Abulafia leggendo "Il Pendolodi Foucault" di Eco. Un affettuoso saluto a Franca felice di saperla felice.

ottobrerosso

Gio, 07/06/2012 - 23:52

Felicefranca (20,05), debbo farle i miei complimenti. Raramente capita di leggere un commento di tale equilibrio.

goliotok

Ven, 08/06/2012 - 00:22

Giugno 2003: "Vogliano o non vogliano, prima o poi dovranno sbattere il muso sulla faccia del sottoscritto. Non angustiatevi, lavorate serenamente, perché questo avverrà. Ma ci vorrà ancora tempo". Luigi Di Bella. Sono passato 9 anni da quando ci ha lasciati e 14 dalla fine della vergognosa sperimentazione farsa, ma sabato prossimo la sua monumentale opera di medico e scienziato sarà nuovamente al centro dell'attenzione. Grazie a Gioa Locati di avere dato risalto all'evento.

pietrom

Ven, 08/06/2012 - 01:24

Sono curioso di sapere quali organi di informazione parteciperanno al convegno, e come riporteranno le notizie. E visti i noti legami che hanno con le diverse parti politiche, si potra' risalire alle opinioni che queste spesso non rendono esplicite. Cara Gioia, ci tenga informati anche su questo.

frescone17

Ven, 08/06/2012 - 01:40

E quei caproni travestiti da saccenti con tanto di camice bianco, che hanno addirittura irriso il dott. Di Bella, sordi e ostinati come muli di fronte alla evidenza di guarigioni accolte con la cultura dello struzzo, ora non hanno nulla da dire ? Sono testimone oculare della guarigione totale di un giovanottone colpito da leucemia mieloide acuta, la più nefasta e considerata da sempre irreversibile, e mi si attorcigliavano le budella nell'ascoltare commenti ironici da parte di chi vedeva forse in pericolo più le proprie parcelle milionarie e la gallina dalle uova d'oro piuttosto che i propri pazienti ! Che squallido commercio !!!

felicefranca

Ven, 08/06/2012 - 06:47

Caro Gnurante, organizzare un congresso scientifico non significa pretendere nulla salvo rendere pubblici e come tali criticabili (scientificamente), affossabili, destituibili di ogni fondamento tutti i risultati comunicati. Oppure, prendere atto della loro validità e da lì, continuare la ricerca. Non mi sembra che si chieda altro. Non so, forse i congressi a cui ha sempre partecipato Lei, non erano una cosa seria. Mio parere personale. Cordialmente

pgbenelli

Ven, 08/06/2012 - 08:19

finalmente la cupola si sgretola; lo dico da meico!

ORSOB

Ven, 08/06/2012 - 08:47

#6 disalvod, ci sarà un processo... ora o negli ultimi tempi, non si scappa dalla giustizia. Con "Tutte" penso di sapere a chi si riferisce, anche se penso sia stata ben manovrata e che ora le bruci molto esserlo stata e quindi nega. In quanto a ricadere sulle coscienze, occorrerebbe che le coscienze ci fossero. #7 antiquark, "tra crisi, tasse, Monti, IMU, Iva..... Agenzia delle Entrate è stato un anno disastroso" vale per molti. Cambiano i nomi per frugare meglio nelle nostre tasche, IMU al posto di ICI (mica hanno aumnetato l'ICI) Monti al posto di TreMonti (chi fa da se fa per tre, forse per 9 in questo caso) ecc.. La lotta per il riconoscimento di una libertà di cura sarà lunga e dura. Ci aiuta Gioia Locati (Grazie Gioia...), per combattere i poteri occulti occorre verità e luce.

curatola

Ven, 08/06/2012 - 08:51

quando si tratta di innovazioni bisogna valutare i danni del contribuire a ritardarle con quelli connessi alla loro adozione precoce e non vale il principio prudenziale. Serve l'attenzione alla tendenza a produrre benefici piuttosto che alla certezza di conseguirli. La cultura del rischio zero ci farebbe restare al tempo precedente alla scoperta del fuoco. Purtroppo l'ignoranza e l'incultura sono difficili da sconfiggere.

nickpaul

Ven, 08/06/2012 - 09:46

Pensate quanti milioni di morti avremmo potuto risparmiare se si fosse dato retta prima!!!

Ritratto di mauro santinelli

mauro santinelli

Ven, 08/06/2012 - 10:07

Io nn ho le conoscenze per valutare il metodo del Dott. Di Bella, ritengo però ke ogni persona possa seguire le terapie ke ritiene più idonee, nn è vero come qualkuno può ribattere ke i costi sono maggiori, xkè queste storie sono fatte ad arte per difendere le grandi ditte produttrici di farmaci, vedi la battaglia più ke giusta combattuta e vinta da Brasile/India x produzione farmaci x la cura dei sieropositivi, senza il permesso delle ditte farmaceutike, ke pretendevano milioni per l' utilizzo della formula (mentre milioni di persone potevano morire). Insomma saluto catartico: "meglio tardi ke mai".

fiordalisoblu

Ven, 08/06/2012 - 10:11

Poche Parole:gioia Sei Grandeee!!!! Grazie Per Le Tue Preziose Informazioni Da Tutti Noi Che Sosteniamo Da Sempre Il Metodo Di Bella Tra Sputi E Pernacchie. Un Caloroso Ringraziamento Anche Al Coraggioso Ordine Dei Medici Di Bologna E A Tutti I Prestigiosi Nomi Che Finora Hanno Sostenuto Il Dott. Di Bella. Anna

aviglianese

Ven, 08/06/2012 - 11:24

MA E' UNA NOTIZIA FANTASTICAAAAA sono troppo felice di questa cosa..un altro punto in più per questo metodo geniale che cura il cancro ! PRIMA O POI LA VERITA' VERRA' A GALLA..PENSO AI TANTISSIMI MALATI A CUI OTRA' ESSERE PSERIMENTATA LA CURA CON NOTEVOLI RISULTATI POSITIVI RISPETTO ALLA CHEMIO CHE DEFINISCO..VERGOGNOSA! GRAZIE GIOIA LOCATI SEI STUPENDA!

achispd

Ven, 08/06/2012 - 11:41

La "più bella che intelligente" Rosi Bindi era Ministro della Sanità all'epoca della controversia sul "metodo Di Bella". La Bindi osteggiò strenuamente le tesi del Professore modenese. Ricordiamocelo!

VITTORIO LAMPUGNANI

Ven, 08/06/2012 - 12:00

COLORO CHE SI ATTEGGIANO A UOMINI DI SCIENZA DEVONO ESSERE GIUSTI ED OBBIETTIVI,MA SE NON LA FANNO E' UN GRANDE RISCHIO CHE NON GLI CONSIGLIO DI CORRERE PERCHE' LA VERITA' PUR DI IMPORSI POSSIEDE MEZZI IMPLACABILI E PRESTO O TARDI LI USA .cosi diceva il famoso G.ROL -''chi ha orecchie da intendere ...intenda..VIKTOR 32

Albert1

Ven, 08/06/2012 - 12:04

@ #5 gnurante Diciamo che più se ne parla meglio è! Se poi di queste inutili conferenze se ne facessero 2 al mese tutti i mesi nelle maggiori città italiane, qualcosa mi dice che non sarebbe più come prima. Non è la o le conferenze in sè ma il fatto che si portino alla luce i risultati, positivi, della cura. "Tuttavia, prendo atto che ci sono medici che ottengono risultati. Ed io non posso dire a questi colleghi che stanno sostenendo posizioni non vere” ecco se i medici che ottengono risultati si moltiplicassero anche grazie ai congressi, la strada per una nuova sperimentazione è già aperta.

Monty

Ven, 08/06/2012 - 12:20

L’atteggiamento dell’Ordine dei Medici di Bologna è, semplicemente, quello che dovrebbe essere: un ordine professionale non è chiamato ad aderire ad un orientamento od a criticarlo, ma casomai a favorire una dialettica costruttiva basata su evidenze scientifiche. Poiché queste evidenze per il Mdb sono pacifiche per qualsiasi persona correttamente informata ed in buona fede, l’Ordine ha manifestato – col patrocinio concesso – un giudizio di serietà e attendibilità sulle proposte avanzate ed il suo interesse allo scambio di opinioni ed esperienze. Non vorrei che un’enfasi eccessiva nei nostri commenti, dato il perdurante clima di “caccia alle streghe”, suggerisse pressioni indebite su questa prestigiosa organizzazione professionale, che annoverò, prima del progressivo decadimento dell’etica e della cultura medica, nomi gloriosi come quello di Augusto Murri, Pietro Albertoni, Pietro Tullio e Domenico Campanacci. Un caro saluto a tutti.

mike63

Ven, 08/06/2012 - 12:26

E' una cosa bellissima!

papi.presidente3

Ven, 08/06/2012 - 13:07

so che per un giornale che ha la redazione scientifica come quella di topolino è difficile ma... "Ora l'ordine dei medici riconosce il metodo Di Bella" "Questo non significa che stiamo dando la patente al metodo Di Bella" quindi?

Albert1

Ven, 08/06/2012 - 13:42

@ #26 papi.presidente3 Quindi sei l'unico ad aver male interpretato la notizia e a non aver letto altri commenti dove si dice chiaramente .... che non hai capito la notizia. Ma soprattutto mi raccomando sempre e solo puro pessimismo tutte le volte che puoi. Grazie 1000 per l'inutile commento..

gnurante

Ven, 08/06/2012 - 15:04

#21 achispd : l'allora ministro della salute osteggiò la gratuità della somatostatina di cui, fino ad allora, non era stata dimostrata l'efficacia. Qualunque ministro avrebbe agito allo stesso modo: è la legge. La sperimentazione effettuata dopo non è stata convincente, vuoi perché è stata fatta male, vuoi perché in effetti la cura non era efficace come doveva essere per garantirne la gratuità ai pazienti. Qualunque medicina ci mette anni ed anni prima di entrare nel circuito, e ancora anni ed anni prima di essere distribuita a carico dello stato. Non vedo perché la cura di bella debba seguire un trattamento di favore. Sono contento che venga organizzato un convegno a riguardo: spero vengano presentati dei dati a riguardo e che questi vengano letti dai dibelliani e non con obiettività e rigore scientifico.

tofani.graziano

Ven, 08/06/2012 - 15:03

Un evento importante, speriamo atto a riconoscere il valore scentifico del metodo di cura del GRANDISSIMO PROFESSORE LUIGI DI BELLA.Vorrei che servisse anche al risveglio di qualche coscienza(se ce l'hanno)di chi tratto' in vita questa GRANDISSIMA PERSONA in modo cosi subdolo e vigliacco, me lo ricordo in una conferenza in mezzo a queste nullita' e mi vengono i brividi e anche un po' di commozione.In oltre speriamo che presto il riconoscimento per questa cura, la faccia divenire accessibile anche a chi purtroppo non ha disponibilta' economiche poiche' la vita umana ha ugual valore in tutte le persone

ottobrerosso

Ven, 08/06/2012 - 15:10

Gentile papi.presidente3, quindi...nessuno le impedisce di orientarsi verso quotidiani più scientifici. Detto questo non vedo dove sia il problema: le cartelle cliniche di chi è migliorato grazie all'MDB ci sono, il costo della cura ad oggi non sarebbe un peso eccessivo per l'SSN e a nessuno verrebbe tolto niente. Aggiungerei anzi che chi oggi si affida all'MDB trova ostacoli di ogni genere...e paga pure...le concedo (e mi creda, la consideri una benedizione divina) il beneficio del dubbio non pensando quello che non sarebbe possibile pubblicare, voglio solo sperare che lei sia un semplice troll. Quello che dovrebbe essere in cima ai suoi pensieri (ammesso e non concesso sia stato in fila durante la distribuzione dei cervelli) è solo ed unicamente il miglioramento di chi ha un grosso problema, a prescindere da come e da chi si cura. Avesse bisogno di ulteriori chiarimenti faccia un raglio.

Mizar08

Ven, 08/06/2012 - 18:14

@30: Il suo commento è una bella chiusura di settimana, col sorriso sulle labbra.. continui così! Quanto a papi.. guardiamo e passiamo, probabilmente la sua unità di misura per le pubblicazioni scientifiche è Topolino..

pietrom

Sab, 09/06/2012 - 01:29

@#28 gnurante: "Qualunque medicina ci mette anni ed anni prima di entrare nel circuito, e ancora anni ed anni prima di essere distribuita a carico dello stato. Non vedo perché la cura di bella debba seguire un trattamento di favore". I motivi sono i seguenti: 1) Non era una cura nuova, ma applicata da molti anni con risultati stupefacenti. 2) Il suo costo e' inferiore alle terapie classiche. 3) Le alterative alla terapia Di Bella sono la morte per la maggioranza dei pazienti. Questi motivi giustificano un trattamento di favore, in quanto e' in gioco la vita di un numero enorme di malati. Il rischio che si corre nell'utilizzo di una nuova terapia e' proporzionale alle percentuali di successo della terapia esistente; in questo caso un rischio trascurabile. Mi faccia sapere se non sono stato chiaro.

Roberto Casnati

Sab, 09/06/2012 - 21:01

Ma come? La "scienziata" Rosy Bindi condannò senza appello la cura Di Bella ed addirittura portò in tribunale il medico accusandolo di ciarlataneria e di "circonvenzione". Ora lo "scienziato" Rosy Bindi che fa? Tace? Non commenta? Eppure sarebbe per lei un'ottima occasione per dire altre stupidaggini, di solito non ne perde una.

Romeo61

Dom, 10/06/2012 - 09:21

" .... I parametri di valutazione usati nella sperimentazione della cura Di Bella" - ha commentato Madaro - "sono incostituzionali e non rispettosi dei principi di salvaguardia del diritto alla sopravvivenza. Infatti con la sperimentazione si cercava di valutare la drastica riduzione del tumore ma ai malati, specie quelli orfani di terapia, interessa la sopravvivenza e la qualità della vita. Fino a quando la Scienza si ispirerà a principi lontani dalla gente e dai malati, i giudici saranno costretti a ordinare la disapplicazione dei provvedimenti lesivi del diritto alla salute".

felicefranca

Lun, 11/06/2012 - 07:35

Essere lì e non vederla, averla lì e non abbracciarla: mi sono persa Gioia. Al Convegno di Bologna, mi sono persa Gioia. Ci saranno altre occasioni ma intanto questa è andata. Sono molto rammaricata. Questa comunque è l'unica nota negativa di una giornata altrimenti esaltante. I confronti con le varie comunicazioni, non lasciano DUBBI. MDB funziona eccome. MDB è meglio, anzi MDB è il massimo. Poi si può sicuramente tornare a leggere Freud come hanno suggerito alcuni relatori. Ma mi volete dire come si fa a leggere "Al di là del principio del Piacere" quando si deve vomitare l'anima perchè hai appena fatto una "chemio"? Buona giornata a tutti. Cordialmente.

Monty

Lun, 11/06/2012 - 10:19

xfelicefranca. Perfettamente d'accordo. Un intento della riunione era dar luogo ad un confronto dialettico tra posizioni diverse, delle quali ognuno si assume la responsabilità. L'importante è - come ha dimostrato l'atteggiamento dell'Ordine dei Medici di Bologna - mostrare interesse e rispetto per orientamenti non empirici, ma fondati su un razionale scientifico. Si possono criticare le rispettive posizioni, ma senza pretendere di censurare e tacitare qualsiasi voce fuori dal coro: cosa che ormai ci sembra improponibile ed autolesionistica.

losit3

Mar, 12/06/2012 - 07:46

ma come signori volete far sparire il magna magna a favore di un piccolo grande uomo, forse fra cento anni diranno ci dispiace ma ci siamo sbagliti ciaoooooo

Alex RDC

Mer, 08/08/2012 - 11:36

è importante che i cittadini possano scegliere liberamente la cura Di Bella piuttosto che altre cure come la chemioterapia, senza doverci rimettere economicamente. Ormai ne è passata di acqua sotto i ponti quando si volle boicottare il Prof. DI Bella con un sperimentazione-truffa. adesso si sa che la cura Di Bella funziona ed occorre non perdere tempo permettendo a chi vuole di usufruirne

Giulia Poli

Sab, 25/08/2012 - 10:56

Desidero esprimere la mia stima e la mia riconoscenza per questa giornalista che ha il coraggio della Gratitudine testimoniando pubblicamente e a beneficio di tutti la Verità sul metodo del prof. Luigi Di Bella. Grazie, GP