Padova, scoperta la molecola killer che uccide i tumori

Una ricerca italo-tedesca condotta dall'Università di Padova ha sintetizzato una molecole che attacca solo le cellule malate, pomendo le basi per una nuova terapia anti-tumorale

Sono state sintetizzate delle molecole in grado di "uccidere" le cellule malate: una ricerca dell'Università di Padova pone le basi per una nuova terapia anti-tumorale.

Si tratta di uno studio italo-tedesco, coordinato dall'università di Padova: "Direct pharmacological targeting of a mitochondrial ion channel selectively kills tumor cells in vivo" di Leanza, Romio e colleghi, pubblicato sulla prestigiosa rivista Cancer Cell. La ricerca è stata condotta da un gruppo di ricercatori italiani (prof.ssa Szabo, prof.ssa Paradisi, prof. Semenzato e dr. Zoratti) e tedeschi, coordinato da Ildiko Szabo del Dipartimento di Biologia dell'Università di Padova, e ha ricevuto il contributo di AIRC, MIUR, Regione Veneto, European Molecular Biology Organization e del Marie-Curie European trainig network.

Come funzionano le "molecole killer"

I ricercatori hanno sintetizzato delle nuove molecole che bloccano farmacologicamente il funzionamento del canale ionico Kv1.3 mitocondriale e causano l'alterazione della funzioni dei mitocondri: queste molecole sono in grado di causare nelle cellule tumorali che esprimono la proteina Kv1.3 un'eccessiva produzione di radicali liberi dell'ossigeno. Ciò provoca un forte stress ossidativo nelle cellule cancerose, ma risparmia le cellule sane.

Gli esperimenti

"I composti progettati e sintetizzati dal nostro gruppo di ricerca - spiega la prof.ssa Szabo - portano alla morte delle cellule tumorali in esperimenti di laboratorio in cellule isolate, anche quando queste sono resistenti ai chemioterapici. Le cellule sane invece sono risparmiate, sia perché il canale ionico è presente in quantità più basse, sia per via della limitata produzione di radicali liberi dell'ossigeno. I nuovi composti sintetizzati eliminano quasi del tutto le cellule B leucemiche che sono state utilizzate in laboratorio e sono state ottenute da pazienti affetti da leucemia linfatica cronica, una delle malattie ematologiche più diffuse nel mondo occidentale. Nel sangue ottenuto dallo stesso paziente solo i linfociti B patologici vengono eliminati, mentre i linfociti T sani, importanti per la difesa immunitaria, rimangono inalterati, dimostrando l'azione selettiva dei composti verso le cellule tumorali".

"Inoltre - continua la prof.ssa Szabo - abbiamo ottenuto risultati molto promettenti anche in topi di laboratorio, sia per il melanoma sia per l'adenocarcinoma del dotto pancreatico, i quali rappresentano due tipi di tumori con prognosi sfavorevole. In entrambi i casi è stata osservata una significativa riduzione del volume tumorale (rispettivamente del 90% e del 60%), senza alcun effetto collaterale per gli animali. In particolare negli animali è stata preservata la funzionalità cardiaca e immunitaria che sono spesso compromesse in seguito ai cicli di chemioterapia".

La nuova terapia

Questi risultati aprono la strada per una nuova terapia anti-tumorale. Il vantaggio dei nuovi composti, rispetto ai chemioterapici, è che agiscono attivamente uccidendo le cellule cancerose, tramite l'induzione di un malfunzionamento dei mitocondri, indipendentemente dalle molecole di segnalazione e dalle attività degli oncosoppressori, spesso alterate nelle cellule tumorali. A patto, naturalmente, che esse esprimano il canale Kv1.3 nei mitocondri.

Il Kv1.3 è un canale ionico che permette il passaggio selettivo di ioni potassio attraverso membrane biologiche. Si tratta di una proteina che forma un canale funzionale quando si trova nella forma tetramerica ed è presente ad alte concentrazioni in vari tipi di tumori. In particolare, Kv1.3 è presente negli organelli subcellulari che producono l'Atp, precisamente nei mitocondri, dove regola il funzionamento dell'organello. I mitocondri sono ottimi bersagli per la cura dei tumori perché, oltre a essere le centrali energetiche delle cellule, hanno un ruolo importante nel determinare il destino delle cellule cancerose.

Commenti

giovinap

Mar, 11/04/2017 - 13:13

bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla sono 50 anni che ci cantate queste canzoncine .

moammhedd

Mar, 11/04/2017 - 15:42

ma se arriva il killer in casaporgi laltra guancia,fate i signori e non i barboni

titina

Mar, 11/04/2017 - 17:52

Non so se è un caso, ma quando è tempo di dichiarazione dei redditi trovano sempre qualcosa di eccezionale. Sarà il 5 per mille?

eras

Mar, 11/04/2017 - 18:34

Si illudono i malati, ragazzi... vi rendete conto? Altro che pianeta alieno del piffero!

eras

Mar, 11/04/2017 - 18:36

Macché 5 per mille! Serve a raccogliere fondi per i carrozzoni anti-tumore (del c...)!

salvatore40

Mar, 11/04/2017 - 18:39

Grande,grandissima,lotta contro la Malattia. Fa onore al genere umano tutto ciò che fa progresso miglioramento qualità della vita. Il contrario e il contrasto con questo indirizzo è l'uccisione facile dell'essere umano : due fronti opposti,la vita e la mala-vita!

lawless

Mar, 11/04/2017 - 19:28

Un po di fiducia e di speranza non guasta.

duca di sciabbica

Mar, 11/04/2017 - 21:23

@titina - vorrei dirle che Lei è cinica e sto già con l'indice alzato, poi ci rifletto e l'indice mi s'ammoscia...che abbia ragione Lei? E comunque, se avete scoperto che i topi stanno bene, queste notizie pubblicatele solo sui giornali letti dai topi. Sai che consolazione, per uno che sta morire di cancro, sapere che però ci sono dei sorci che scoppiano di salute...

Popi46

Mer, 12/04/2017 - 07:09

Si tratta di una splendida notizia,se vera. I commenti scettici rivelano l'ignoranza(intesa come ignorare) del come le conoscenze scientifiche progrediscono,un passettino alla volta tra mille interrogativi e casualità. È ovvio che questa ricerca non significa rapida applicazione clinica su larga scala, ma sul piano scientifico è un bel passo avanti. Un sommesso appunto all'estensore dell'articolo: i mitocondri non sono organelli, sono organuli

polistrum

Mar, 05/09/2017 - 08:33

non so a cosa credere.....da una parte ci sono interessi per chi vive vendendo medicine e apparecchiature per diagnostica , dall'altra chi da speranza per una cura e una risoluzione della malattia . Una cosa è certa, più avanti si va più forti sono gli interessi economici e la rincorsa alla ricchezza , e questo mi porta a pensare ed essere certo che anche se ci sarà una cura o già c'è , difficilmente diventerà nota . Non mi fido di niente , che ci posso fare..