Primo sì al "pillolo". Ha pochi effetti collaterali

Il test afferma che il farmaco è sicuro e abbassa i livelli di due ormoni

Primo sì al "pillolo", la versione maschile della nota pillola anticoncezionale. Anche il nostro lui in futuro potrà prenderlo e ridurre il rischio di una gravidanza indesiderata. Da quanto afferma il primo test clinico di fase 1, il farmaco anticoncezionale orale sarebbe sicuro e con pochi, praticamente inesistenti, effetti collaterali. Dimostrandone anche la tollerabilità. I risultati dello studio sono stati presentati al congresso Endo 2019 della Endocrine Society a New Orleans. Il primo test, denominato 11-beta-MNTDc, ha coinvolto 40 volontari sani. Trenta di loro hanno assunto il farmaco per 28 giorni consecutivi, mentre ai restanti dieci è stato somministrato un placebo.

La molecola da cui è formato il medicinale è un testosterone modificato che, grazie all’unione di un ormone maschile, l’androgeno con il progesterone, oltre a impedire la nascita dello spermatozoo, mantiene i caratteri sessuali secondari. Come hanno spiegato i ricercatori del Los Angeles Biomedical Research, lo studio era incentrato prevalentemente a stabilire la sicurezza del farmaco, e quindi l’assenza di effetti collaterali importanti. Il fatto che però sia emerso anche l’abbassamento dei valori dei due ormoni, fa pensare che possa anche essere efficace. L’autrice del test, Christina Wang, ha sottolineato come il risultato ottenuto suggerisca “che la pillola, che combina due attività ormonali in una, farà diminuire la produzione di spermatozoi preservando la libido”.

In futuro dovranno essere condotti altri esami clinici sul pillolo, ma la scienza sembra essere ottimista. Se anche i prossimi test avranno i risultati sperati, la pillola maschile potrebbe presto comparire in farmacia. I ricercatori parlano di un’attesa di circa 10 anni prima che il farmaco venga messo in commercio. “Stiamo sviluppando due farmaci per via orale in parallelo nel tentativo di compiere un importante passo in avanti nel mondo della terapia contraccettiva” hanno detto gli studiosi. Ma gli uomini saranno davvero dell’idea di prenderlo? Secondo un sondaggio il 55% degli intervistati non si rifiuterebbe di assumere il pillolo.