La scoperta dei medici di Torino rivoluziona la lotta al mal di testa

Il gruppo di ricerca dell'ospedale Molinette di Torino ha svelato il ruolo delle adipochine nello sviluppo del mal di testa cronico

Una scoperta che potrà rivoluzionare la lotta della medicina contro il mal di testa, malanno fastidioso e di cui sono vittime moltissimi italiani. Soprattutto delle cefalee croniche.

La scoperta sulle cefalee

Il gruppo di ricerca della I^ Clinica Neurologica universitaria dell'ospedale Molinette di Torino, infatti, ha svelato quale sia il ruolo delle adipochine (sostanze chimiche dell'organismo) nel far sviluppare il mal di testa cronico. A guidare la ricerca sono stati i professori Lorenzo Pinessi ed Innocenzo Rainero e i risultati delle loro indagini sono state pubblicate sulla rivista Cephalalgia.

I numeri parlano chiaro: la cefalea cronica è un malanno che investe una fetta considerevole della popolazione italiana. Le ultime ricerche stimano una percentuale del 3-4% del totale dei cittadini italiani. E spesso queste persone non riescono a trovare una soluzione al problema.

La scopera del gruppo di ricerca potrebbe però aiutare a combatterlo. Le adipochine, le sostanze di cui è stato svelato il ruole nelle cefalee, sono prodotte dal tessuto adiposo dell'organismo e gestiscono funzioni fondamentali del sistema immunitario, regolano il peso corporeo e la "resistenza all'insulina".

Come spiega Repubblica, "le loro alterzioni possono causare l'emicrania cronica".

Commenti

meverix

Gio, 01/09/2016 - 12:31

Quindi?

Ritratto di misogino

misogino

Gio, 01/09/2016 - 16:02

non ditelo alle donne

joecivitanova

Gio, 01/09/2016 - 18:33

..come tutte le 'grandi menti' del passato e del presente, anche io soffro, spesso, di 'emicrania' (solo che a me purtroppo, s'è sviluppata, nel corso degli anni, soprattutto la seconda parte del 'legame', per così dire..); quindi permettetemi di esprimere i miei dubbi in merito alla 'rivoluzionaria' 'scoperta'..!! g.

Stormy

Gio, 01/09/2016 - 19:06

Quindi? 2 Ma che articoli fate?