Lo studio: scuotere i neonati quando piangono può portare alla morte

I medici hanno spiegato che scuotendo i neonati quando piangono si causano gravi danni neurologici che in alcuni casi portano alla morte

Non scuotete il vostro bambino quando piange: potrebbe ammalarsi della "Sindrome del bambino scosso" che provoca gravi danni neurologici.

Quante volte vi è capitato di cullare con un po' troppa grinta vostro figlio? Ecco, non fatelo più peché i medici hanno spiegato che il vostro gesto può provocare danni irreparabili. Scuotere il bambino quando piange è davvero pericoloso perché provoca la "Sindrome del bambino scosso". I medici specificano che questo problema si verifica soprattutto con genitori troppo giovani che non sono esperti in tema di bambini piccoli.

I sintomi di questa patologia sono vomito, convulsioni e danni neurologici che possono portare fino al coma e addirittura alla morte. I medici definiscono questa sindrome "Abusive Head Trauma" (AHT), ovvero trauma cranico conseguente a un abuso. I bambini interessati, a lungo termine, possono presentare difficoltà di apprendimento, cecità, disturbi dell'udito o della parola, epilessia e paralisi.

Secondo un recente studio condotto in Scozia, Stati Uniti, Nuova Zelanda e Svizzera, l’incidenza di AHT sarebbe di 14,7-38,5 casi ogni 100mila bambini. In Italia, non ci sono dati certi, ma si parla di 3 casi ogni 10mila bambini. La Società Italiana di Neonatologia (SIN) ha lanciato una campagna di sensibilizzazione sul tema. Generalmente, si ammalano bambini tra i 4 e i 6 mesi anche perché hanno la testa più pesante rispetto al corpicino e non riescono a sorreggerla.