Salvini da Mentana. "Rispetto giudici, ma qualcuno è politicizzato"

Matteo Salvini intervistato da Mentana: "I giudici? Non faccio di un'erba un fascio, ma è evidente che qualcuno è politicizzato"

Dai conti dello Stato ai conti della Lega, dall'immigrazione agli attacchi mediatici (e non). Matteo Salvini fa il punto dei primi mesi di governo con Enrico Mentana, che lo ha intervistato alla Fondazione Don Gino Rigoldi.

Governo alle prese ora con una manovra economica che vuole - almeno negli intenti - accontentare i sostenitori di entrambi gli schieramenti mantenendo le promesse elettorali, senza sforare i vincoli europei e provocare una dura reazione dei mercati. "Non voglio sbagliare questa manovra economica", ha detto il vicepremier, "Come abbiamo fatto sull'immigrazione, voglio che dia un segnale chiaro: volere è potere. Non dobbiamo fare lo stesso errore di perdere il contatto con l'economia reale".

Ma è inevitabile parlare anche dei conti della Lega, nel mirino della procura di Genova che ha disposto un sequestro preventivo di 49 milioni di euro per la vicenda de rimborsi elettorali illeciti intascati dal Carroccio tra il 2008 e il 2010. "Il sequestro preventivo è bizzarro", ha detto Salvini. Che ha ribadito: "Ci chiamiamo Lega e ci chiameremo Lega. Fino a prova contraria, uno è colpevole alla fine del giudizio e vedremo come andrà a finire".

Il vicepremier nei giorni scorsi ha duramente criticato i giudici proprio per la sentenza sui fondi e per le indagini a suo carico in particolare per la gestione della vicenda Diciotti: "Non ho mai inteso attaccare la magistratura come corpo", ha detto, "Mai ho inteso dire che tutti magistrati e giudici italiani fanno politica, che non lavorano o non sono obiettivi. Ma che ci sia qualche caso di giudice politicizzato mi sembra evidente. Mi è sembrata un'indagine molto curiosa, ma ho troppo rispetto per fare di tutta l'erba un fascio. Magistratura democratica? È loro diritto fare politica però poi se ne assumono la responsabilità se qualcuno gli dice che fanno politica"

Salvini rigetta anche le accuse di "sequestratore di persona" mosse dai pm di Agrigento e Palermo per aver bloccato in mare la nave Diciotti carica di migranti. "Ho fatto un atto politico che è nel mio programma di governo", ha assicurato, "Diciamo che poi spiegare a tuo figlio che il papà non è un sequestratore non è... Io ne avrei fatto a meno. Magari porta voti e consenso, dice qualcuno. Venerdì sarò a Vienna, dove ci sono 27 Paesi europei. Ci vado da ministro che è il primo partito del governo. Qualche collega mi dirà: perché è indagato? C'è un pezzo di Stato che indaga un altro pezzo di Stato...", ha concluso Salvini.

Commenti

Una-mattina-mi-...

Lun, 10/09/2018 - 21:03

IO RISPETTO CHI MI RISPETTA, E QUESTO VALE ANCHE PER I PRESUNTI GIUDICI, OMUNCOLI COME ME.

Pigi

Lun, 10/09/2018 - 21:07

"...C'è un pezzo di Stato che indaga un altro pezzo di Stato..." Correggiamo: "un pezzo di Stato deviato che indaga come vuole lui". Per quanto riguarda i fondi, tagliare i ponti completamente con la Lega nord di Bossi è il modo più sicuro per evitare problemi. Già ora i gruppi parlamentari sono iscritti alla Lega per Salvini premier, quindi i rimborsi ai gruppi parlamentari non posson essere toccati.

franfran

Lun, 10/09/2018 - 21:28

E' perfino lapalissiano che i giudici di rifondazione comunista sono ispirati dal livore, dalla cattiveria e dall' invidia; fruttano la loro posizione per vendicarsi di chi non la pensa come loro. Infatti i loro eroi sono i delinquenti e li opportunisti mentre noi abbiamo a cuore la gente per bene.

venco

Lun, 10/09/2018 - 21:31

Certo, alla dittatura dei governi di sinistra è subentrata la dittatura della casta dei magistrati politicizzati di sinistra. Si sappi che il 90% di loro sono associati a Magistratura Democratica, che di democratico non ha niente.

roberto zanella

Lun, 10/09/2018 - 21:53

E' troppo corretto ...io chiederei al CSM di spiegare come mai una Corrente della Magistratura si metta a fare politica

DemetraAtenaAngerona

Lun, 10/09/2018 - 21:55

SI possono consultate varie fonti da cui si vede che l’elenco di politici “attenzionati’ dalla giustizia è lungo e variegato di colori politici e reati. LA MAGISTRATURA INDAGA GIUDICA PROSCIOGLIE PRESCRIVE CONDANNA ECC INDISCRIMINATAMENTE TUTTI DI TUTTI I COLORI PER LA GIOIA O IL DOLORE DI QUESTI O QUELLI A SECONDO DELL'APPARTENENZA. ...e il procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi che ha inviato il documento a Salvini non è “rosso” a Salvini sarebbe piaciuta questa notizia….dal Giornale do Sicilia LOVOI ordina il...Sequestro del campo nomadi a Palermo, Lo Voi: Pericoli per gli occupanti e per i cittadini che passano da lì"***

beale

Lun, 10/09/2018 - 22:05

La magistratura: un ordine che vuole farsi potere. i magistrati rispondono alla legge? quando criticano le leggi allora fanno politica venendo meno al rispetto verso il potere legislativo.

stopbuonismopeloso

Lun, 10/09/2018 - 22:50

ci sono magistrati che usano il proprio ruolo professionale per fare lotta politica scorretta, è un dato di fatto incontrovertibile e una mostruosità inaccettabile

Popi46

Mar, 11/09/2018 - 06:29

Ma che zebedei con ‘sto “rispetto”! Rispetto qui,rispetto la’, rispetto da quell’altra parte....quando si è capito benissimo che, se potessero, si accoltellerebbero mooooolto volentieri

Duka

Mar, 11/09/2018 - 07:44

Dire: " qualcuno è politicizzato, Alcuni sono....., In qualche caso...ecc" è sintomo di paura nera mentre la gente, IL POPOLO VOTANTE, vorrebbe nomi e cognomi di tutti quelli che oltre a fare il mestiere di PM fanno anche politica e sono la stragrande maggioranza altro che qualcuno.

Giuseppe45

Mar, 11/09/2018 - 08:14

Che ci siano stati episodi di alcuni "pool" spudoratamente schierati a sinistra, dimostratisi eversivi e sovversivi, è innegabile e storicamente dimostrato. I magistrati debbono essere super partes e imparziali altrimenti applicano una giustizia parziale e vincolata a ideologie politiche. Questo metodo è assolutamente inammissibile. Riformare la Magistratura diventa perciò un imperativo categorico!

Renee59

Mar, 11/09/2018 - 08:35

Fino a che la Giustizia, i Veri Giudici non si libereranno di queste correnti, non si potrà mai avere piena fiducia in essa.

MOSTARDELLIS

Mar, 11/09/2018 - 08:37

Infatti è difficile spiegare a chiunque il comportamento della magistratura italiana. Tuttavia le persone di una c erta età ricorderanno che tutta questa assurda storia inizia con Mani Pulite a Milano e non è mai finita.

Papilla47

Mar, 11/09/2018 - 08:47

Hai tutti contro perchè minacci il cambiamento. Il cambiamento non è gradito a quella parte di popolazione che vive nel benessere e nel potere non per meriti ed è normale assistere al loro contrattacco per fermare iniziative che potrebbero sovvertire lo status quo. C'è bisogno di un referendum sulla migrazione e sull'uscita dall'euro. Fatelo decidere al popolo italiano e non a gente ubriaca a giorni alterni.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 11/09/2018 - 10:14

DemetraAtenaAngerona - 21:55 Le consiglio di leggere due interessanti libri: La toga rossa (Misiani-Bonini) e L'ultracasta dei magistrati del giornalista Stefano Livadiotti (Gruppo Repubblica Espresso). Oltre quanto da lei sottolineato, credo che quelle eltture contribuiranno a darle un maggior "spetro" afferente quell'ordine.

paràpadano

Mar, 11/09/2018 - 10:52

Ma perché chiamarla magistratura democratica ? il suo vero nome è PMC. Partito Magistrati Comunisti punto