San Lorenzo, una notte sulle note di Mozart

Valeria Pedemonte

È difficile a Milano assistere alla caduta delle stelle la notte di San Lorenzo e lasciarsi affascinare da tutto ciò che succede nell'arco del cielo quella magica notte: ci sono troppe luci e non c'è concentrazione.
Ma, chi desidera rivivere arcani avvenimenti nella notte della campagna e vedere le stelle cadenti nel firmamento, domani sera, può andare nell'Azienda Agricola Montelio nel Comune di Codevilla (Pavia) dove, nell'ambito del Festival Ultrapadum, alle 21,15, prende vita una serata sul tema Le Note di San Lorenzo con la partecipazione del Divertissement Clarinet Quartett dove verranno eseguite celebri arie di Albinoni, Mozart, Rossini, Weill, Ciaikovskij, Gershwin, Joplin.
Il quartetto è formato da Maurizio Zampognino, Ivano Randoni, Andrea Agostani e Mosé Chiavoni. L'incasso della serata, dove viene richiesto un piccolissimo contributo, sarà devoluto all'Associazione per la ricerca sui tumori cerebrali del bambino. Come dire: il piacere della vista e dell'ascolto rivolti a fin di bene.
Il celebre direttore d'orchestra Herbert von Karajan ha lasciato scritto: «…La musica è creata dall'uomo ma, se non si riesce a vedere nulla al di là delle note e non servirà ad arricchire l'anima dell'uomo per donargli qualche cosa che ha perduto, tutto è inutile…».
La musica parla tutte le lingue, non crea diversità ed è bello inseguirla nei luoghi più disparati «Perché - ci tengono a far sapere gli organizzatori del Festival Ultrapadum - quest'arte ha la magnetica capacità della potenzialità aggregativa».