Santi veri o presunti alla corte di Napoleone

Egr. Sig. Rino Di Stefano, faccio seguito al telefonata dianzi intercorsa, per complimentarmi dell'articolo a pag 50 «San Napoleone?» e vorrei aggiungere alcuni dati:
1) la festa di «S. Napoleone» è stata emanata con legge del 6 febbraio 1806. 2) è stata fissata il 15 agosto (tutti hanno sempre detto per legarla al compleanno) mentre nell'articolo 1 della legge è scritto: «... il giorno 15 Agosto di ciascun anno, giorno dell'Assunzione, ed epoca della conclusione del Concordato». 3) allego La circolare del Vescovo di Genova e firmata dal Vicario Generale G. Giustiniani che il 6 luglio informa tutti i Parroci del Parrocchie del «Nuovo Santo e della Nuova Messa». 4) nel Calendario si doveva scrivere il nome di S. Napoleone in maiuscolo, mentre quello dell'Assunta in minuscolo. Ho controllato moltissimi calendari presso l'archivio dell'Università di Genova e ho trovato solo uno, quello del 1812, scritto tutto in Francese, con entrambi i nomi, ma tutti e due in maiuscolo. 5) leggendo i Giornali dell'epoca, sia nella provincia di Genova, come quella degli Apennini (Chiavari) e quella di Montenotte (Savona) venivano realizzate funzioni solenni nelle chiese e cantato il Te Deum, come prescriveva la legge. all'articolo 3. 6) Vicino a Marengo, anche per il ricordo della grande vittoria, esisteva una chiesa dedicata a S. Napoleone, ma non sono ancora riuscito a rintracciarla.
La Chiesa ci teneva a concludere un concordato e ha regalato anche ... un Santo all'Imperatore! Complimenti alla giornalista Maria Luisa Bressani.
Saluti cordiali a tutti