Alex Baroni, il fratello: “Poche occasioni pubbliche per ricordarlo”

Ospite di Caterina Balivo a “Vieni da me”, il fratello del cantante milanese scomparso nel 2002 parla dei giorni dell’incidente: “In ospedale per 25 giorni fu un’invasione”

Alex Baroni è scomparso il 13 aprile 2002 ma quella voce irripetibile, a 17 anni di distanza, resta sempre nel cuore di chi gli è stato vicino. Il cantante milanese è stato omaggiato nel corso della puntata di Vieni da me andata in onda nel pomeriggio del 9 ottobre 2019 su Rai1.

Ospite di Caterina Balivo, Guido Baroni, il fratello di Alex, ha ripercorso la breve ma folgorante carriera di una delle voci più intense della musica italiana. Un dolore profondo, di cui ancora fa fatica a parlare. L’incidente stradale che spezzò la vita del cantautore avvenne a Roma nel pomeriggio del 19 marzo: quei 25 giorni furono lunghissimi.

Dopo l’incidente – ricorda Guido – tantissime persone sono arrivate in ospedale. Ci volle l’aiuto di due corazzieri, amici di Alex che si offrirono volontariamente, per mantenere l’ordine. In quei momenti, gli amici di Alex e Giorgia ci hanno confortato. Alex è morto dopo 25 giorni in ospedale”.

Alex Baroni, il fratello: “Parlare di lui ha un costo emotivo”

Riprendersi non è stato affatto semplice, ma la famiglia si impegna ogni giorno per tenerne viva la memoria. “Sono sempre felice di parlare di Alex – spiega Guido –, anche se per me ha un costo emotivo: ci sono poche occasioni pubbliche per ricordarlo, ma anche tante persone che gli rendono tributo”.

Il fratello ricorre ad un simpatico aneddoto per sottolineare quella voce eccezionale ed unica. “Ricordo una volta – racconta – che mi ha chiamato per cantare un jingle assieme a lui, ma il fonico diceva che c’era qualcosa che non andava e che non usavo bene il diaframma. Così ho fatto finta di cantare e il fonico disse: ‘Perfetto!’. È questo il motivo per cui io non canto”.

Massimo Calabrese, il produttore di Alex Baroni, ricorda infine quando lui e Giorgia lo invitarono al suo concerto per la prima volta. La storia d’amore tra i due cantanti era iniziata nel 1997 e finita poco prima dell’incidente di Alex.

Lo seguimmo da dietro le quinte – dice commosso Calabrese –. Poi siamo andati a cena tutti insieme: ho capito subito che era scattato l’amore”.