"Annabelle 2" fa paura, ma non agli spettatori

Al box office noi piangiamo, ma non è che gli altri ridano

Noi piangiamo, ma non è che gli altri ridano. Negli Usa, infatti, si stanno leccando le ferite, con un incasso estivo complessivo che, per ora, è inferiore del 10% rispetto a quello del 2016 e con grandi catene cinematografiche che registrano perdite non indifferenti. Questa settimana, per esempio, vi era curiosità intorno al debutto, nelle sale statunitensi, dell'atteso La Torre Nera (da noi, uscirà questo giovedì), il blockbuster tratto dalla saga di Stephen King.

Ebbene, l'esordio è stato al di sotto delle aspettative, visto che la pellicola (tra l'altro, pessima) ha venduto biglietti per 19,5 milioni di dollari (ma a questi, vanno aggiunti altri 8 milioni raccolti nel resto del mondo), creando qualche apprensione, in chi l'ha prodotta, considerando che il budget è stato di 60 milioni. In attesa di vedere che impatto avrà questo film fantasy anche sul nostro botteghino, l'Italia ha premiato, nel fine settimana, l'horror, molto ben fatto, Annabelle 2, che ha avuto una buona risposta di pubblico (considerando che era il weekend delle grandi partenze per le ferie estive) ottenendo, in quattro giorni, 930.621 euro, spodestando, così, Spider-Man: Homecoming (che ha già incassato 7.790.370 euro).

La buonissima performance di Annabelle 2, però, non è servita a far quadrare i conti, rispetto a un anno fa, facendo registrare, nel confronto, un box office complessivo inferiore del 12,8%. Almeno, è stata vinta la sfida con il dato di sette giorni prima, migliore, addirittura, del 25%. Sabato, è stato proiettato, in anteprima, Atomica Bionda, con Charlize Theron, che ha ottenuto 98.628 euro, in attesa del suo debutto ufficiale previsto giovedì 17.